Ucimu: nel I trimestre del 2021 cresce la raccolta ordini di macchine utensili

I trimestre 2021:  tornano a crescere gli ordini di macchine utensili (+48,6%); ordini interni +157,9%; ordini esteri +30,5%

Pubblicato il 21 aprile 2021

Nel I trimestre del 2021 torna a crescere la raccolta ordini di macchine utensili da parte dei costruttori italiani. In particolare, l’indice Ucimu, elaborato dal Centro Studi & Cultura di Impresa dell’associazione, rileva nei primi tre mesi dell’anno un incremento del 48,6% rispetto allo stesso periodo del 2020. In valore assoluto l’indice si è attestato a 169 (base 100 nel 2015).

Il risultato complessivo è stato determinato principalmente dall’ottima performance dei costruttori sul mercato domestico. Sul fronte interno, infatti, i costruttori italiani rilevano un incremento degli ordinativi pari al 157,9% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Il valore assoluto dell’indice si è attestato a 195,5.
Sul fronte estero, gli ordini sono cresciuti del 30,5% rispetto al periodo gennaio-marzo 2020. Il valore assoluto dell’indice si è attestato a 155.

“I dati registrati in questo primo trimestre” ha affermato la presidente di Ucimu-Sistemi per Produrre, Barbara Colombo, “sono sicuramente positivi e ci permettono di tirare un po’ il fiato dopo mesi di grande difficoltà. Detto ciò, gli incrementi rilevati vanno ben ponderati: essi, infatti, si confrontano con i risultati messi a segno in un periodo, quello della prima parte del 2020, davvero difficile perché, di fatto, dalla fine di febbraio ci siamo trovati a dover fronteggiare i primi effetti della pandemia internazionale”.

“Il mercato interno, che già a fine 2020 avevamo percepito avesse ripreso a macinare ordini, sta rispondendo bene, sostenuto in questo anche dalle misure di incentivo agli investimenti in nuove tecnologie di produzione previsti dal Piano Transizione 4.0. Anche le indicazioni raccolte sui mercati stranieri sono positive ma la ripresa presenta velocità differenti: Cina e Stati Uniti hanno un’attività decisamente vivace, mentre i paesi di Area euro hanno ingranato soltanto ora”.

“Il fatto che il mondo stia riprendendo a fare investimenti in nuove macchine utensili e in nuovi sistemi di automazione è senza dubbio un’ottima notizia ma noi costruttori italiani rischiamo di rimanere in parte estranei alle opportunità che alcuni mercati sono in grado di offrire in questo momento, a causa del persistere delle limitazioni alla mobilità delle persone”.

“Per questo” ha continuato Colombo “visto il posizionamento temporale nell’ultimo trimestre dell’anno, periodo che ragionevolmente dovrebbe coincidere con il ritorno alla normalità grazie alla vaccinazione di massa, EMO Milano 2021, in programma dal 4 al 9 ottobre a FieraMilano Rho, sarà per noi costruttori italiani (e non solo) un appuntamento ancora più importante, in occasione del quale dovremo sfruttare al massimo tutte le opportunità offerte da un evento di questa caratura che torna in Italia dopo 6 anni e soprattutto dopo oltre un anno e mezzo di stop forzato agli eventi espositivi internazionali”. Le indicazioni di mercato, insieme al procedere della campagna vaccinale, che anche in Italia nelle ultime settimane sembra essere entrata nel vivo, fanno ben sperare rispetto alla riuscita di EMO Milano 2021 in occasione della quale le imprese presenteranno la propria offerta agli operatori dell’industria manifatturiera mondiale che arriveranno a Milano.

La manifestazione ha raccolto al momento, adesioni da 28 Paesi del mondo; i più importanti player internazionali hanno già confermato la loro partecipazione, consapevoli dell’enorme potenziale commerciale offerto dall’evento. Vi sono però ancora delle imprese che preferiscono attendere nel confermare la propria partecipazione, per avere maggiori certezze rispetto alle modalità di svolgimento della mostra espositiva.
“Per questo alle autorità di governo” ha concluso la presidente “chiediamo di poter avere al più presto indicazioni chiare e puntuali perché, se è vero che a EMO Milano 2021 mancano ancora sei mesi, è altrettanto vero che l’organizzazione della presenza ad un evento di questo tipo va definita ora”.

Fonte foto Pixabay_mohamed_hassan



Contenuti correlati

  • 33.BI-MU e Xylexpo insieme dal 12 al 15 ottobre 2022

    In un tempo quanto mai sfidante, anche a livello fieristico, le due manifestazioni, BI-MU e Xylexpo, organizzate rispettivamente da Ucimu-Sistemi per produrre, l’associazione dei costruttori italiani di macchine utensili, robot e automazione, e da Acimall, l’associazione dei costruttori di...

  • Agevolazioni Nuova Sabatini e Tecno Sabatini a rischio

    L’andamento positivo del mercato del leasing registrato nel primo quadrimestre 2021 ha mostrato un ritorno al livello degli investimenti in beni di produzione, effettuati delle aziende e P.IVA italiane, ai livelli pre-pandemia del 2019, con una forte...

  • Transizione 4.0: buon piano ma serve continuità

    Durante l’evento organizzato da Ucimu – Sistemi per produrre in collaborazione con Deloitte, la presidente Barbara Colombo ha sottolineato positivamente le novità dei crediti d’imposta ma auspica un potenziamento e una valenza strutturale nel tempo. Leggi e...

  • Bonus beni strumentali, ipotesi compensazione in un anno per il 2021 

    Sono ancora delusi coloro che speravano nella possibilità di cedere a terzi, anche parzialmente, i crediti d’imposta derivanti da investimenti in Transizione 4.0. Misura come noto bloccata dalla Ragioneria di Stato. Si profila però all’orizzonte una novità che potrebbe far contenti coloro...

  • Nuovo ciclo di webinar formativi per Eaton

    Eaton rinnova il proprio impegno in ambito formativo e presenta un nuovo ciclo di webinar rivolti ai costruttori di macchine, per approfondire insieme agli esperti dell’azienda le novità in tema di Transizione 4.0 e le funzionalità dei...

  • Osservatorio dell’Automazione 2021: tutte le premesse per il rilancio

    Raggruppando aziende del settore manifatturiero per complessivi 84 miliardi di euro di fatturato, il 5% del PIL italiano, con un investimento pari al 4% in R&S, Anie Automazione rappresenta una notevole ‘fetta’ del mondo produttivo italiano. Nato...

  • #iopagoifornitori: online il sito dedicato all’iniziativa oltre 650 le aziende aderenti

    L’obiettivo di #iopagoifornitori è quello di stimolare le imprese del sistema economico, in primis quello bresciano, a trovare con la controparte, in modo efficace e collaborativo, soluzioni comuni per far fronte alle eventuali difficoltà di liquidità, privilegiando...

  • Piano Transizione 4.0: una guida di Zerynth aiuta le aziende a risparmiare e investire

    Con la legge di Bilancio collegata al Piano per la Ripresa dell’Europa (o Recovery Fund) approvata il 30 dicembre 2020, sono stati stanziati oltre 24 miliardi di euro destinati al piano Transizione 4.0 che, messo a punto...

  • Un II trimestre 2021 in crescita per Rockwell Automation

    Rockwell Automation, con sede a Milwaukee, Wisconsin (USA) ha reso noti i risultati relativi al primo trimestre dell’anno  fiscale 2021: vendite in aumento del 5,6% sull’anno precedente e ordini per 2 miliardi di dollari, con un incremento a due cifre rispetto...

  • Transizione 4.0, ipotesi cessione crediti d’imposta a terzi

    A partire da oggi alle 14 e domani dalle 9 la Quinta Commissione “Programmazione economia e bilancio” al Senato continuerà l’esame degli emendamenti al ddl 2144 (decreto Sostegni Dl 41/2021). Tra gli emendamenti in discussione vi è...

Scopri le novità scelte per te x