Grandi imprese in difficoltà, domande per finanziamenti dal 20 settembre

La domanda deve contenere un piano realistico e credibile anche al fine di tutelare l’occupazione che prefiguri concrete possibilità di ripresa dell’attività

Pubblicato il 20 settembre 2021

Il decreto direttoriale Mise dello scorso 3 settembre ha fissato le modalità di accesso alle agevolazioni previste per le grandi imprese che si trovano in situazione di temporanea difficoltà a causa dell’emergenza Covid e le cui domande possono essere presentate a partire dal prossimo 20 settembre, ore 12.

Il termine ultimo invece per la presentazione è fissato alle ore 11:59 del 2 novembre 2021, fatto salvo un’eventuale chiusura anticipata dello sportello telematico, per esaurimento fondi. A questo proposito il fondo ha una dotazione euro di 400 milioni di euro così come deciso dal ministero dello Sviluppo economico, di concerto con il ministro dell’Economia e delle finanze.

I beneficiari ammessi sono coloro che, alla data di presentazione della domanda di accesso al fondo, si trovano in una situazione di temporanea difficoltà finanziaria, dovuta alla crisi economica pandemica. Non dovevano quindi trovarsi già in situazione di difficoltà alla data del 31 dicembre 2019.

La domanda deve inoltre contenere un piano (realistico e credibile e anche al fine di tutelare l’occupazione) che prefiguri concrete possibilità di ripresa dell’attività. A questo scopo è richiesta la firma digitale di un professionista iscritto iscritti all’albo dei soggetti incaricati dall’autorità giudiziaria delle funzioni di gestione e di controllo nelle procedure di cui al Codice della crisi. E il professionista in questione non può coincidere con colui che si occupa della revisione del bilancio.

Il contributo consiste nella concessione di finanziamenti agevolati, da restituire in 5 anni, per imprese di almeno 250 dipendenti, o con un fatturato superiore a 50 milioni di euro o ancora un bilancio superiore a 43 milioni di euro.

La fase istruttoria e la valutazione delle domande sarà effettuata da Invitalia che gestisce il fondo e mette anche a disposizione la procedura informatica.

Franco Metta



Contenuti correlati

  • Dati, processi e persone…

    Digitalizzare i processi aziendali non è più un’opzione Leggi l’articolo

  • La tecnologia digitale e il software ci hanno ‘protetto’!

    Centinaia di citazioni, articoli sull’utilizzo del digitale durante la pandemia. Gradivo portare il mio contributo particolare su questo argomento. Confermo che questa tecnologia ci ha permesso di ‘scampare’ a molti danni materiali e di salute attivati dalla...

  • Tecnologia indossabile per combattere la pandemia

    La telemedicina e la sorveglianza da remoto dello stato di salute dei pazienti hanno fatto grandi progressi e oggi sono disponibili soluzioni compatte e indossabili che permetteranno di monitorare a distanza i pazienti domiciliari cronici. L’ASL Napoli...

  • Centri di Competenza: un modello per i fondi PNRR

    Tre bandi lanciati e assegnati, 5,4 milioni di euro cofinanziati con il ministero dello Sviluppo economico per 35 progetti innovativi, 3.427 partecipanti ai webinar, 1.723 aziende iscritte ai 49 eventi organizzati e ai 90 corsi a catalogo,...

  • Claudio Gibilisco Credimi blockchain
    In che modo la blockchain può aiutare le PMI italiane?

    La tecnologia al servizio delle imprese non è uno slogan vuoto, ma un vero acceleratore dello sviluppo e dell’innovazione. In moltissimi ambiti: dalla protezione della produzione industriale alla semplificazione dell’accesso al credito. Diverse imprese ne hanno preso...

  • Pnrr, dall’11 aprile le domande per i nuovi Contratti di sviluppo

    Destinati 3,1 miliardi per investimenti nelle filiere industriali strategiche e innovative tra cui rinnovabili e batterie Leggi l’articolo

  • Nuovo impianto Greenfield Global grazie all’aiuto di Rockwell Automation e Alpha Automation

    Negli ultimi anni, l’industria delle bioscienze è stata all’avanguardia dell’innovazione. Ancora prima che il mondo vivesse le conseguenze della pandemia, il settore aveva visto una notevole crescita con autorità sanitarie, ricercatori e scienziati alla continua ricerca di...

  • Credimi Ignazio Rocca CEO PMI
    PMI, il 2021 è l’anno dei finanziamenti in ottica di crescita

    Dopo un 2020 in cui le imprese italiane – specialmente quelle piccole – hanno chiesto finanziamenti principalmente per affrontare l’emergenza, pagare i dipendenti e i fornitori, nel corso del 2021 le aziende hanno cominciato a pensare al...

  • Credimi Ignazio Rocco, Founder & Ceo
    Credimi: 350 milioni di euro a sostegno delle PMI italiane

    Prosegue “Perseveranza”, l’operazione lanciata nell’aprile 2021 da Credimi e sviluppata con la partecipazione di primari operatori del settore finanziario. Ai 200 milioni stanziati inizialmente vengono oggi aggiunti ulteriori 150 milioni di euro, portando il totale dell’operazione a...

  • Proprietà industriale, via libera alla riforma

    Un intervento organico a tutela della proprietà industriale che punta a rafforzare le competenze e la competitività tecnologica e digitale delle imprese e dei centri di ricerca nazionali facilitando e valorizzando la conoscenza, l’uso e la diffusione...

Scopri le novità scelte per te x