Controllo flessibile e trasparente in raffineria

 
Pubblicato il 19 aprile 2012

Eni continua da anni la collaborazione con AspenTech con l’obiettivo di individuare nuove aree per applicazioni di Controllo Avanzato in modo da migliorare le performance delle sue raffinerie. Una delle aree individuate è quella dell’impiego di modelli rigorosi a supporto delle operazioni sia a loop aperto (Advisory mode) che a loop chiuso nell’ambito di applicazioni di controllo avanzato multi variabile realizzate con DMCplus.

Le unità di Reforming possono essere gestite in modo diverso a seconda della funzione che esse svolgono in raffineria, sia nel circuito idrogeno che in quello benzine, ed anche sulla base del tipo di processo, che può essere continuo (CCR) o semi-rigenerativo. Comunque la capacità di controllare importanti qualità e vincoli quali il numero d’ottano, la formazione del coke o le skin dei forni è determinante.

 

Un modello per una stima trasparente

Alcuni licenziatari di processo forniscono tabelle e correlazioni e occasionalmente viene fornito un codice proprietario tipo black-box per stimare in linea alcune di queste proprietà. Questo codice è, appunto, una scatola nera, difficile da mantenere, costruita su uno specifico catalizzatore, non basata su uno strumento di simulazione commerciale.

ENI ha deciso di sviluppare, prima nella Raffineria di Sannazzaro e poi, visti gli ottimi risultati, anche su quella di Livorno, un modello sulle unità di Reforming catalitico (CCR) in modo da ottenere inferenziali accurati e di facile manutenzione. Le proprietà stimate sono utilizzate a loop chiuso nelle applicazioni di controllo avanzato basate su DMCplus.

Utilizzando questo modello cinetico rigoroso (Aspen Hysys Reformer) sono state sviluppate proprietà inferenziali per:

-          Numero di ottano della riformata (RON), WAIT, WABT

-          Coke Laydown Rate (kg/h)

-          Coke sul catalizzatore (wt%)

-          Profilo del Coke nei reattori

-          Duty dei forni

-          Temperature di Skin

-          Minimo rapporto Idrogeno/Idrocarburi in ingresso reattori

Tra i vantaggi principali di questo tipo di approccio spicca l’utilizzo di software standard di facile configurazione sia per la simulazione che per il successivo deployment in linea (architettura aperta, senza codice “nascosto” o scatole nere).

Altro vantaggio è rappresentato dalle proprietà inferenziali calcolate per regressione di un modello cinetico rigoroso allineato all’impianto che può essere risintonizzato e ricalibrato facilmente. Completano l’elenco dei benefici associati all’utilizzo di tale approccio la caratterizzazione dettagliata della qualità della carica (non semplicemente N+2A) e la massima accuratezza e affidabilità possibile dei risultati.

 

I risultati

Nella Raffineria di Sannazzaro è stato verificato che proprietà inferenziali accurate utilizzate dal controllore DMCplus hanno portato ad un aumento di carica del 3,7%. Questo risultato è stato accompagnato da: aumento della produzione di idrogeno grazie alla possibilità di cavalcare vincoli rappresentati correttamente; riduzione del give-away sul numero d’ottano; riduzione dei consumi di MTBE nel blending benzine; migliore profilo di temperatura nel CCR.

Allegato PDFScarica l'allegato

Anteprima Allegato PDF



Contenuti correlati

  • Più sostenibilità nell’Oil&Gas con Rockwell Automation

    Contributo di Sebastien Grau Regional Vice President Middle East, Turkey & Africa, Rockwell Automation Per molti decenni il settore Oil & Gas ha sostenuto la società moderna soddisfacendone i bisogni fondamentali in aree come energia, automotive, aviazione nonché...

  • Come la trasformazione digitale riduce i costi

    Di tutti i settori colpiti dagli eventi dell’ultimo anno, pochi hanno dovuto affrontare gli effetti a catena che hanno colpito il settore Oil & Gas. Mentre il mondo si riprende lentamente dal lockdown di massa, il settore...

  • Tigron: il nuovo attuatore elettrico per l’oil & gas

    Con più di 50 anni di esperienza nella produzione di attuatori elettrici, AUMA continua a progettare nuovi prodotti per soddisfare le esigenze dell’industria dell’oil & gas. L’azienda ha infatti lanciato la nuova serie di attuatori Tigron, che...

  • Ametek, un calibratore di pressione palmare per applicazioni Oil & Gas

    Ametek Sensors, Test and Calibration ha sviluppato il calibratore di pressione compatto HPC50, a sicurezza intrinseca, con elevata accuratezza e facilità di utilizzo per applicazioni di controllo del processo nei settori del petrolio e del gas. Il...

  • Valvometal ricerca neodiplomati in meccanica

    L’azienda metalmeccanica Sitindustrie Valvometal, specializzata nella produzione di valvole tailor-made per impianti oil & gas ed energetici, e guidata dalla trentaquattrenne General Manager Parvin Afsar, è alla ricerca di giovani meccanici. Gli esami sono terminati e l’azienda...

  • Da Flir la prima termocamera OGI raffreddata portatile ad alta risoluzione

    Flir Systems ha rilasciato la prima termocamera portatile ad alta risoluzione (HD) per la rilevazione ottica di gas, GF620. Progettata per i professionisti dell’industria petrolifera e del gas, la termocamera GF620 stabilisce un nuovo standard per il...

  • ABB e Arkad, joint venture per il settore oil & gas EPC

    ABB e Arkad Engineering & Construction hanno firmato un accordo per formare una joint venture per realizzare progetti EPC (Engineering, Procurement and Construction) nel settore oil & gas. L’attuale settore oil & gas EPC di ABB sarà...

  • Carlo Scarlata è presidente di Anie Aice

    Carlo Scarlata è stato nominato presidente di Anie Aice. Scarlata è stato eletto dalla Assemblea degli associati per il biennio 2017 – 2019 alla guida dell’Associazione che, all’interno di Anie Federazione, rappresenta le aziende attive nei comparti dei...

  • La sicurezza degli impianti industriali: protezione antincendio ed esplosioni

    Come confermato nel corso della XIII edizione di OMC (la principale vetrina dell’oil & gas nel bacino del Mediterraneo), la transizione verso un mix energetico sostenibile passa non solo dalla cooperazione tra i paesi e l’etica ambientale,...

  • Moxa X86, un computer per Energia, Trasporti, Marittimo e Oil & Gas

    La serie di computer da rack DA-720-DPP Moxa permette un funzionamento di sistema affidabile nelle applicazioni di automazione specializzate, grazie anche alla sua rispondenza alle norme IEC-61850-3-, IEEE 1613- e IEC 60255. La piattaforma Ethernet da 14...

Scopri le novità scelte per te x