Africa: la nuova frontiera da esplorare secondo i dati Anie

Durante il consueto appuntamento annuale di Anie dedicato all’internazionalizzazione è stato presentato il ricco programma di iniziative per il 2018 a supporto delle imprese che si affacciano sui mercati internazionali che ANIE realizza in collaborazione con l’Agenzia ICE. Uno specifico focus è stato dedicato all’Africa, continente dalle interessanti opportunità e, in particolare, al Ghana

Pubblicato il 19 dicembre 2017

L’industria delle tecnologie italiane continua a guardare alla internazionalizzazione come leva strategica di sviluppo e si affaccia all’Africa, area emergente dalle interessanti opportunità per le imprese italiane: è quanto emerso all’‘Open Day’ di Anie Confindustria, il tradizionale appuntamento organizzato dall’Area Internazionale di Anie, che si è tenuto a Milano alla presenza del vice presidente Anie per l’internazionalizzazione, Andrea Maspero.

Negli ultimi anni il canale estero ha assunto un ruolo centrale a sostegno della crescita dell’industria Elettrotecnica ed Elettronica italiana. La tendenza è confermata dai numeri: l’incidenza dell’export sul fatturato totale si attesta nei settori Anie al 55%, mentre era inferiore di otto punti percentuali solo 10 anni prima.
L’apertura ai mercati esteri è cresciuta in questi anni anche in quei comparti che tradizionalmente mostravano una minore propensione alla internazionalizzazione. Nell’ultimo decennio guardare ai mercati esteri è divenuta una necessità per superare la debolezza della domanda interna e oggi, in un contesto in profonda trasformazione, l’internazionalizzazione si conferma elemento centrale per operare in catene del valore sempre più integrate. Secondo dati Istat, nell’ultimo decennio il numero di operatori all’esportazione nei settori dell’Elettrotecnica e dell’Elettronica è cresciuto in aggregato di quasi il 20% e un analogo incremento ha caratterizzato nell’ultimo quinquennio anche il numero di imprese a controllo nazionale residenti all’estero.

Se il 2016 si è caratterizzato come un anno debole per gli scambi globali, nel corso del 2017 la ripresa internazionale ha ripreso slancio, offrendo nuovi spunti di crescita per l’export elettrotecnico ed elettronico italiano, sia nei mercati più maturi sia in quelli emergenti.
Secondo i preconsuntivi attualmente disponibili, nel 2017 le esportazioni dei settori Anie mostreranno un incremento annuo pari al 5%.
Numeri positivi si registrano anche dai risultati dell’Osservatorio sul mercato delle tecnologie Anie: guardando all’evoluzione della domanda estera nei prossimi mesi e a inizio 2018, le valutazioni delle imprese si mantengono positive. Nel secondo semestre del 2017 il 53% delle imprese Anie segnala una crescita dell’ordinato estero nel confronto con lo stesso periodo del 2016.

Le imprese italiane fornitrici di tecnologie che operano strutturalmente sui mercati esteri si trovano ad affrontare uno scenario internazionale sempre più complesso. Un elemento favorevole è dato dalla peculiarità di questa nuova fase del ciclo economico internazionale, che per la prima volta dall’inizio della crisi vede un riavvio degli investimenti globali e legati, in particolare, al settore manifatturiero.
La digitalizzazione e l’innovazione tecnologica stanno rapidamente trasformando l’offerta, i processi industriali e le catene del valore. In particolare, il peso della componente di servizio sul valore aggiunto di un prodotto sta acquisendo crescente rilevanza rendendo da un lato più complessa l’attività di esportazione sui mercati esteri, ma allo stesso tempo favorendo una maggiore competitività.
Le imprese Anie confermano una elevata vocazione all’innovazione anche sui mercati esteri, elemento che può costituire un importante fattore competitivo in un mondo sempre più complesso. Secondo dati Istat, la quota di imprese che hanno introdotto innovazioni che rappresentano una novità per il mercato internazionale (UE ed extra UE) supera in media nei settori dell’Elettrotecnica e dell’Elettronica il 20% sul totale, toccando il 35% nei comparti dell’Elettronica, una quota doppia rispetto al manifatturiero dove si attesta al 10% sul totale.

Durante l’Open Day un approfondimento è stato dedicato all’Africa, area emergente dalle interessanti opportunità per le imprese italiane e, in particolare, al Ghana, economia fra le più dinamiche dell’Africa Subsahariana.
Complessivamente, nel 2016 l’Africa rappresenta il 12% sul totale delle esportazioni elettrotecniche ed elettroniche italiane rivolte ai mercati extra UE. Nel periodo 2007-2016 l’export di tecnologie Anie verso l’Africa è cresciuto a un tasso medio annuo pari al 3%.
“Per rispondere alle sfide di un contesto in continua evoluzione e non perdere le nuove opportunità date dalla ripresa globale è importante disporre di strumenti mirati di internazionalizzazione” ha spiegato Maspero. “La globalizzazione sta cambiando volto, orientandosi a una dimensione più regionale e caratterizzandosi per un accorciamento delle catene del valore. Il nostro ruolo è quello di accompagnare le aziende nel loro percorso, supportandole e creando per loro concrete occasioni di business nei mercati più recettivi all’offerta tecnologica italiana. La collaborazione con l’Agenzia ICE è per Anie strategica per accompagnare le imprese sui mercati esteri. Credo che il calendario delle attività proposte per il 2018 e gli scenari prospettati nella giornata odierna siano strumenti di forte aiuto alle imprese”.



Contenuti correlati

  • People for Process Automation

    Fondata in Germania nel 1953, Endress+Hauser è un fornitore di riferimento su scala mondiale di strumentazione, soluzioni e servizi per l’automazione industriale, grazie alla sua ampia gamma di strumenti per misure di processo e alla sua forte...

  • Industrial smart working

    Bisogna senz’altro distinguere tra smart working e lavoro da remoto. In ambito industriale si preferisce parlare di lavoro agile, di una diversa organizzazione dei tempi, degli spazi e delle modalità di esecuzione del lavoro. Col pieno utilizzo...

  • Transizione 4.0, per le PMI lombarde sarà potenzialmente a costo zero

    La transizione digitale, in particolar modo quella legata alle tecnologie di Industria 4.0, potrebbe essere nei prossimi 7 anni a costo zero per molte PMI lombarde. È quanto emerge dalla stima effettuata dal Centro Studi CNA Lombardia,...

  • Quando la robotica diventa amica

    Da un anno a questa parte, gli ambienti produttivi e intralogistici stanno subendo numerose mutazioni e aggiornamenti di layout, dettati anche dalle esigenze di distanziamento fisico. Ad oggi non è più possibile utilizzare schemi tradizionali per i...

  • Connettività al servizio del formaggio

    Wi-Fi e industria alimentare: le infrastrutture di Cambium Networks sono utilizzate nei magazzini di stagionatura di Autodop per la produzione di formaggi di alta qualità Leggi l’articolo 

  • Il futuro delle comunicazioni industriali

    La tecnologia TSN offre una soluzione ideale per integrare il livello informatico (IT) con quello produttivo (OT), grazie alla convergenza e alla trasparenza dei dati tra fabbriche e aziende, due fattori chiave nell’era di Industry 4.0. Mitsubishi...

  • Canon entra in Afil: eccellenza tecnologica al servizio dell’Industria 4.0

    Canon è lieta di annunciare l’ingresso nell’Associazione Fabbrica Intelligente Lombardia (AFIL). Si tratta del Cluster Tecnologico Lombardo per il manifatturiero avanzato, frutto di un processo guidato da Regione Lombardia, volto alla creazione di soggetti che favoriscono l’aggregazione...

  • Soluzioni di connettività per l’automazione, IAS4.0, da Molex

    Molex ha annunciato un ulteriore sviluppo per favorire importanti progressi nell’Industria 4.0 e iniziative di digital manufacturing. Questi progressi e l’introduzione dei moduli di automazione flessibile (Flexible Automation Modules, FAM) ampliano ulteriormente le soluzioni di automazione industriale...

  • Softing gateway IIoT SmartLink
    Gateway IIoT di Softing per impianti di processo

    Il gateway smartLink HW-DP di Softing Industrial Automation offre un accesso alle reti Profibus DP indipendente dal controllore. I dati per l’ottimizzazione dei processi sono ora disponibili anche tramite un’interfaccia OPC UA, oltre che tramite Hart IP...

  • “100 Giornate Evolution”: si rinnova l’accordo tra Siemens e Confindustria

    Siemens Digital Industries Italia e Confindustria hanno rinnovato l’accordo “Smart Factory Siemens – 100 Giornate Evolution”: nuova linfa ad una collaborazione iniziata nel 2018 che ha al centro la trasformazione digitale delle imprese e che durerà fino...

Scopri le novità scelte per te x

  • People for Process Automation

    Fondata in Germania nel 1953, Endress+Hauser è un fornitore di riferimento su scala mondiale di strumentazione, soluzioni...

  • Industrial smart working

    Bisogna senz’altro distinguere tra smart working e lavoro da remoto. In ambito industriale si preferisce parlare di...