Il nuovo Coronavirus si diffonde tramite gli impianti d’aria centralizzati

Pubblicato il 9 marzo 2020

“Il nuovo coronavirus Covid-19, come specificato dal Journal of Hospital Infection, può depositarsi e sopravvivere sulle superfici degli oggetti a temperatura ambiente fino a 9 giorni. Ciò che non viene preso in considerazione è che sono incluse anche le pareti delle condotte d’aria degli impianti di climatizzazione, che favoriscono l’esposizione al virus delle persone all’interno di edifici confinati, con finestre sigillate o comunque in assenza di ricircolo d’aria naturale” lo sostiene Andrea Casa, esperto italiano in materia di igiene aeraulica, amministratore delegato di Alisea e presidente emerito di A.I.I.S.A., l’Associazione Italiana Igienisti Sistemi Aeraulici.

“Ne è una dimostrazione il caso della nave da crociera giapponese Diamond Princess dove, nonostante gli ospiti a bordo siano stati isolati nelle cabine, il numero dei passeggeri contagiati è aumentato in modo esponenziale tramite il sistema di aria condizionata” e continua “Rilevo con un certo stupore come l’Ordinanza Regionale della Lombardia, emanata il 23 febbraio e tutte le più recenti misure adottate a livello nazionale, non contemplino indicazioni specifiche, specialmente per i luoghi di lavoro confinati, in merito alla disinfezione degli impianti d’aria, primo vettore di diffusione di un potenziale contagio di questo virus respiratorio”.

“La buona notizia è che il coronavirus non è molto resistente e bastano disinfettanti testati per renderlo completamente inattivo. È duuque importante rilevare come all’isolamento sarebbe opportuno associare una precisa programmazione di interventi di disinfezione in grado di assicurare una rapidità di azione, che abbatta in modo totale i microrganismi patogeni all’interno degli impianti installati in ambienti chiusi e ad alta affluenza” e conclude “La corretta manutenzione degli impianti di trattamento aria, infatti, è di fondamentale importanza per favorire la massima protezione della salute dei lavoratori in relazione al coronavirus e, soprattutto, per una prevenzione più completa dall’inquinamento chimico, fisico e microbiologico quale possibile causa di diverse patologie respiratorie”.

Casa è stato anche il primo e unico membro europeo ad essere ammesso al Board of Directors di NADCA, la più importante e prestigiosa Associazione a livello mondiale sui temi dell’igiene degli impianti di trattamento aria per cui attualmente ricopre il ruolo di Chairman dell’International Affairs Committee. Infine, è docente e formatore per la salute e la sicurezza nei luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/08 e del D.I. 06/03/2013.



Contenuti correlati

  • Sul Green Pass, Siemens Italia accelera: richiesta per entrare in sede dal 27 settembre

    “Abbiamo deciso di introdurre il Green Pass, anticipando le decisioni che Governo e parti sociali stanno valutando, coerentemente con tutte le misure anti Covid adottate da febbraio 2020, per continuare a garantire la salute e sicurezza sui...

  • 100 mascherine chirurgiche al minuto grazie a Festo

    È oggi fondamentale integrare le fabbriche con l’ingegneria meccatronica, la robotizzazione, sistemi informatici e sensori intelligenti a ogni livello del ciclo produttivo. L’innovazione è infatti la base su cui viene modellato il nostro ‘mondo’, e le fabbriche sono...

  • Robotica e sostenibilità

    Fra gli ‘effetti collaterali’ del Covid-19 che hanno avuto un maggiore impatto nell’ambito produttivo vi è senz’altro l’accelerazione che la pandemia ha impresso all’adozione di sistemi di automazione, in particolare robotici. Analizzando infatti le tendenze industriali, tutte...

  • I profili più richiesti in Italia

    Esperti di e-commerce, digital marketing, sicurezza informatica sono tra i 15 profili più richiesti in Italia secondo Linkedin Leggi l’articolo 

  • Orizzonte ripresa. PMI all’attacco

    La dorsale dell’economia italiana è costituita da una vivace costellazione di aziende medio piccole, le PMI, come anche da piccolissime e micro imprese, le MPI. Il Covid su questa dorsale ha picchiato duro, ma l’orizzonte svela una...

  • Passaporto vaccinale: un’altra opportunità d’oro per i cybercriminali

    Lo sconvolgimento causato dalla pandemia ha toccato ogni aspetto della nostra vita, con un impatto particolarmente più forte sulla nostra capacità di viaggiare. A oggi, dopo oltre un anno dalla prima ondata, l’Associazione Internazionale del Trasporto Aereo...

  • Come il Covid-19 ha accelerato la trasformazione delle aziende in Italia

    L’impatto della pandemia da Covid-19 ha impresso un’accelerazione sulle priorità delle aziende private (1) italiane che si trovano in un percorso di trasformazione non solo sul fronte della digitalizzazione (53%), ma anche per quanto riguarda valori e mission...

  • Un semplice codice a barre insieme allo smartphone per vivere in sicurezza ai tempi del Covid-19

    a cura di Christian Floerkemeier, CTO and Co-founder di Scandit Permettere agli smartphone che noi tutti portiamo in tasca di leggere i codici a barre si sta rivelando un modo semplice e sicuro per espletare una serie...

  • Investimenti in Industria 4.0: avanti!

    Secondo un report di Deloitte, oltre sei aziende italiane su dieci non hanno interrotto i flussi di capitale dedicati allo smart manufacturing Leggi l’articolo

  • Un antidoto al Covid-19

    Investendo in innovazione e automazione Beckhoff ha mantenuto la propria operatività stabile durante la pandemia, riuscendo così perfino ad aumentare il fatturato Leggi l’articolo

Scopri le novità scelte per te x