Sensori: intervista al prof. Davide Comoretto e dott.sa Paola Lova, Università di Genova

Pubblicato il 16 dicembre 2021

Automazione Oggi intervista il prof. Davide Comoretto e la dott.sa Paola Lova dell’Università degli Studi di Genova su un progetto legato a una nuova classe di sensori colorimetrici.

Negli ultimi anni, il gruppo di ricerca Rely-Photonics  ha sviluppato una nuova classe di sensori colorimetrici per il controllo in linea di inquinanti atmosferici e prodotti di degradazione alimentare. I sensori fabbricati assemblando decine di strati di materiali plastici trasparenti, ognuno con uno spessore più di mille volte inferiore al diametro di un capello. Ciascuno dei materiali è selezionato e modificato in modo da interagire con una specifica classe di inquinanti mediante meccanismi chimico-fisici selezionati. A questo proposito possono essere impiegati polimeri commerciali, ricavati da scarti industriali, da fonti rinnovabili oppure essere il risultato di altissima tecnologia industriale. Poiché ciascuno dei materiali che costituisce il sensore è ingegnerizzato per interagire con determinate famiglie di inquinanti, questa tecnologia permette sensori olistici, che non necessitano di alcun recettore chimico.

Il principio di funzionamento è molto semplice. I sensori sono caratterizzati da un brillante colore ‘strutturale’ che deriva appunto dalla nanostruttura impartita al materiale. Quando le molecole di inquinante incontrano il sensore, vi diffondono in modo controllato, modificando la nanostruttura, e di conseguenza il suo colore. Quest’ultimo è legato a complessi fenomeni di diffrazione coerente tra i film polimerici ed è ingegnerizzato dai ricercatori in modo da impartire ai sensori un’accesa tonalità verde, che dopo l’esposizione agli inquinanti vira verso il rosso, proprio come un semaforo. Un’analisi spettrale della risposta all’inquinante permette poi di identificare la molecola o addirittura miscele di inquinanti e la loro concentrazione con limiti di rilevabilità inferiori alla parte per milione.

Questi sensori sono attualmente in fase di test per il controllo in linea nella grande distribuzione organizzata di prodotti alimentari e per il monitoraggio della qualità dell’aria in ambienti industriali.

Durante il Convegno on line ‘ProgettistaPiù‘, nella giornata del 28 gennaio 2022, il prof. Davide Comoretto e la dott.sa Paola Lova approfondiranno il tema dei sensori colorimetrici.



Contenuti correlati

  • ProgettistaPiù: fai il pieno di tecnologia  

    Conto alla rovescia per Progettistapiù, il primo convegno digitale sui sistemi e componenti per la progettazione industriale organizzato da Quine Business Publisher e TraceParts. Dal 25 al 28 gennaio 2022 sarà infatti possibile partecipare al convegno in...

  • PI Italia: Automazione Oggi intervista Giorgio Santandrea

    Parliamo di Profibus, Profinet e IO-Link. Automazione Oggi intervista Giorgio Santandrea, presidente di Consorzio PI Italia, Profibus e Profinet Italia, emanazione di PI International, l’associazione che si occupa della promozione e sviluppo di queste tecnologie di rete a livello...

  • Sensori: intervista al prof. Vittorio Ferrari – Università di Brescia

    Automazione Oggi intervista il prof. Vittorio Ferrari, professore di Elettronica – coordinatore del gruppo Sensori Microsistemi e Elettronica, del Dipartimento di Ingegneria dell’Informazione all’Università degli Studi di Brescia, su una nuova generazione di sensori senza fili e...

  • CC-Link IE TSN: Automazione Oggi intervista CC-Link Partner Association

    Automazione Oggi intervista Alberto Griffini, portavoce di CC-Link Partner Association. Dai oltre 20 anni CLPA si occupa della promozione e dello sviluppo della famiglia di reti aperte per la comunicazione industriale CC-Link. L’associazione ha recentemente registrato crescite annuali...

  • Sensori: intervista a Marco Vecchio, Anie Automazione

    Automazione Oggi intervista Marco Vecchio, segretario di Anie Automazione. La fabbrica interconnessa è la condizione essenziale per l’Industria 4.0. Ogni sensore, ogni macchina e tutte le persone coinvolte possono comunicare tra loro in qualunque momento. Questo scambio...

  • Wireless: intervista a Prof. Roberto Verdone, Università di Bologna, Direttore WiLab

    Automazione Oggi intervista Roberto Verdone, Professore Ordinario del DEI – Dipartimento di Ingegneria dell’Energia Elettrica e dell’Informazione, dell’Università di Bologna, e Direttore del WiLab, Laboratorio Nazionale di ricerca sulle comunicazioni wireless facente capo al Cnit, il Consorzio...

  • Software industriale: intervista al prof. Sergio Galeani – Università Tor Vergata – Roma

    Automazione Oggi intervista Sergio Galeani, professore presso il Dipartimento di Ingegneria Civile e Ingegneria Informatica dell’Università di Tor Vergata di Roma. Con lui parliamo di simulazione, strumento fondamentale per consentire un passaggio sicuro e efficiente dall’idea innovativa, al processo...

  • Software industriale: intervista a Daniele Panfiglio, Comsol Italia

    Automazione Oggi intervista Daniele Panfiglio, managing director di Comsol Italia, che spiega come la simulazione numerica può avere un ruolo chiave in fase progettuale e perché riduce i tempi e i costi legati alla prototipazione. Se la simulazione multifisica...

  • OPC UA: intervista a Peter Lutz, OPC Foundation

    Automazione Oggi intervista Peter Lutz, Director Field Level Communications Initiative, OPC Foundation. Il progetto relativo alle comunicazioni di campo FLC (Field Level Communications Initiative) di OPC Foundation è partito con l’intenzione di portare OPC UA fino al...

  • ProgettistaPiù

    ProgettistaPiù, dal 25 al 28 gennaio 2022, propone in live streaming 4 giornate (9:00-13:00) dedicate alle tecnologie per la transizione digitale a tutto tondo. Le 21 sessioni ospiteranno oltre 80 esperti fra docenti universitari e rappresentanti di...