“Tutto diventa un’interfaccia” è il risultato della ricerca “New Interfaces, Zero Interfaces” di Reply

La pandemia ha accelerato l’adozione di nuove interfacce, sia in ambito consumer che professionale, secondo la nuova ricerca di Reply "New Interfaces, Zero Interfaces", basata sulla piattaforma proprietaria Trend Sonar di Reply

Pubblicato il 7 marzo 2021

Secondo la ricerca “New Interfaces, Zero Interfaces”, basata sulla piattaforma proprietaria Trend Sonar di Reply, la pandemia ha accelerato l’adozione di nuove interfacce in ambito consumer e professionale.  Tramite l’analisi di studi di settore, articoli scientifici e brevetti pubblicati negli ultimi due anni, integrati con esperienze concrete dei clienti Reply, la ricerca ha infatti esaminato lo sviluppo delle interfacce di nuova generazione che stanno venendo alla ribalta in questa nuova normalità.

Da quasi 15 anni, gli smartphone e i loro sistemi operativi consentono esperienze nuove giorno dopo giorno; ora il 5G, la connettività ad alta velocità e l’edge computing consentono un ulteriore impulso allo sviluppo delle tecnologie alla base delle interfacce utente come dispositivi indossabili, altoparlanti intelligenti, interfacce spaziali 3D, interfacce multimodali e neurali.
“Le aziende svilupperanno interazioni più personalizzate ed emotive con i clienti, così come nuove possibilità di analisi e visualizzazione delle informazioni”, ha commentato Filippo Rizzante, CTO Reply. “Guardando gli impatti della pandemia sulle interfacce che utilizziamo oggi, ci sono due tendenze che si stanno affermando più di altre: una più ampia domanda di assistenza sanitaria a distanza e la necessità di ridurre le interfacce touch“.

Le interfacce vocali sono quelle in più rapida crescita, grazie al loro uso frequente nella vita di tutti i giorni con altoparlanti intelligenti e automobili connesse. Inoltre, queste interfacce sono sempre più utilizzate per scopi di marketing, consentendo ai brand di parlare direttamente ai consumatori: una connessione molto più intima rispetto a quelle offerte dai tradizionali touchpoint.
Settori come quello farmaceutico, della moda, quello immobiliare e del turismo stanno progressivamente implementando tecnologie di realtà estesa tramite app mobile o speciali caschi. La realtà estesa è destinata a migliorare notevolmente la formazione e la collaborazione sul posto di lavoro, offrendo ai team modalità nettamente migliori di incontrare e condividere idee e pensieri sia nella realtà virtuale che in quella aumentata.

I dispositivi indossabili stanno diventando sempre più rilevanti nel campo delle interfacce di uso quotidiano. Anelli, occhiali e cuffie smart possono essere collegati ad assistenti intelligenti per aiutare nelle attività quotidiane e per monitorare il comportamento. In combinazione con smartwatch di nuova generazione, questo tipo di dispositivi indossabili potrebbe diventare il primo ecosistema di consumo completamente alternativo e indipendente allo smartphone.
Il controllo dello sguardo e il tracciamento degli occhi consentiranno alle persone di controllare, comunicare e interagire con le macchine in base a schemi di movimento degli occhi, agli sguardi e alla reazione della pupilla. Anche le interfacce neurali (Brain-Computer Interface) stanno subendo una notevole accelerazione. Attualmente l’attenzione è ancora prevalentemente in ambito medico e scientifico, tuttavia la sua diffusione in altre aree è in aumento, sfumando i confini tra informatica e biologia.

Nel settore della mobilità, le nuove interfacce avranno un ruolo cruciale per la sicurezza e la protezione dei conducenti e dei pedoni, grazie alle nuove tecnologie che consentono di migliorare la sicurezza e le comunicazioni con gli altri utenti della strada. Le nuove interfacce renderanno anche auto e veicoli professionali più personalizzabili e predittivi. Inoltre, la guida autonoma consentirà un ulteriore sviluppo nell’intrattenimento e nella pubblicità all’interno dei veicoli.
Anche lo sviluppo di interfacce in ambito retail sta subendo notevoli cambiamenti, in quanto aiutano gli acquirenti a godere dei vantaggi dello shopping fisico – tattile, sensoriale e sociale – in spazi virtuali digitali che consentono acquisti in tutta semplicità e comodità guidando, allo stesso tempo, anche il processo di acquisizione cliente. L’utilizzo sia di interfacce basate sull’intelligenza artificiale che di interfacce conversazionali permetterà una maggiore personalizzazione fino a soddisfare le esigenze del singolo cliente. L’intelligenza artificiale e le tecnologie digitali consentono una maggiore personalizzazione per i clienti: dall’offrire inspirazione all’acquisto fino alla selezione della taglia e alla vestibilità del capo.

Con la crescente integrazione dei sensori e la sempre maggiore fusione naturale all’interno del mondo circostante, le interfacce saranno intrecciate sia alla vita personale che all’interno degli ambienti di lavoro, trasformando qualsiasi cosa in un’interfaccia, comunicando perfettamente tra loro ed espandendo la cognizione e i sensi degli umani.
Maggiori informazioni sulla ricerca “New Interfaces, Zero Interfaces” sono online. La ricerca fa parte della serie Reply Market Research, inclusa la recente “From Cloud to Edge” e “Rebooting Longevity”.



Contenuti correlati

  • Un Master per il Digital Expert di domani

    Dopo il successo della prima edizione e l’alto gradimento riscontrato da parte di tutti gli studenti inseriti nel percorso di formazione e ora nei project-work in azienda, si aprono le iscrizioni per la seconda edizione del Master...

  • I risultati della ricerca “Industrial IoT: A Reality Check” di Reply

    La nuova ricerca “Industrial IoT: A Reality Check” di Reply esplora due aree chiave che stanno spingendo la crescita dell’IoT all’interno del mercato industriale: smart factory e smart transport & logistics. Connettendo macchinari e strumenti, l’Industrial IoT...

  • Spyware e script dannosi minacciano i sistemi ICS

    Secondo Kaspersky ICS Cert (Industrial Control Systems Cyber Emergency Response Team), nel primo semestre del 2021 quasi un computer aziendale su tre è stato soggetto ad attività dannose. Durante il primo semestre del 2021, i criminali informatici hanno...

  • L’occhio attento del robot

    Con Reply e Microsoft Azure prende forma il futuro dei Mobile Autonomous Robot utilizzabili in tantissime applicazioni Leggi l’articolo

  • Prende forma il futuro dei mobile robot autonomi

    Reply ha sviluppato una soluzione end-to-end per robot mobili autonomi (AMR) su Microsoft Azure in grado di implementare rapidamente casi d’uso di robotica, ridurre i costi iniziali e facilitare la realizzazione di nuove applicazioni aziendali in tutti...

  • Wearable e AI: soluzione per l’industria

    Il protrarsi della pandemia e delle misure restrittive minacciano l’industria manifatturiera in tutti i settori: è allarme per i cali di produzione e la sicurezza dei dipendenti. Business continuity e sicurezza del personale sono possibili grazie a...

  • Additive manufacturing per una produzione on-demand e sostenibile

    La stampa 3D sta aiutando le aziende ad evolvere verso la digitalizzazione della produzione e un nuovo studio di HP, condotto in collaborazione con 3dbpm Research, ha evidenziato che l’ additive manufacturing (AM) assume un ruolo centrale nell’abilitare...

  • Cresce in Europa la propensione verso l’Intelligenza artificiale

    La ricerca “Global AI Adoption Index 2021” commissionata da IBM e condotta da Morning Consult in Italia, Francia, Germania, Spagna e Regno Unito fotografa lo stato dell’arte nell’adozione dell’intelligenza artificiale da parte delle società europee e l’impatto che la...

  • Comau collabora con l’Università di Heidelberg per studiare nuove applicazioni di robotica indossabile in ambienti industriali

    Con l’obiettivo di consolidare l’utilizzo della robotica indossabile per facilitare la collaborazione uomo-macchina, Comau, società parte di Stellantis, attiva a livello mondiale nello sviluppo di sistemi e prodotti avanzati per l’automazione industriale, e IUVO, spin-off dell’Istituto di BioRobotica della...

  • La supply chain e il settore fashion: tavola rotonda in attesa di Intralogistica Italia

    Si è parla to di supply chain e fashion durante la tavola rotonda tenutasi ieri alla presenza di oltre 130 aziende, dal titolo “L’innovazione tecnologica nella logistica di magazzino del settore fashion”, organizzata come evento di avvicinamento...

Scopri le novità scelte per te x