MiR nel primo trimestre aumenta il volume d’affari del 55%

Pubblicato il 3 maggio 2021

L’inizio del 2021 è stato molto impegnativo per il personale della linea di produzione della sede centrale di Mobile Industrial Robots (MiR) in Danimarca, che ha ricevuto un’impennata di ordini di robot mobili collaborativi durante il primo trimestre.

Molti clienti sono aziende multinazionali che continuano a ordinare grandi flotte di robot MiR per implementare l’automazione, migliorare la gestione dei materiali e la logistica interna nei propri stabilimenti. L’automazione e la digitalizzazione per le aziende che operano nell’industria manifatturiera sono misure considerate cruciali per consolidare la propria attività durante la pandemia di Covid-19 e per affrontare il futuro. Questo è uno dei motivi per cui molti progetti pilota che utilizzano robot mobili si sono trasformati in progetti su larga scala che includono grandi flotte fino a 50 robot.

A livello mondiale sono diverse migliaia gli operatori che lavorano ora al fianco dei robot MiR, i quali si muovono autonomamente e ottimizzano i flussi di lavoro presso grandi aziende come Novo Nordisk, Ford e Honeywell. I risultati per MiR sono concreti, con un significativo aumento delle vendite nel primo trimestre del 2021, pari al 55% in più rispetto allo stesso trimestre del 2020. Ciò significa che MiR ha raggiunto i migliori risultati di sempre durante il primo trimestre di quest’anno.

L’automazione del trasporto interno continua a ritmo serrato/sostenuto nell’industria automotive ed elettronica, ma gli AMR iniziano ad essere ampiamente utilizzati anche nel settore dei beni di largo consumo (FMCG), nell’industria farmaceutica e nella logistica. La pandemia globale ha anche generato il boom dello sviluppo di moduli di sanificazione per i robot MiR, che vengono utilizzati per disinfettare in modo autonomo uffici, ospedali e altri luoghi pubblici, con l’obiettivo di ridurre al minimo la diffusione del virus.

La crescita di MiR è anche dovuta all’aumento dell’interesse per la flessibilità di integrazione delle piattaforme robotiche MiR nei prodotti e soluzioni esistenti degli OEM, giacché diversi produttori di tecnologia vogliono rendere le loro soluzioni di automazione mobili e flessibili. Un esempio è KEN Hygiene Systems che tramite i robot MiR ha automatizzato il riempimento e lo svuotamento delle autoclavi nei centri di sterilizzazione degli ospedali.

Søren E. Nielsen, presidente di MiR

Analisi: la robotica aiuta a incrementare il business
I clienti di MiR rientrano tra le aziende che hanno scelto di aumentare i loro investimenti in automazione durante la pandemia di coronavirus. Secondo un’analisi del progetto Innovation Benchmark, finanziato dalla Danish Industry Foundation e condotto dall’Istituto Tecnologico Danese, dalla Copenhagen Business School e dall’Università della Danimarca meridionale si evince che: il 34% delle aziende che ha aumentato gli investimenti durante la pandemia di coronavirus ha visto un aumento del fatturato, mentre solo il 3% delle aziende che ha ridotto gli investimenti ha registrato un aumento del fatturato. Il 29% delle aziende che ha investito ha aumentato il personale, contro solo il 3% che non ha fatto investimenti in automazione, innovazione e digitalizzazione è stata costretta a impiegare più persone.

Gestione della flotta scalabile, qualità e servizio globale
Dal 2015, quando MiR ha rivoluzionato il mercato dei robot da trasporto presentando il suo primo cobot MiR100, il numero di soluzioni concorrenti è aumentato notevolmente. Il pioniere danese ha quindi continuato a investire per assicurarsi di rimanere competitivo rispetto gli altri protagonisti del mercato per quanto riguarda la qualità, maturità del prodotto e servizio globale. Søren E. Nielsen, che nel 2020 è passato da CTO a CEO di Mobile Industrial Robots, ha affermato:

“La qualità e il servizio sono fondamentali. I nostri clienti ora implementano i robot direttamente nelle loro linee di produzione principali e per questa ragione i nostri robot devono soddisfare requisiti industriali di altissimo livello. Parte del motivo per cui i risultati del Q1 sono così strabilianti, è il forte aumento delle vendite del nostro ultimo robot, il MiR250. È costruito espressamente robusto per l’uso nell’industria, ma allo stesso tempo agile. Inoltre è il robot più sicuro del mercato adatto per la produzione dinamica e gli ambienti logistici. Ci siamo concentrati sull’ulteriore sviluppo del sistema di flotta già consolidato, MiR Fleet, per gestire i robot MiR e per integrarli negli altri sistemi utilizzati dal cliente, come ERP e WMS. In questo modo abbiamo reso più facile per i clienti rendere scalabili le flotte di robot MiR, sia a livello locale che in più sedi. Inoltre, abbiamo appena lanciato un nuovo modulo di servizio per supportare tutti i nostri clienti, a livello locale e globale”.

La crescita richiede molti talenti
Il primo trimestre 2021 ha visto l’entrata nell’organizzazione MiR di ventisei nuove figure di alto livello, assunte per sostenere la crescita e lo sviluppo dell’azienda su tutti i fronti. Questo equivale a un aumento del personale del 10% e gli ottimi risultati del primo trimestre fanno sì che l’azienda stia già selezionando nuovi talenti: sono infatti aperte 21 nuove posizioni a livello globale.

“Il 2020 è stato un anno impegnativo per tutti, che ha segnato un rallentamento della crescita su più fronti, compreso il numero dei dipendenti, rispetto agli anni precedenti. Per quanto ci riguarda, il nostro tasso di crescita sta aumentando di nuovo e non intendiamo fermarci, stiamo infatti lavorando a nuovi progetti. Dal punto di vista dell’organico, stiamo ricercando 10 nuove figure per il supporto del nuovo concetto di servizio, e altri 10-15 dipendenti per nuove iniziative nel prossimo futuro” ha sottolineato Nielsen.



Contenuti correlati

  • Motus Operandi

    L’occhio attento della nostra rubrica punta stavolta su Motus Operandi (http://motusoperandi.com), un’azienda innovativa, nata nel 2017, che opera nel settore della robotica industriale impiegando tecnologie di intelligenza artificiale e Cloud Computing… Leggi l’articolo

  • Tech Boys and Girls: Enrico Prosperi

    Sempre di più la sinergia tra competenze e settori apparentemente diversi tra loro danno una sostanziale spinta al progresso e alla scienza. E sempre più spesso assistiamo all’interconnessione tra medicina e ingegneria informatica. L’intervista di questo mese...

  • Vodafone Industrial Connect
    Digitalizzazione del manifatturiero italiano con Vodafone Industrial Connect

    Vodafone Business, Cisco e Alleantia collaborano per aiutare ad accelerare il processo di transizione digitale delle imprese italiane. Da questa collaborazione nasce Vodafone Industrial Connect, una soluzione IoT chiavi in mano progettata per digitalizzare gli impianti di...

  • Michelin di affida a Ferretto Group per realizzare il suo nuovo magazzino in Messico

    Si consolida la collaborazione tra Ferretto Group e Michelin, colosso mondiale della produzione di pneumatici. L’azienda vicentina, tra i principali operatori italiani nel campo del magazzinaggio e della movimentazione dei materiali, realizzerà infatti per Michelin un nuovo...

  • I Competence Center in primo piano a Mecspe

    Manca poco alla 19ᵃ edizione di Mecspe, l’evento dedicato all’industria manifatturiera italiana, in programma dal 23 al 25 novembre a Bologna Fiere, con 92mila mq di superficie espositiva, 18 padiglioni, 13 saloni, 46 iniziative speciali e convegni, e...

  • igus sew cavo ibrido
    Erogazione di energia e dati nel cavo ibrido unico igus per motori SEW

    Ingombro ridotto, compattezza e velocità: sono questi i requisiti dei motori di nuova generazione. Per allinearsi con questa tendenza, sono sempre di più i produttori di azionamenti che scelgono la tecnologia ibrida per risparmiare spazio. Anche igus...

  • Webinar Rollon il 27 ottobre: incrementare la produttività del robot con un settimo asse

    L’integrazione di un settimo asse con un robot antropomorfo permette di acquisire un grado di libertà extra, rispetto ai tradizionali sei del robot stesso. Si tratta di un’opzione utilizzata con successo in diverse applicazioni nell’ambito del packaging,...

  • La produzione prende forma grazie alla robotica

    Nel settore industriale, l’automazione dei processi ha acquisito un ruolo sempre più importante lungo l’intero flusso di lavoro. Carol Richter, product manager di Reichelt Elektronik, spiega come i cambiamenti in atto nel campo della robotica possano contribuire...

  • Capacità di sollevamento maggiore per i robot mobili autonomi grazie a due nuovi prodotti ROEQ 

    La diffusa carenza di manodopera e la crescita fenomenale nel settore della vendita al dettaglio online, esercitano un’enorme pressione su magazzini, logistica e impianti di produzione e spingono le aziende a massimizzare gli investimenti in automazione. Aumentare...

  • Premio Mercurio 2021: Comau riceve una menzione speciale per la robotica nelle smart factory

    Fin dal 1999 l’Associazione Mercurio assegna il premio alle aziende che si distinguono per il contributo dato alla promozione della collaborazione fra Italia e Germania sul piano economico e culturale. La decisione di attribuire questa menzione speciale...

Scopri le novità scelte per te x

  • Motus Operandi

    L’occhio attento della nostra rubrica punta stavolta su Motus Operandi (http://motusoperandi.com), un’azienda innovativa, nata nel 2017, che...

  • Tech Boys and Girls: Enrico Prosperi

    Sempre di più la sinergia tra competenze e settori apparentemente diversi tra loro danno una sostanziale spinta...