8° Rapporto Cresme: dinamica positiva per l’installazione di impianti negli edifici in Italia

Il mercato degli impianti vale il 34,7% del mercato delle costruzioni, a conferma delle dinamiche positive nonostante l’incertezza che grava sullo scenario internazionale

Pubblicato il 4 luglio 2022

L’aumento dell’incertezza geopolitica nell’est europeo dovuto al conflitto russo-ucraino ha amplificato alcune criticità già emerse nel biennio pandemico, ma il mercato italiano degli impianti nel 2021 ha registrato una crescita del 21,5 rispetto al 2020, e anche nel 2022 si registrerà un crescita importante. Nel 2022 il mercato degli impianti rappresenta il 34,7% degli investimenti in costruzioni, in linea con il boom degli interventi di riqualificazione energetica incentivata e la forte ripresa del mercato delle opere pubbliche. Questo quanto emerge dall’8° Rapporto Cresme presentato in occasione della 42a edizione di MCE Mostra Convegno Expocomfort.

Il Rapporto Congiunturale e Previsionale del CRESME sul mercato dell’installazione degli impianti negli edifici in Italia 2022-2024 ha messo in evidenza l’eccezionalità rispetto all’Europa del fenomeno del mercato degli impianti in Italia. “Nessuno in Europa tra i paesi principali mostra una dinamica così positiva” dichiara Lorenzo Bellicini, Direttore Cresme. “Basti pensare che nel 2019 il mercato italiano valeva il 45% di quello tedesco, mentre nel 2022 la sua quota potrebbe arrivare al 60%. Anche limitandosi al 2021, il mercato italiano era arrivato a valere 1,7 volte quello britannico, 1,6 volte quello francese e 2,7 volte quello spagnolo”.

Nello scenario previsionale, la quota dell’impiantistica sul valore della produzione nelle costruzioni in Italia potrebbe superare il livello registrato in Germania; il 34,7% (contro il 33% in Germania), record assoluto tra tutti i paesi europei. Nel 2021 l’export italiano di prodotti per l’impiantistica ha toccato la cifra record di 19,6 miliardi di euro, superando con slancio lo shock economico causato nel 2020 dalla pandemia.

Se per effetto delle misure di contenimento alla malattia introdotte dai vari governi nel 2020 l’export impiantistico aveva subito una contrazione quantificabile in 1,3 miliardi di euro (-7,2%), la successiva ripartenza ha visto incrementare il valore delle merci in uscita di oltre 3,1 miliardi (+19%), segnando un aumento netto rispetto ai livelli pre-crisi (2019) di 1,8 miliardi (+10%). La performance italiana è stata così brillante da terminare un riposizionamento del Paese rispetto agli altri principali esportatori europei.

In Nord America la domanda di prodotti italiani, specialmente in ambito infrastrutturale ha raggiunto il 17,8%. “Già solo gli Stati Uniti rappresentano circa il 6% del mercato estero italiano, con un valore di circa 1 miliardi di euro, e in prospettiva è ragionevole ipotizzare un ulteriore consolidamento della domanda americana.” conferma l’arch. Bellicini.

Per quanto riguarda l’import, nel 2021 la ripresa è stata rilevante, giungendo nel corso dell’anno a un volume di 10,8 miliardi di euro, in crescita del 28,7% rispetto al 2020 e del 21,1% rispetto al 2019. I mercati di origine sono l’Area Euro per il 51% e i principali paesi emergenti, soprattutto Cina, ma è importante evidenziare la rapida ascesa dell’import di prodotti provenienti dai paesi dell’Unione Europea dell’Est, in particolare impianti e apparecchi elettrici.

“Con la pandemia il mercato dell’impiantistica ha saputo svolgere un ruolo anticiclico, sostenendo la ripresa nella maggior parte dei Paesi industrializzati. Come sempre la fotografia che ne fa il Rapporto del CRESME ci restituisce le dimensioni dei mercati e delle figure coinvolte nella filiera” conclude Massimiliano Pierini, Managing Director di Reed Exhibitions Italia. “Con cadenza periodica ne seguiamo l’evoluzione nei mercati di riferimento, confermando il nostro ruolo di spazio di incontro, confronto e dibattito tecnico e culturale. Solo a MCE è oggi possibile toccare con mano le tecnologie che si imporranno sul mercato nel prossimo futuro, pensate per garantire comfort e l’efficienza energetica a casa, al lavoro, a scuola e ovunque decideremo di stare”.



Contenuti correlati

  • Teledyne Flir ex series termocamere
    Come combattere l’aumento dei costi dell’energia con le termocamere

    La crisi energetica globale sta colpendo duramente i privati e le aziende in tutto il Regno Unito e l’Europa, e molte persone ritengono che i costi dell’energia siano fuori controllo. Secondo il Dipartimento per l’energia, le imprese...

  • Nord Drivesystems presenta a SPS smart solutions le sue tecnologie di azionamento per l’automazione industriale

    Alla fiera SPS smart production solutions Nord Drivesystems dedicherà un nuovo spazio sarà dedicato alle soluzioni LogiDrive. Oltre alle precedenti soluzioni facenti parte del sistema modulare LogiDrive, come il motore sincrono IE4 integrato con riduttore ad ingranaggi cilindrici...

  • Tra digitalizzazione, automazione e sostenibilità, i 75 anni di Lenze

    Lenze celebra quest’anno 75 anni di attività e per l’occasione ha presentato i risultati record raggiunti nell’anno fiscale 2021-2022, con una serie di eventi dedicati ai clienti e alla stampa tenutisi tra il 12 e 13 ottobre...

  • Azionamenti NORD: la chiave per ridurre il TCO

    Quando un investimento è davvero economico? Se si considera il ciclo di vita di un sistema di azionamento, il prezzo di acquisto incide solo per il 15% sui costi totali di esercizio, mentre il restante 85% circa è determinato...

  • Walk the green talk, un tour sotto il segno dell’efficienza con SEW-Eurodrive

    Nei moderni impianti industriali è fondamentale preservare l’ambiente pur perseguendo obiettivi di riduzione dei costi di produzione ed energetici, senza compromettere la produttività, e mantenendo un vantaggio competitivo sul mercato internazionale, per questo si parla molto di...

  • Le tre dimensioni della sostenibilità

    Secondo Phoenix Contact è necessario creare un circuito virtuoso che renda disponibili a tutti le energie ottenute da fonti rinnovabili Leggi l’articolo

  • Più efficienza nell’aria

    I compressori VSD+ e il sistema di controllo intelligente riducono i consumi e contribuiscono a vincere le sfide economiche e ambientali Leggi l’articolo

  • ProgettistaPiù 2023: efficienza energetica nelle fonderie

    Con la transizione dell’Europa verso la neutralità climatica, le industrie ad alta intensità energetica, come le fonderie, devono realizzare una profonda trasformazione che si basa sulla decarbonizzazione come priorità assoluta, in un’ottica di maggiore efficienza energetica. Dai...

  • I quattro punti dell’efficienza pneumatica

    L’automazione pneumatica ha dimostrato grande efficienza funzionale ed energetica, particolarmente nelle applicazioni meccatroniche che chiedono velocità e affidabilità. Di seguito, un approccio multiplo per migliorare l’efficienza energetica in automazione. Leggi l’articolo

  • Il punto di vista di Bosch Rexroth sulla sostenibilità

    Si può essere davvero green quando si parla di produzione industriale? Secondo Bosch Rexroth sì, non solo perché tutte le sue sedi sono carbon-neutral, ma anche perché offre prodotti e soluzioni sostenibili per il mondo dell’automazione. Per...

Scopri le novità scelte per te x