OPC UA: intervista a Peter Lutz, OPC Foundation

Pubblicato il 17 dicembre 2021

Automazione Oggi intervista Peter Lutz, Director Field Level Communications Initiative, OPC Foundation.

Il progetto relativo alle comunicazioni di campo FLC (Field Level Communications Initiative) di OPC Foundation è partito con l’intenzione di portare OPC UA fino al livello di campo. Così potrebbe potenzialmente rivoluzionare le comunicazioni industriali a beneficio di tutti gli attori del mercato. L’obiettivo è arrivare a una soluzione di comunicazione aperta, uniforme e integrata che soddisfi tutti i requisiti rilevanti e gli scenari applicativi dell’automazione di fabbrica e dell’industria di processo, a livello per esempio di motion, sicurezza e realtime. I maggiori fornitori di automazione del mondo sono fra i sostenitori del progetto.

Dal punto di vista tecnico, l’approccio si basa sul framework OPC UA (secondo IEC 61541) utilizzando i meccanismi già esistenti per uno scambio dati sicuro, affidabile, indipendente dalla piattaforma e dal fornitore, così come le possibilità di modellazione semantica delle informazioni e di descrizione automatica dei dispositivi. Un concetto di modellazione QoS universale viene impiegato per mappare il framework OPC UA sui protocolli di comunicazione e sui livelli fisici di trasmissione sottostanti.
Le tecnologie Ethernet APL (Advanced Physical Layer) e TSN (Time-Sensitive Networking) giocano un ruolo particolarmente importante in questo contesto.

Con APL, i dispositivi OPC UA sono conformi all’uso anche in aree potenzialmente esplosive, sulla base della tecnologia a due-fili che garantisce l’alimentazione tramite cavo – un aspetto decisivo per l’uso nell’industria di processo.

E con TSN, OPC UA non solo supporta il realtime, ma, in combinazione con il profilo TSN per l’automazione industriale (TSN-IA) secondo IEC/IEEE 60802, può anche essere trasmesso con altri protocolli IT oppure OT su un’unica infrastruttura comune, convergente.

Durante l’intervento intitolato “OPC UA for the field level – the status quo”, in programma il 28 gennaio 2022, dalle ore 9:00, durante la sessione “Iperconnettività o cybersecurity… per non cadere nella rete”, dedicata alle reti industriali, del convegno ProgettistaPiù, Peter Lutz illustrerà l’approccio della FLC Initiative, così come l’attuale status quo delle specifiche OPC UA FX (Field eXchange) e la prossima roadmap di sviluppo, facendo riferimento a casi d’uso Controller-to-Controller (C2C) e Controller-to-Device (C2D).
Inoltre, considerato che le tecnologie wireless forniscono una flessibilità sufficiente per supportare le applicazioni IIoT avanzate e mobili, si farà anche un accenno alla possibile estensione della tecnologia TSN anche nell’ambito delle reti Wi-Fi.

ENGLISH VERSION

The Field Level Communications (FLC) Initiative of the OPC Foundation started with the aim of bringing OPC UA to the field level and thus has the potential to change industrial communication sustainably and to the benefit of all market participants. The aim is an open, uniform and integrated communication solution that covers all relevant requirements and application scenarios in factory automation and the process industry, such as motion, safety and real-time. The largest automation manufacturers in the world are among the supporters of the initiative.
The technical approach is based on the OPC UA Framework (IEC62541) using existing mechanisms for secure, reliable, manufacturer and platform-independent information exchange, as well as the possibilities for semantic information modeling and self-description of devices. A universal QoS modeling concept is used to map the OPC UA framework to the underlying communication protocols and transmission physics.
The technologies Ethernet Advanced Physical Layer (APL) and Ethernet Time-Sensitive Networking (TSN) play a particularly important role in this context.
With APL, OPC UA devices can also be offered for use in potentially explosive areas, based on two-wire technology including power supply via the lines – a decisive criterion for use in the process industry.
And with TSN, OPC UA is not only real-time capable, but can also – in combination with the TSN Profile for Industrial Automation “(TSN-IA) of IEC / IEEE 60802 – be transmitted with other IT and OT protocols in a common, convergent network infrastructure.
In the presentation, “OPC UA for the field level – the status quo”, that will be streamed online on the 28th January 2022, from 9 a.m., entitled “Hyperconnectivity or cybersecurity …. not to fall into the ‘network’” focused on industrial networks, during the 4-day Conference ProgettistaPiù, the solution approach of the FLC initiative, as well as the current status quo of the OPC UA FX (Field eXchange) specifications and the further roadmap with regard to the use cases Controller-to-Controller (C2C) and Controller-to-Device (C2D) will be explained.



Contenuti correlati

  • ProgettistaPiù: fai il pieno di tecnologia  

    Conto alla rovescia per Progettistapiù, il primo convegno digitale sui sistemi e componenti per la progettazione industriale organizzato da Quine Business Publisher e TraceParts. Dal 25 al 28 gennaio 2022 sarà infatti possibile partecipare al convegno in...

  • PI Italia: Automazione Oggi intervista Giorgio Santandrea

    Parliamo di Profibus, Profinet e IO-Link. Automazione Oggi intervista Giorgio Santandrea, presidente di Consorzio PI Italia, Profibus e Profinet Italia, emanazione di PI International, l’associazione che si occupa della promozione e sviluppo di queste tecnologie di rete a livello...

  • Sensori: intervista al prof. Vittorio Ferrari – Università di Brescia

    Automazione Oggi intervista il prof. Vittorio Ferrari, professore di Elettronica – coordinatore del gruppo Sensori Microsistemi e Elettronica, del Dipartimento di Ingegneria dell’Informazione all’Università degli Studi di Brescia, su una nuova generazione di sensori senza fili e...

  • CC-Link IE TSN: Automazione Oggi intervista CC-Link Partner Association

    Automazione Oggi intervista Alberto Griffini, portavoce di CC-Link Partner Association. Dai oltre 20 anni CLPA si occupa della promozione e dello sviluppo della famiglia di reti aperte per la comunicazione industriale CC-Link. L’associazione ha recentemente registrato crescite annuali...

  • Sensori: intervista a Marco Vecchio, Anie Automazione

    Automazione Oggi intervista Marco Vecchio, segretario di Anie Automazione. La fabbrica interconnessa è la condizione essenziale per l’Industria 4.0. Ogni sensore, ogni macchina e tutte le persone coinvolte possono comunicare tra loro in qualunque momento. Questo scambio...

  • Wireless: intervista a Prof. Roberto Verdone, Università di Bologna, Direttore WiLab

    Automazione Oggi intervista Roberto Verdone, Professore Ordinario del DEI – Dipartimento di Ingegneria dell’Energia Elettrica e dell’Informazione, dell’Università di Bologna, e Direttore del WiLab, Laboratorio Nazionale di ricerca sulle comunicazioni wireless facente capo al Cnit, il Consorzio...

  • Software industriale: intervista al prof. Sergio Galeani – Università Tor Vergata – Roma

    Automazione Oggi intervista Sergio Galeani, professore presso il Dipartimento di Ingegneria Civile e Ingegneria Informatica dell’Università di Tor Vergata di Roma. Con lui parliamo di simulazione, strumento fondamentale per consentire un passaggio sicuro e efficiente dall’idea innovativa, al processo...

  • Software industriale: intervista a Daniele Panfiglio, Comsol Italia

    Automazione Oggi intervista Daniele Panfiglio, managing director di Comsol Italia, che spiega come la simulazione numerica può avere un ruolo chiave in fase progettuale e perché riduce i tempi e i costi legati alla prototipazione. Se la simulazione multifisica...

  • ProgettistaPiù

    ProgettistaPiù, dal 25 al 28 gennaio 2022, propone in live streaming 4 giornate (9:00-13:00) dedicate alle tecnologie per la transizione digitale a tutto tondo. Le 21 sessioni ospiteranno oltre 80 esperti fra docenti universitari e rappresentanti di...

  • Rfid: intervista a Marco Catizone, Gruppo Rfid di Anie Automazione

    Automazione Oggi intervista Marco Catizone, rappresentante del Gruppo Rfid di Anie Automazione, che sintetizza i trend tecnologici e di mercato dell’Rfid una delle tecnologie che permettono agli oggetti di essere interconnessi, dialogare tra di loro e inviare informazioni utili in...