Consorzio CLPA supera i 4.000 associati

Protagonista delle comunicazioni industriali aperte, il Consorzio CLPA ha superato i 4.000 associati

Pubblicato il 6 giugno 2022

CLPA (CC-Link Partner Association) ha superato un’importante pietra miliare nel suo percorso mirato alla promozione e lo sviluppo delle tecnologie aperte per le comunicazioni industriali “state-of-the-art”. Il Consorzio conta ormai oltre 4.000 membri in tutto il mondo, il che ne fa una delle principali organizzazioni di questo tipo. Evidenzia, inoltre, il livello di accettazione raggiunto a livello globale dalle tecnologie CC-Link per reti di automazione aperte, nonché la loro ampia diffusione tra le più importanti aziende manifatturiere.

Dai timidi inizi oltre 20 anni fa, CLPA ha recentemente registrato crescite annuali a doppia cifra, grazie all’aumento esponenziale del numero di aziende che riconoscono i vantaggi dell’Industrial Ethernet con larghezza di banda Gigabit. Questa crescita è stata ulteriormente favorita da CC-Link IE TSN, la prima tecnologia per reti aperte a combinare larghezza di banda Gigabit con lo standard TSN (Time Sensitive Networking). Il risultato è che in tutto il mondo operano ormai oltre 30 milioni di dispositivi basati sulle tecnologie CLPA.

Il fieldbus originario di CLPA, CC-Link, è stato sviluppato dal leader globale dell’automazione Mitsubishi Electric. Dopo la trasformazione in tecnologia aperta nel 2000, CLPA ha continuato a coinvolgere altre aziende tecnologiche leader a livello globale, come Analog Devices, Balluff, Cisco, Cognex e Molex, convincendole ad unirsi a Mitsubishi Electric nel consiglio di amministrazione del Consorzio.

CLPA ha una reputazione consolidata per quanto riguarda l’innovazione, con vantaggi assoluti come la prima rete Industrial Ethernet aperta con larghezza di banda gigabit al mondo, CC-Link IE, ed ora con CC-Link IE TSN. Questo ha portato le reti CLPA ad essere scelte da importanti aziende manifatturiere in un’ampia gamma di settori: automotive, semiconduttori, elettronica di consumo e food & beverage, per citarne solo alcuni.

Ma non è solo il numero di partner a crescere esponenzialmente. Anche la quantità di aziende che ha aggiunto al proprio portafoglio prodotti compatibili con CLPA continua a crescere. Attualmente sono disponibili 2.400 prodotti da 360 aziende provenienti da tutto il mondo.

CLPA ha recentemente festeggiato il proprio 20o anniversario, senza per questo aver rallentato in alcun modo il passo col quale continua a proporre innovazione. Oltre al TSN, ha recentemente annunciato la pubblicazione di linee guida per la sicurezza e il supporto alle reti wireless. Ha dimostrato quindi di voler restare un affidabile partner anche per il futuro, mentre la diffusione di Industry 4.0 nel settore manifatturiero continua a crescere.

John Browett, General Manager di CLPA-Europe, commenta: “In soli 20 anni dalla nostra fondazione abbiamo goduto di una crescita straordinaria. Siamo passati da soli 6 membri fondatori a oltre 4000 associati, con 10 membri nel consiglio di amministrazione, che fanno di noi un’associazione forte e influente. Mentre il numero dei nostri associati cresce così come la nostra base installata, il nostro entusiasmo nell’aiutare le aziende in tutto il mondo a creare sistemi ad alta interconnessione resta immutato, per ottimizzare e potenziare la produttività.”

Fonte doto ©istock/marchmeena29



Contenuti correlati

  • Impianti in ‘autogestione’: l’autonomia per la sostenibilità

    Lo sviluppo sostenibile è senz’altro uno degli aspetti chiave sui quali si giocherà la partita del benessere globale per le future generazioni e l’automazione industriale può fare la sua parte quale efficace strumento per perseguirla e ottenerla....

  • L’efficienza delle aziende dipende dall’efficienza dell’intralogistica

    Le aziende cercano di fare più efficienza, puntano a ridurre i costi e aumentare la capacità produttiva. Allo stesso tempo, la produzione ‘just in time’ e personalizzata con i magazzini pieni di scorte non è più sostenibile:...

  • Schneider Electric rilascia EcoStruxure Automation Expert versione 22.0

    Schneider Electric ha presentato la versione 22.0 di EcoStruxure Automation Expert, che amplia ulteriormente le funzionalità del primo sistema al mondo di automazione universale centrato sul software. Nel settore CPG, nella logistica e nel ciclo idrico integrato...

  • Rockwell Automation è stata nominata Visionaria

    Rockwell Automation è  stata nominata azienda Visionaria per il suo FactoryTalk ProductionCentre e Plex Sistems è stata nominata Leader per la sua piattaforma per la produzione intelligente nel Gartner Magic Quadrant per la valutazione dei sistemi di esecuzione...

  • White paper CLPA: come sviluppare dispositivi che sfruttino i benefici del TSN

    Il consorzio CLPA (CC-Link Partner Association) ha pubblicato un white paper sull’ecosistema di sviluppo per dispositivi di automazione compatibili con lo standard TSN (Time Sensitive Networking) liberamente scaricabile. Creato per i vendor di prodotti per l’automazione, “Come...

  • La smart factory integrata e sicura di E80 Group e Gambini

    Realizzare smart factory sempre più integrate, digitalizzate e sostenibili incrementando l’efficienza e la sicurezza lungo tutta la supply chain: con questo obiettivo E80 Group e Gambini hanno sviluppato una nuova linea converting completamente automatica, capace di interconnettere...

  • Il nuovo white paper che esplora la potenzialità di TSN per migliorare i processi produttivi

    CC-Link Partner Association (CLPA) ha annunciato la pubblicazione di un white paper sul protocollo TSN (Time-Sensitive Networking) disponibile online  Speciale Supplemento CC-Link IE TSN che propone un’analisi approfondita su cos’è questa tecnologia e perché sia fondamentale per creare Smart...

  • CLPA rafforza il supporto al mercato italiano dell’automazione

    CC-Link Partner Association (CLPA) sta espandendo il supporto offerto in Italia a vendor di prodotti per l’automazione, costruttori di macchine e utenti finali. Con la nomina di Alberto Griffini a Business Developer, l’organizzazione mira a soddisfare la...

  • Integrazione OPC UA, TSN, 5G: ‘avvicina’ le smart factory

    L’architettura unificata dello standard industriale OPC UA, assieme a time-sensitive networking (TSN) e reti 5G, possono favorire l’attecchimento nelle imprese del paradigma Industrial Internet of Things. Leggi l’articolo

  • Transizione digitale e fattore umano

    La diffusione delle tecnologie 4.0 nei processi produttivi e i conseguenti cambiamenti nei modelli organizzativi, portano l’accento sul rapporto uomo-macchina e sull’esigenza di passare da un paradigma di sostituzione ad uno di potenziamento. Diversi studi, da ultimo...

Scopri le novità scelte per te x