Più efficienza e produttività per Elemaster con J-Flex MES

Pubblicato il 10 aprile 2017

Sapere l’esatta posizione in azienda di 6mila codici di prodotto diversi, i materiali e componenti utilizzati e il tempo impiegato per la produzione di ciascuno è un po’ come conoscere per nome e cognome ogni singolo pezzo. Sono questi i risultati della fabbrica 4.0; risultati cui è approdato il progetto MES che la friulana Tecnest ha sviluppato per il colosso dell’elettronica Elemaster. Il caso è stato presentato nell’ambito dell’ultimo Global Logistics & Supply Chain Summit svoltosi a Bentivoglio (Bo).

Grazie all’applicazione della soluzione J-FLEX MES (Manufacturing Execution System) di Tecnest, azienda di Udine specializzata in soluzioni organizzative e informatiche per la gestione della Supply Chain e delle Operations, Elemaster ha migliorato l’efficienza e la visibilità sui processi.  «Il lavoro svolto ci ha permesso di ottimizzare i tempi ciclo e di poter individuare i colli di bottiglia lungo il processo di produzione, così da aumentare l’efficienza, migliorare la visibilità e il controllo in tempo reale e ridurre il time to market», ha spiegato Giovanni Cogliati, Sales Manager di Elemaster, società con quartier generale a Lomagna (Lc) che con mille dipendenti e 185 milioni di fatturato è tra le maggiori società ODM-EMS in Europa. Specializzata nella progettazione, sviluppo e realizzazione sia di schede elettroniche sia di dispositivi completi, integrati con la produzione di componenti custom e la produzione di PCB, Elemaster ha in portafoglio i principali attori globali nei settori ad alto contenuto tecnologico come l’elettromedicale ed healthcare, il settore ferroviario e dei trasporti, l’avionica e la difesa, l’high-tech mobility, il settore industriale ed energy.

La necessità era quella di ottimizzare i processi di produzione per rispondere in modo più efficace ed efficiente alle richieste del mercato. «Il recente processo di trasformazione trasversale che l’azienda ha messo in atto sia in termini di internazionalizzazione, con l’apertura degli stabilimenti in USA, India e Cina per essere più vicini ai nostri clienti, sia di rivoluzione dei sistemi informativi, ci ha portato a rivedere anche i processi di produzione per ottimizzare tempi e costi e ottenere migliore visibilità e controllo su tempi, materiali e risorse utilizzate», ha aggiunto Cogliati. «Siamo un’azienda complessa, vendiamo ogni anno più di 6 milioni di prodotti finiti divisi su circa 6mila codici-articolo diversi e gestiamo in termini di materie prime più di 150mila articoli. Per gestire tutta questa complessità e rispondere alle esigenze del mercato, oltre agli strumenti tecnici e alle competenze manageriali interne, avevamo bisogno di affidarci a un partner specializzato e a soluzioni software avanzate per la gestione dei processi di produzione».

Da qui la scelta di Tecnest e l’implementazione della soluzione J-FLEX di Tecnest. «Il progetto MES si è focalizzato sul dispatching dei piani di produzione, sulla raccolta dati in tempo reale, sulla gestione e controllo degli avanzamenti in reparto e sulla gestione della tracciabilità e della qualità. Tutto questo anche attraverso un’integrazione in real-time del nostro sistema J-FLEX con l’ERP, i sistemi di automazione, le macchine di produzione e di test di Elemaster per permettere di convogliare in tempo reale tutti i dati relativi alle quantità prodotte e ai tempi impiegati. E, in caso di errore, avvisare i responsabili per metterli nelle condizioni di intervenire con azioni correttive»,  ha spiegato Fabrizio Taboga, Project Manager di Tecnest. «Un aspetto fondamentale del progetto è la gestione della tracciabilità e rintracciabilità in produzione. Attraverso l’utilizzo di codici univoci e la definizione di opportune unità di gestione logistica dei materiali, il sistema genera legami di tracciabilità dalle materie prime al prodotto finito e viceversa, con riferimento sia ai lotti di materiale utilizzato, sia alle risorse impiegate nel processo».

Così oggi, attraverso 200 postazioni di reparto e una cinquantina di palmari, Elemaster è in grado di conoscere l’esatta posizione di ogni singola scheda elettronica presente in azienda e quanto tempo è stato necessario per produrla.  «Un risultato – ha concluso il Sales Manager di Elemaster – che si è concretizzato in una migliore visibilità e controllo in tempo reale dei processi e in un aumento delle performance produttive, con l’eliminazione degli sprechi e la riduzione dei costi nell’ottica di un miglioramento continuo».



Contenuti correlati

  • Next Generation Logistics

    Più veloce, più precisa. È la logistica di nuova generazione: la ‘smart logistics’. Parte integrante di Industry 4.0, è essenziale sia alla produzione sia al consumo. Dunque, un ‘mondo di mezzo’ che oggi è sempre più centrale nella pianificazione, automazione, trasformazione digitale e modernizzazione...

  • Forum Software Industriale – Rotoli e rotoli di… nastri

    La toscana Fabo, produttrice di nastri adesivi, ha sviluppato un progetto di Industria 4.0 insieme a Var Group e oggi guarda al futuro con un occhio molto più efficiente su tutte le attività di gestione e logistica Leggi l’articolo

  • Razionalizzare la preparazione degli ordini con sistema dinamico a gravità di Interroll

    Con l’obiettivo di sostenere la propria crescita, il gruppo PRB ha realizzato un nuovo magazzino nel suo stabilimento di La Mothe-Achard per il magazzinaggio e la spedizione su gomma dei propri prodotti. Interroll ha contribuito alla realizzazione...

  • Škoda Auto utilizza il robot autonomo di Omron nell’impianto di Vrchlabí

    Una delle parole chiave della strategia 2025 di Škoda Auto è l’avanzamento rigoroso della digitalizzazione del proprio processo di produzione. Oggi, il produttore di auto ceco sta utilizzando un robot da trasporto completamente autonomo con auto-apprendimento di...

  • Wolters Kluwer Tax & Accounting Italia pone le basi per il magazzino 4.0

    Wolters Kluwer Tax & Accounting Italia ha ingegnerizzato un nuovo modulo settoriale dell’Erp Arca Evolution. Dedicato al mondo della logistica e intralogistica “Logistica Web App” permette di ottimizzare le operazioni di magazzino, creando ed evadendo documenti standard...

  • Focus sulla progettazione 4.0 della quadristica: Rittal a Forum Meccatronica 2018

    Rittal il 26 settembre prossimo prenderà parte alla quinta edizione di Forum Meccatronica, presso il CNH Industrial Village di Torino. Coerentemente con il focus dell’edizione di quest’anno – dedicata a “L’esperienza manifatturiera italiana nel passaggio al 4.0:...

  • Linea di sensori SICK per la navigazione di piattaforme mobili

    Il prossimo step della logistica flessibile? Entrare direttamente nei reparti produttivi e occuparsi della movimentazione della merce. Per farlo, occorrono veicoli a guida automatica snelli, sicuri ed efficienti, capaci di trasportare in autonomia piccoli lotti da un’isola...

  • Una ‘new entry’ nel management team globale di Gruppo Interroll

    Jens Strüwing, che ricopre attualmente la carica di direttore della divisione Global Operations Aftermarket del Gruppo Mahle ed è responsabile delle operazioni di 18 siti produttivi e logistici a livello globale, nonché di Mahle Consulting, assumerà il...

  • Tecnologia intelligente per cibi più sicuri

    La sicurezza alimentare è da anni ai primi posti tra le priorità di produttori e consumatori di alimenti. Come infatti ha riportato la rivista americana Food Processing nel suo rapporto sulle prospettive della produzione alimentare del 2016,...

  • Manutenzione predittiva per riduttori industriali Nord Drivesystems

    I riduttori industriali sono dei pesi massimi della tecnologia di azionamento che devono gestire coppie elevate. A causa delle grandi forze in gioco, le piccole anomalie che non vengono rilevate in tempo possono rapidamente provocare delle interruzioni...

Scopri le novità scelte per te x