Studio Accenture sulle tecnologie Digitali

Pubblicato il 6 maggio 2016

Secondo lo studio AccentureMachine dreams: Making the Most of the Connected Industrial Workforce”, la trasformazione digitale sta cambiando radicalmente il mondo della produzione: secondo l’85% degli intervistati si passerà a un‘industria basata sull’integrazione uomo macchina entro il 2020. Eppure, solo il 22% dei rispondenti ha già messo a punto i cambiamenti necessari per sfruttare questo importante cambiamento.

Automotive e Industrial Equipment i settori dove si pensa di investire di più in tecnologie; Accenture stima che si arriverà ad investire in Ricerca & Sviluppo 220 miliardi di euro entro il 2020, con l’obiettivo di arrivare ad un’integrazione tra tecnologia, machine e fattore umano (rispettivamente, sono 181 i miliardi di euro stimati per il settore Automotive e 39 miliardi di euro per le imprese dell’Industrial Equipment).

Le imprese manifatturiere e il mondo della produzione pensano che il settore si stia evolvendo rapidamente grazie alle potenzialità dell’integrazione tra machine, intelligenza artificiale e fattore umano all’insegna della cosiddetta “connected industrial workforce” – una forza lavoro connessa che può avvantaggiarsi delle tecnologie digitali per lavorare in maniera più efficiente con le attrezzature industriali – che sarà protagonista del prossimo futuro. La creazione di una “connected industrial workforce”, infatti, è già parte della strategia della maggior parte dei player del mondo Automotive e Industrial Equipment – come dichiarato dal 94% dei rispondenti. Moltissime imprese, però, ancora non sono pronte per sfruttare i vantaggi di queste tecnologie digitali, nonostante le intenzioni di effettuare investimenti importanti in automazione e intelligenza artificiale. (Solo il 22% dei rispondenti ha già messo a punto i cambiamenti necessari per sfruttare il cambiamento).

Tra i fattori che frenano l’evoluzione vengono menzionati: la vulnerabilità dei dati (considerata un rischio medio o alto per il 76%), la complessità dei sistemi e la loro conseguente vulnerabilità (considerata un rischio medio o alto per il 72%), la mancanza di competenze specializzate da parte dei lavoratori (considerata un rischio medio o alto per il 70%).

La rivoluzione digitale permetterà un netto aumento della produttività grazie alle più avanzate novità tecnologiche: una stima di Accenture, ad esempio, prevede che nel 2020 i vantaggi della ”connected industrial workforce” permetterà ad un’azienda automotive un aumento di produttività pari a 500 milioni, con un ricavo annuale di 500 miliardi di euro.



Contenuti correlati

  • Industria della stampa: trend e previsioni del settore per il 2023

    Nel complesso, il comparto della stampa ha registrato una crescita costante per tutto il 2022. Molti mercati sono tornati ai livelli precedenti al Covid e alcuni settori, come quello commercial, li hanno addirittura superati. Nel 2023 i brand...

  • Innovery prosegue il suo impegno nella formazione

    Innovery, multinazionale italiana attiva nel settore della cybersecurity, mantiene l’impegno nella formazione partecipando alla 5° edizione della Cyber Security Academy in collaborazione con il Career Service del Politecnico di Milano, un percorso di orientamento formativo sulla Cyber...

  • Tecnologie digitali per la transizione energetica

    La transizione energetica e la rivoluzione digitale sono due trasformazioni globali, profonde e irreversibili che progressivamente richiedono di essere affrontate con una visione unica, perché si tratta di due facce della stessa medaglia: il digitale è infatti...

  • Johnson Controls e Accenture: due OpenBlue Innovation Center basati su AI

    Accenture e Johnson Controls collaboreranno alla realizzazione e alla gestione di due nuovi OpenBlue Innovation Center, che supporteranno lo sviluppo di prodotti e servizi a marchio JCI per i sistemi di controllo degli edifici che utilizzano tecnologie...

  • Tecnologie digitali e iperautomazione per un nuovo modello di fabbrica

    Oggi è necessario digitalizzare e automatizzare sempre più i processi produttivi, aumentare la capacità dei funzionari tecnici, la capacità di supervisionare, misurare, monitorare, scoprire, analizzare e progettare Leggi l’articolo

  • Dassault Systèmes Alstom Accenture 3dExperience
    La 3DExperience di Dassault Systèmes per il PLM di Alstom

    Alstom ha scelto Accenture e Dassault Systèmes per lo sviluppo di una nuova piattaforma in cloud per la gestione del ciclo di vita del prodotto (PLM), progettata per aumentare la competitività aziendale e supportarne la crescita. La...

  • Intelligenti e interconnessi, i nuovi ‘must’ dei sensori di processo

    Si dice che i sensori sono gli occhi e le orecchie di macchine e impianti ma c’è dell’altro. Oggi a fare la differenza nella sensoristica non sono solo le tecniche di misura ma le nuove tecnologie digitali....

  • 2021: imparare dal passato, vivere nel presente, creare il futuro

    di Johanne Lennon, Senior Manager Product Marketing, Extreme Networks L’adozione delle tecnologie digitali ha subito una rapida accelerazione nel 2020, in seguito alla situazione che si è sviluppata a causa della pandemia. Cosa possiamo aspettarci per il...

  • Siemens MindSphere nominato leader tra le piattaforme software per l’IIoT

    L’Internet of Things industriale (IIoT) potrebbe far crescere significativamente la produttività e la crescita a livello globale. Secondo le stime di Accenture, questa tecnologia rivoluzionaria accelererà il processo di rinnovamento in atto nei settori, che rappresentano quasi...

  • Automation Fair 2019: collaborazione fra Rockwell e Accenture

    In occasione di Automation Fair 2019, Rockwell Automation e Accenture Industry X.0 hanno annunciato di voler collaborare allo sviluppo di un’offerta digitale che aiuti i clienti del mondo dell’industria a impiegare le soluzioni esistenti per il manifatturiero per...

Scopri le novità scelte per te x