Energie rinnovabili, tre miti da sfatare sul fotovoltaico

Pubblicato il 29 aprile 2022
elmec solar fotovoltaico

Le energie rinnovabili sono destinate ad una crescita estremamente importante nei prossimi anni. In Europa si stima infatti che entro il 2026 il solo fotovoltaico potrebbe costituire quasi la metà della potenza energetica globale. Il 2021 si è confermato inoltre come l’anno del boom delle energie rinnovabili. (dati lea – Agenzia internazionale per l’energia) Anche Elmec Solar – azienda di Brunello (VA) facente parte del gruppo Elmec e che si occupa di sostenibilità ambientale, in questi primi mesi del 2021 ha visto crescere la domanda di impianti fotovoltaici industriali del 239% in più rispetto ai tre mesi dell’anno precedente. Alla base di questo boom ci sono i vantaggi legati all’implementazione di questa tecnologia, emersi in modo più evidente in questo contesto di crisi energetica: i risparmi immediati sulle bollette, l’ammortamento dei costi in 4-6 anni e la produzione di energia pulita garantita per 40 anni praticamente gratuita dopo aver ammortizzato il costo iniziale.

La crisi energetica, nata sul finire del 2021 e acuitasi all’inizio del 2022, non è potuta che peggiorare con l’inizio del conflitto in Ucraina. I prezzi dell’energia hanno raggiunto picchi mai visti in passato. Purtroppo la risposta emergenziale è spesso orientata ad affidarsi a combustibili fossili che, prima o poi, andranno ad esaurirsi, oltre a perpetrare l’immissione di Co2 nell’ambiente. Per questo motivo, urge più che mai un cambio di paradigma basato su forme di approvvigionamento sostenibile che vantino l’utilizzo di una fonte energetica certa e inesauribile, primo tra tutti il sole. Si tratta di un cambiamento anzitutto culturale e, per generarlo, occorre sfatare una serie di miti che resistono nell’opinione pubblica.

“Il fotovoltaico è uno strumento per produrre energia pulita ad un costo veramente marginale. È inoltre di rapidissima implementazione. Al contrario di altri sistemi infatti, un impianto fotovoltaico è già operativo a pochi giorni di distanza dall’installazione. Si parla di un paio di giorni di lavoro per un impianto residenziale a qualche settimana per impianti industriali di grandi dimensioni”, afferma Alessandro Villa, Amministratore Delegato di Elmec Solar e Membro del Consiglio di Italia Solare. “Bisogna cambiare la concezione alla base dell’approvvigionamento energetico; dobbiamo slegarci dalle fonti fossili che sono finite, che non sono sostenibili.  Le rinnovabili creano nuove opportunità di ricerca, di lavoro (la stima dell’European Trade Union Institute sull’impatto della transizione alle fonti di energia rinnovabile sull’economia vede la domanda di lavoro nel settore aumentare nell’ UE di 5 milioni di nuovi lavoratori entro il 2050), di costruzione di nuove iniziative produttive in Europa per renderci strategicamente più indipendenti; di rivoluzionare il concetto di città, di mobilità: tutto quello che serve per un nuovo rinascimento”, conclude Alessandro Villa.

Se parliamo di aziende, ci sono alcuni miti da sfatare.

Il primo: l’impatto sul conto economico dell’ investire nel fotovoltaico.

Nell’immaginario comune il costo del fotovoltaico è percepito come una barriera. Si tratta però di un pensiero irrazionale dettato dalla sola valutazione dell’investimento iniziale. In realtà i costi di realizzazione vengono ammortizzati completamente nei primi 4-6 anni, su 40 di durata di un impianto. Oltre a questo è necessario considerare i vantaggi immediati che un impianto fotovoltaico può dare, a partire dalla risparmio in bolletta, per arrivare al valore che porta con se rispetto all’immagine di azienda responsabile e la conseguente generazione di fiducia da parte dei suoi stakeholder, dei Clienti, del consumatore finale. L’investimento su un impianto fotovoltaico è al pari di quello in un macchinario di produzione.

Il secondo: gli impianti fotovoltaici diventano obsoleti e inutilizzabili in breve tempo.

Gli impianti fotovoltaici sono tecnologie affidabili che necessitano di pochissima manutenzione. Se poi si guarda alla capacità di produzione di energia al metro quadro, il silicio monocristallino (il materiale maggiormente utilizzato per la produzione delle celle fotovoltaiche) è ormai vicinano al suo limite di efficienza teorica. Chi investe oggi, non deve pertanto preoccuparsi né di una rapida obsolescenza. Inoltre, tenendo conto delle caratteristiche intrinseche del prodotto, la perdita di rendimento di un impianto solare si attesta oggi tra lo 0,25% della migliore tecnologia presente sul mercato e lo 0,5% l’anno. Pari ad una resa che cala dal 100 % al 90-80 % alla fine del ciclo di vita. Non esiste pertanto necessità di cambiare rapidamente tecnologia.

Il terzo: le aziende non possono sopperire alle esigenze energetiche con fonti rinnovabili.

È davvero possibile per un’azienda installare un impianto fotovoltaico abbattendo la spesa energetica significativamente? La risposta è si. Ovviamente è necessario fare i conti tra il rapporto fra fabbisogno e spazio disponibile e momento di utilizzo. Anche nel monto del Fotovoltaico industriale esiste inoltre la possibilità di accumulare energia da usare di notte,  in caso di blackout o di minore produttività dovuta alla meteorologia.  E anche se si copre solo una frazione del fabbisogno, il 10-20%, sono sempre tante risorse economiche risparmiate, che si possono usare per investire in rinnovamento della produzione, in piani di welfare, in investimenti core.  Poi ci sono casi dove l’ impianto realizzato coprono quasi il 100% del fabbisogno elettrico. Né è la massima prova lo stabilimento di produzione Nissan a Sunderland, in Inghilterra, totalmente green e dotato di un impianto da 19 mila pannelli solari che hanno ridotto l’emissione di oltre 3 mila tonnellate di CO2.

A questo punto viene lecito chiedersi: qual è l’elemento, l’informazione, che manca alle aziende affinché vengano prese decisioni su tipologie di approvvigionamento energetico più sostenibili? In primo luogo, servirebbe una politica a sostegno delle aziende.

Soprattutto alla luce delle ripercussioni della pandemia – che per molti aspetti non ha ancora esaurito i suoi effetti negativi sui bilanci di molte imprese – occorre mettere a disposizione liquidità a tassi agevolati, restituibile in un lasso di tempo adeguato, garantita da logiche che prendano in considerazione il valore della produzione di energia che il fotovoltaico ha rispetto ai fabbisogni complessivi della comunità.

A tal proposito, l’articolo 15 del decreto Sostegni-ter (Dl. n. 4/2022) ha già introdotto un contributo straordinario, sotto forma di credito d’imposta, a favore delle imprese cosiddette “energivore”, imprese caratterizzate da un alta richiesta energetica per le fasi della produzione, per garantire loro una parziale compensazione degli extra costi sostenuti a causa dell’eccezionale innalzamento del prezzo dell’energia. Per poter accedere all’agevolazione è necessario che la media dei costi per KWh della componente energia elettrica relativi all’ultimo trimestre 2021, al netto delle imposte e degli eventuali sussidi, sia superiore del 30% rispetto alla media di quelli relativi all’ultimo trimestre del 2019. Alle imprese che soddisfano questo requisito, spetta un credito d’imposta pari al 20% delle spese sostenute per la componente energetica acquistata ed effettivamente utilizzata nel primo trimestre del 2022.

In secondo luogo, alla base della poca attenzione al tema delle rinnovabili c’è ancora un difetto culturale: l’anno scorso la crescita di installato (delle energie rinnovabili) in Italia è stata di soli 936,38 MW. Ogni anno dovrebbe essere di circa 800 MW. Per questo motivo, serve costruire una cultura comune perché ancora oggi molti imprenditori non sono a conoscenza di benefici e vantaggi che si celano dietro all’installazione di un impianto fotovoltaico.

“Oggi più che mai serve colmare questo gap culturale alla base della poca attenzione verso l’uso del fotovoltaico”, conclude Alessandro Villa, Amministratore Delegato di Elmec Solar e membro del Consiglio di Italia Solare. “è necessario agire concretamente per supportare le aziende -oltre che i privati-, in merito a questa opportunità di sviluppo che si presenta ogni giorno sotto i nostri occhi, sia attraverso politiche di supporto all’investimento ma soprattutto attraverso la costruzione di una coscienza e  conoscenza comune”.



Contenuti correlati

  • Mirai, la nuova sede Mitsubishi

    Il presidente e ceo Shunji Kurita di Mitsubishi Electric Europe insieme a Mario Poltronieri, presidente della filiale italiana di Mitsubishi Electric hanno inaugurato i nuovi uffici italiani all’interno dell’Energy Park di Vimercate pensati per supportare al meglio...

  • Grande successo per la ventesima edizione di AMB

    La ventesima edizione di AMB, Fiera internazionale per la lavorazione dei metalli ha registrato un’atmosfera stimolante nei padiglioni e tra gli operatori del settore. Per 5 giorni il quartiere fieristico di Stoccarda ha visto passare 64.298 visitatori e 1.238 espositori...

  • ProgettistaPiù 2023: energia dalle onde

    Le onde marine costituiscono una delle fonti di energie rinnovabili più interessanti e distribuite sul globo. L’energia delle onde può essere considerata un derivato dell’energia solare, attraverso l’azione dei venti. Il livello di potenza per unità di lunghezza del...

  • Altair digital twin
    Digital Twin, la tecnologia che piace alle aziende fa il botto

    Altair ha reso noti i risultati di un’indagine internazionale indipendente che conferma un’impennata nell’adozione della tecnologia digital twin a livello mondiale. L’indagine, condotta su oltre 2.000 professionisti, ha misurato in che modo le organizzazioni – in tutti...

  • Un futuro tra sostenibilità e ‘automazione universale’

    Alla più recente edizione della fiera di Hannover, Schneider ha illustrato la propria visione sul futuro dell’industria, necessariamente proiettato verso un modello di sviluppo sostenibile, basato al 100% su tecnologia digitale ed energia elettrica. Anche l’automazione industriale...

  • Un successo che parte dalla flessibilità

    SEW-Eurodrive, grazie al proprio servizio di mappatura con soluzioni di consignment stock, è riuscita ad azzerare i costi di fermo impianto di Laurieri, garantendo efficientamento, flessibilità, sostenibilità Leggi l’articolo

  • Il punto di vista di Bosch Rexroth sulla sostenibilità

    Si può essere davvero green quando si parla di produzione industriale? Secondo Bosch Rexroth sì, non solo perché tutte le sue sedi sono carbon-neutral, ma anche perché offre prodotti e soluzioni sostenibili per il mondo dell’automazione. Per...

  • Il futuro intelligente dell’agricoltura

    Che si tratti di computer quantistici, di turismo spaziale o di tecnologie basate sull’idrogeno, l’avanguardia tecnologica si concentra su argomenti in continua evoluzione. Stranamente, quello spesso trascurato è proprio il settore più importante: l’agricoltura. Questo nonostante sia stata in...

  • Premio Silver Class agli S&P Global Sustainability Awards assegnato a Omron

    Omron si è aggiudicata il riconoscimento Silver Class agli S&P Global Sustainability Awards, annunciati nel Sustainability Yearbook 2022, che evidenziano le prestazioni in ambito sostenibilità delle aziende più importanti del mondo. Con sede negli Stati Uniti, S&P...

  • ‘Comunità energetiche’: la nuova funzione di SPAC EasySol 23

    Le comunità energetiche sono un insieme di privati cittadini, aziende o enti pubblici che producono, distribuiscono e condividono energia pulita e rinnovabile. Quando le comunità energetiche utilizzano l’energia proveniente da fonti alternative come, ad esempio, il fotovoltaico,...

Scopri le novità scelte per te x