Nuove frontiere per robotica e AI

Dalla rivista:
Automazione Oggi

 
Pubblicato il 3 aprile 2024

Marc Segura, presidente della Divisione Robotics di ABB, individua tre fattori trainanti per le soluzioni di AI guidate dalla robotica

“Il 2024 vedrà una crescente attenzione relativamente al ruolo dell’AI. Da robot mobili e cobot, all’abilitazione di nuove applicazioni robotiche in nuovi settori e alla creazione di nuove opportunità di apprendimento e sviluppo per le persone, queste nuove frontiere dell’intelligenza artificiale stanno ridefinendo il futuro della robotica industriale” afferma Marc Segura, presidente di ABB Robotics Division.

AI e nuovi livelli di autonomia

L’accelerazione dei progressi dell’AI sta ridefinendo le possibilità della robotica industriale. L’intelligenza artificiale sta migliorando ogni aspetto, dalla capacità dei robot di afferrare, prelevare e posizionare, alla capacità di muoversi e navigare in ambienti dinamici. Dai robot mobili ai cobot e oltre, l’intelligenza artificiale sta conferendo ai robot livelli di velocità, precisione e capacità di carico senza precedenti, consentendo loro di svolgere un maggior numero di compiti in ambienti come fabbriche flessibili, magazzini, centri logistici e laboratori. “I robot mobili abilitati all’AI possono trasformare settori come la produzione discreta, la logistica e i laboratori” continua Segura. “I robot dotati della nuova tecnologia Visual Simultaneous Localization and Mapping (Visual Slam) di ABB, ad esempio, hanno capacità di mappatura e navigazione avanzate, garantendo nuovi livelli di autonomia e riducendo notevolmente l’infrastruttura necessaria alle precedenti generazioni di robot guidati. Questo apre la strada al passaggio da linee di produzione lineari a reti dinamiche, in grado di creare grandi efficienze e in grado di occuparsi dei compiti più noiosi, sporchi e pericolosi, per consentire ai lavoratori di svolgere attività più gratificanti”.

AI e robot in nuovi settori

Il potenziale offerto dalla robotica abilitata dall’intelligenza artificiale sta influenzando settori ben diversi da quello manifatturiero. Si prevede che nel 2024 queste tecnologie apporteranno sostanziali miglioramenti dell’efficienza in ambienti più dinamici, come l’assistenza sanitaria e le bioscienze, nonché nella vendita al dettaglio. Un altro esempio è il settore delle costruzioni, dove la robotica alimentata dall’intelligenza artificiale può dare un contributo sostanziale all’aumento della produttività, al miglioramento della sicurezza e alle pratiche di costruzione sostenibili, stimolandone al contempo la crescita. “L’industria delle costruzioni è un ottimo esempio di un settore in cui i robot dotati di intelligenza artificiale si dimostreranno trasformativi, offrendo un valore reale e risolvendo molti dei problemi che il settore si trova ad affrontare oggi, tra cui la carenza di lavoratori, i problemi di sicurezza e la produttività stagnante” sottolinea Segura. “Capacità come il riconoscimento e il processo decisionale migliorati offerti dall’intelligenza artificiale, insieme ai progressi dei robot collaborativi, consentono un impiego sicuro accanto agli operatori. Questi progressi consentono inoltre ai robot di svolgere compiti chiave come la muratura, l’assemblaggio modulare e la stampa 3D con maggiore precisione e velocità, contribuendo al contempo a un’edilizia più sostenibile grazie alla riduzione delle emissioni, come la miscelazione del calcestruzzo in cantiere, e alla riduzione della necessità di trasportare i materiali su lunghe distanze con l’assemblaggio in loco”.

AI e formazione

I progressi dell’AI e della robotica sono significativi per la formazione e l’istruzione, in quanto colmano il divario di competenze in materia di automazione e rendono i robot più accessibili a un maggior numero di persone e imprese. Con l’AI che rende più facile la programmazione, attraverso il lead-through e persino il linguaggio naturale, l’istruzione può spostarsi verso il modo in cui i robot possono assistere gli esseri umani in modo più efficace, piuttosto che insegnare solo le abilità di programmazione. Questa transizione renderà i robot più accessibili e li avvicinerà a un pubblico più vasto, creando nuove prospettive di lavoro e contribuendo ad alleviare la carenza di manodopera e di competenze. “La carenza di personale con le competenze necessarie per programmare e supportare i robot è stata a lungo un ostacolo all’adozione dell’automazione robotizzata, soprattutto nelle piccole e medie imprese manifatturiere. Vedremo che questo ostacolo verrà sempre più superato man mano che i progressi dell’intelligenza artificiale generativa abbasseranno le barriere all’automazione e amplieranno l’attenzione della formazione oltre la programmazione. Gli sviluppi nella programmazione in linguaggio naturale, alimentati dall’IA in cui i lavoratori possono istruire verbalmente un robot nel suo compito, creeranno una nuova dinamica nelle interazioni uomo-robot” conclude Marc Segura.

ABB Robotics – https://new.abb.com/products/robotics/it

Scarica il pdf



Contenuti correlati

  • Olimpiadi Fanuc della robotica, vince l’IIS Marzotto-Luzzatti di Valdagno

    La seconda edizione delle Olimpiadi Fanuc della Robotica, concorso di robotica industriale rivolto agli studenti delle Scuole Secondarie di Secondo Grado e agli Istituti Tecnici Superiori, ideata da Fanuc con il patrocinio di Politecnico di Milano, Anipla,...

  • Sicurezza e rischi nell’era digitale

    Rischi e pericoli sulle macchine cambiano con l’evoluzione della tecnologia: il nuovo Regolamento Macchine adegua la normativa ai requisiti relativi ai sistemi con algoritmi evolutivi, digitalizzazione, robotica, software e cybersecurity Pubblicato in Gazzetta Ufficiale dell’Unione Europea il...

  • I robot umanoidi scaldano i muscoli

    Negli ultimi anni si è registrata una notevole crescita del numero e della qualità dei programmi di ricerca che si dedicano a realizzare robot umanoidi, con numerose startup e marchi consolidati che mostrano prototipi sempre più evoluti...

  • Panasonic lancia a SPS Italia 2024 il servosistema Minas A7: regolazione di precisione con AI

    La messa a punto automatica del servosistema Minas A7 di Panasonic Industry, guidata dall’intelligenza artificiale, riduce del 90% il tempo di funzionamento umano. Questa innovazione garantisce un controllo preciso del movimento senza la necessità di una messa...

  • L’automazione si incontra a Parma

    L’edizione 2024 della fiera SPS Italia, la vetrina più nota per le tecnologie dell’automazione nel nostro Paese, presenterà diverse innovazioni anche a livello espositivo. Donald Wich, di Messe Frankfurt Italia, ci parla di cosa bisogna assolutamente vedere...

  • Indeva SysDesign: soluzioni di automazione robotica flessibile per la fabbrica integrata

    La compattezza nelle dimensioni delle soluzioni come dell’isola di pallettizzazione proposta da Indeva SysDesign consente di minimizzare gli spazi dedicati ad essa. Pallettizzazione precisa grazie alla visione L’applicazione è dotata di visione in grado riconoscere e identificare...

  • Automazione e robotica nell’Industria 5.0: tra reale e virtuale

    L’innovazione tecnologica, sia nell’industria che nella società, è da sempre caratterizzata da svolte epocali, spesso legate a specifiche invenzioni rivoluzionarie o alla diffusione di nuovi principi ispiratori e nuovi approcci allo sviluppo… Leggi l’articolo

  • Ricavi? Si parte dall’AI

    Il settore industriale guida l’avanzamento nell’utilizzo dell’AI per incrementare efficienza e competitività. Clea di Seco permette agli sviluppatori il controllo sul flusso dei dati, dalla raccolta all’archiviazione Nel contesto delle applicazioni IIoT, l’evoluzione verso modelli di ricavo...

  • Advantech a SPS Italia 2024 per ottimizzare il futuro del mondo industriale

    Il mondo industriale sta vivendo un’epoca di profondi cambiamenti, mossi dall’incessante avanzamento tecnologico e dalla costante ricerca di soluzioni ottimali. In questo contesto dinamico e in continua evoluzione, Advantech si pone come un faro di innovazione e...

  • AI, progresso e rivoluzioni tecnologiche in corso

    Non è passato nemmeno un quarto di secolo dall’inizio del nuovo millennio ma mai come in questo periodo la tecnologia è stata rivoluzionaria. Pensiamo ad esempio all’IoT, al 5G, all’edge o al cloud computing, o anche solo...

Scopri le novità scelte per te x