2016-2018: un triennio di crescita per le macchine per il packaging

Pubblicato il 9 novembre 2015

Secondo uno studio previsionale realizzato dal Centro Studi Ucima, la domanda mondiale di macchine per il confezionamento e l’imballaggio è destinata a crescere significativamente nel prossimo triennio.

Lo studio, articolato per aree geografiche, tipologia di macchine e settori di sbocco, prevede che, alla fine del prossimo triennio, il valore del mercato mondiale delle macchine per il confezionamento e l’imballaggio raggiungerà un valore di 40,3 miliardi di euro, con una crescita annua stimata del 4,9%.

A trainare la crescita, la domanda proveniente da Asia e Africa-Oceania (+7,1%) seguita da quella proveniente dall’America Latina (+5,6%).

Per quanto riguarda i settori di sbocco, le crescite maggiori saranno registrate globalmente dalle macchine per l’industria cosmetica (+6,6%), seguite dalle macchine per l’industria chimica (+5,4%) e dalle macchine per il food (+5,2%).

In valori assoluti, invece, il food resterà il principale settore cliente generando il 31,8% della domanda totale pari in valore assoluto a 12,8 miliardi di euro, seguito dal beverage con il 31,5% e pari a 12,7 miliardi di euro.

La domanda per tipologie di macchine riflette solo in parte quella per settore cliente. Sono infatti le macchine avvolgitrici a far registrare gli incrementi percentuali maggiori nel triennio (+5,6%), riempitrici (+5,2%) e etichettatrici (+5,0%).

L’UE crescerà del 3% fino ad un valore complessivo di mercato pari a 10,7 miliardi di Euro con le macchine per l’industria cosmetica in crescita del +4,8%, quelle per il food del +4,1% e per l’industria chimica del 3,5%.

Per quanto riguarda l’Italia, l’export di macchinari italiani crescerà in media con la crescita mondiale con performace superiori alla media in UE (+3,2%), Nord America (+4,6%), Africa e Oceania (+7,7%).

In particolare l’export italiano registrerà le crescite percentuali maggiori in Arabia Saudita, Nigeria, Perù, Indonesia, Malesia, Algeria, Turchia e Iran.

Nell’anno in corso i costruttori italiani di macchine automatiche per il confezionamento e l’imballaggio stanno registrando un andamento in linea con l’andamento dell’anno scorso quando il settore archiviò l’ennesimo record di fatturato pari a 6,3 miliardi di Euro.

Nell’anno in corso, infatti, un lieve rallentamento dell’export (che rappresenta l’83% del fatturato totale) è stato compensato dalla crescita delle vendite sul mercato italiano.

 

Su questi temi vi ricordiamo l’appuntamento il 10 dicembre 2015 a Milano con Machine Automation, mostra convegno organizzata da Fiera Milano Media e patrocinata da Ipack Ima.



Contenuti correlati

  • Processi ottimizzati per un packaging sostenibile

    Per le macchine e le linee di confezionamento, la piattaforma di automazione B&R, che va dal motore ai sistemi di trasporto più evoluti, consente di creare applicazioni capaci di gestire i prodotti in modo più efficiente e...

  • Insieme per le macchine di domani

    Il progetto sviluppato da Cama prevede l’integrazione di tutto il portfolio Siemens all’interno di un’unica piattaforma Tia Portal, con il supporto di applicativi specifici durante tutte le fasi di realizzazione Leggi l’articolo

  • Tutto sotto controllo

    Una soluzione per tenere sotto controllo i complessi parametri del mondo del packaging e del processing nell’industria farmaceutica Leggi l’articolo

  • Cobot per il fine linea

    I cobot dell’azienda danese sono impiegati nelle fasi di packaging e pallettizzazione dove migliorano il tasso di produttività e forniscono un grande beneficio ergonomico agli operatori Leggi l’articolo

  • Un digital twin per imballaggi sostenibili

    PepsiCo è alla ricerca di soluzioni di imballaggio sostenibili, in grado di resistere agli eventuali danni che possono essere arrecati durante le fasi di trasporto e posizionamento sugli scaffali. La soluzione viene da Dassault Systèmes Leggi l’articolo

  • FasThink e Omron a Intralogistica 2022: Marco Marella e Luca Fraticelli

    Automazione Oggi intervista Marco Marella, General Manager di FasThink, e Luca Fraticelli, Omron Electronics System Integrator Manager, in occasione di Intralogistica 2022 – Ipack-IMA 2022: la partnership fra le due aziende per offrire soluzioni di fine linea...

  • Vipa Italia a Ipack-IMA 2022: Gaetano Chiappini

    Automazione Oggi intervista Gaetano Chiappini, Direttore Vendite di Vipa Italia, facente parte del Gruppo Yaskawa, in occasione di Ipack-IMA 2022. L’azienda presenta in fiera le proprie soluzioni di controllo avanzate, un nuovo inverter e soluzioni integrate con i...

  • Bekchoff Automation a Ipack-IMA 2022: Raffaele Balzan

    Automazione Oggi intervista Raffaele Balzan, Packaging Market Manager di Beckhoff Automation, in occasione di Ipack-IMA 2022. L’azienda presenza in fiera nuove soluzioni flessibili per il packaging e il confezionamento.

  • L’automazione industriale ha un nuovo interlocutore: Delta Electronics

    Innovare e proteggere l’ambiente per garantire un futuro migliore è il mantra di Delta Electronics fin dal 1971, l’anno della sua nascita. E oggi, nel 2022, l’asticella è molto alta e la sua offerta si è arricchita...

  • La prima edizione di IPACK-IMA Digital

    IPACK-IMA, fiera internazionale specializzata nel processing e nel packaging, dal 3 al 6 maggio presenta la 25esima edizionedel rinomato appuntamento fieristico con un’importante novità. Grazie alla collaborazione con MindSphere World – Associazione che dal 2018 promuove tecnologie e servizi per l’Industrial...

Scopri le novità scelte per te x