L’Università di Pisa si affida a Vertiv per ampliare le capacità delle infrastrutture dati

Pubblicato il 9 aprile 2024

Vertiv, fornitore globale di soluzioni per le infrastrutture digitali critiche e le soluzioni di continuità, è stata scelta dall’Università di Pisa per ampliare l’infrastruttura del data center esistente e prevedere nuove apparecchiature di alimentazione e di raffreddamento a liquido necessarie a soddisfare le esigenze imposte dai sistemi di High Performance Computing e per mantenere un’elevata flessibilità operativa.

L’Università di Pisa, fondata nel 1343, è uno degli Atenei più antichi e prestigiosi in Italia e in Europa. La sua organizzazione è composta da 20 Dipartimenti, che comprendono facoltà umanistiche, scientifiche e informatiche, con circa 50.000 studenti iscritti ai differenti corsi di laurea. L’Università disponeva già di tre data center in città a supporto delle attività didattiche e di ricerca e aveva la necessità di potenziare ulteriormente le infrastrutture per garantire maggiore efficienza e agilità. Nel 2016, l’Università di Pisa ha intrapreso un progetto per lo sviluppo di un nuovo data center chiamato “The Green Data Center”. Vertiv è stata selezionata per fornire l’infrastruttura critica di alimentazione e raffreddamento e il successo dell’attuazione del progetto ha portato a una forte relazione tecnica e strategica con l’Università. Più recentemente, l’Università si è rivolta a Vertiv per ampliare questo data center e supportare le esigenze delle infrastrutture per le applicazioni di calcolo ad alte prestazioni.

“L’obiettivo principale del progetto noto come ‘The Hybrid Green Data Center Expansion’, era di utilizzare l’ala disponibile dell’edificio, mantenendo intatto il design e l’interfaccia utente originali”, ha affermato Maurizio Davini, CTO dell’Università di Pisa. Dovevamo anche integrare nuovi elementi tecnologici in grado di soddisfare le crescenti esigenze del calcolo ad alte prestazioni, garantendo al contempo un’ottima flessibilità operativa. I requisiti sono stati perfettamente rispettati da Vertiv che ci ha permesso di mantenere sotto controllo i costi energetici per una gestione efficiente del nostro nuovo data center”.

“La crescente adozione di applicazioni ad alta densità e di intelligenza artificiale richiede strategie innovative per le infrastrutture”, ha dichiarato Giordano Albertazzi, CEO di Vertiv. “Le soluzioni di Vertiv, tra cui quelle di liquid cooling per applicazioni direct-to-chip e i sistemi di alimentazione ad alta densità, forniranno all’Università di Pisa le capacità necessarie per supportare da subito le applicazioni informatiche di ultima generazione e per soddisfare le future generazioni di ricercatori”.

Vertiv ha fornito un mix di soluzioni per l’alimentazione, il raffreddamento, i rack, la rete e i servizi, compresi quattro Vertiv DCC Containment per la chiusura dei corridoi. In termini di condizionamento, la soluzione di tipo ibrido che è stata predisposta include venti unità infrarack Vertiv Liebert CRV e due unità di raffreddamento a pavimento a espansione diretta Vertiv Liebert PDX-PI con compressori a velocità variabile, oltre a tre unità di liquid cooling Liebert XDU, che controllano la temperatura e il flusso del refrigerante verso i server in un’applicazione direct-to-chip.

Vertiv ha inoltre previsto diverse unità per l’alimentazione elettrica, tra cui due sistemi UPS (gruppi di continuità) Vertiv Liebert APM 500kVA e batterie VRLA, otto unità switchgear Liebert RXA, una soluzione prefabbricata Vertiv Power Module da 400kW, 76 Vertiv Geist Switched PDU (unità di distribuzione dell’alimentazione) e 38 Vertiv VR rack. In particolare, il modulo di alimentazione esterno Vertiv ha consentito l’espansione del data center nonostante i vincoli di spazio all’interno dell’edificio. Vertiv ha fornito una soluzione chiavi in mano, gestendo i fornitori e i subappaltatori per integrare lo spazio interno con sistemi di rilevamento e spegnimento degli incendi, mentre un generatore di backup esterno da 630kW è stato integrato con il Vertiv Power Module.

Vertiv ha erogato infine anche servizi di consulenza, progettazione, installazione e messa in funzione, compresa l’integrazione del software Vertiv Environet Alert, che consente al cliente di monitorare da remoto l’intera infrastruttura.

“Sulla base delle esigenze evidenziate, abbiamo suggerito all’Università di Pisa di adottare i sistemi di raffreddamento a liquido Liebert XDU e quindi abbiamo creato corridoi ibridi su misura, che integrano sia apparecchiature con raffreddamento ad aria che nuove soluzioni per il raffreddamento a liquido”, ha proseguito Andrea Faeti, sales director for enterprise accounts in Italia di Vertiv. “L’infrastruttura idraulica è stata potenziata, consentendo alle unità di raffreddamento precedentemente installate di fornire acqua refrigerata alle nuove apparecchiature del data center. Inoltre, i vincoli di spazio ci hanno spinto a progettare un modulo di alimentazione esterno Vertiv personalizzato in base ai requisiti specifici dell’edificio. La soluzione è stata completata con il nostro servizio di monitoraggio che fornisce visibilità e controllo in tempo reale all’intera infrastruttura del data center”.

Tra i principali benefici assicurati dalle nuove soluzioni Vertiv fornite all’Università di Pisa si evidenzia in primis l’implementazione del raffreddamento a liquido nei data center già esistenti con raffreddamento ad aria. La combinazione di raffreddamento ad aria e a liquido è una delle ultime tendenze nella gestione termica, che consente di ridurre l’utilizzo di energia per capacità di raffreddamento più elevate. Infine, la nuova infrastruttura offre una serie di vantaggi quali un’elevata resilienza, un raffreddamento efficiente per le apparecchiature ad alta densità e un monitoraggio e una gestione migliorati per mantenere la disponibilità del sistema.

 



Contenuti correlati

  • Sicurezza operativa per gli armadi: la soluzione di Rittal

    I ventilatori filtro sono una soluzione comune ed economica quando è possibile utilizzare l’aria dell’ambiente per regolare la temperatura dell’ambiente stesso. Sono quindi anche la scelta di gran lunga più frequente per la climatizzazione degli armadi elettrici....

  • Osservare per poter agire

    Quanto sono importanti i servizi di monitoraggio per le infrastrutture critiche aziendali? Come indicato dagli analisti la corsa al cloud continua a sollevare problemi di sicurezza e questo mette sotto pressione i provider di servizi cloud che...

  • Processi industriali più efficienti con l’offerta Automazione e Controllo di RS Italia

    RS per Automazione e Controllo è la proposta capace di rispondere alle esigenze di chi vuole avere sempre a disposizione il ricambio perfetto per macchinari e impianti – sia in caso di emergenza, sia in logica predittiva...

  • Layer di collegamento tra produzione e management

    Come si crea uno ‘strato software’ che faccia realmente convergere IT e OT? Efficienza, sicurezza e interoperabilità sono le 3 parole chiave A cosa ci riferiamo quando parliamo di Production & Management Integration Layer? È presto detto....

  • Altair lancia la quinta stagione del podcast “Future Says”

    Altair ha lanciato la quinta stagione del podcast Future Says con il primo episodio ora disponibile su tutte le principali piattaforme tra cui Spotify, Apple Podcasts, YouTube Music, Amazon Music/Audible, and Podcast Addict. La quinta stagione di...

  • Aveva Process Simulation
    Due studenti dell’Università di Pisa premiati da Aveva per un progetto sull’idrogeno

    C’è anche un team di studenti italiani fra i vincitori del 6° Concorso Accademico annuale sulla Simulazione di Processo organizzato dalla multinazionale del software industriale Aveva per mettere alla prova gli studenti di ingegneria chimica di Stati...

  • AI verso un futuro più ‘umano’ e sostenibile

    Creare dei microprocessori in grado di replicare i sistemi di apprendimento biologico, così da rendere l’intelligenza artificiale più flessibile, efficiente e sostenibile anche dal punto di vista ambientale. È questa la sfida lanciata da un gruppo internazionale...

  • Emerson e CoreTigo insieme migliorano la sostenibilità

    La collaborazione tra Emerson e CoreTigo ha permesso ad alcuni clienti di affrontare le sfide della gestione dell’aria compressa nei macchinari, riducendo gli sprechi energetici e le emissioni di CO2, e migliorando l’efficienza dei processi operativi e...

  • ClimaSys Schneider Electric
    Condizionatori industriali ClimaSys per processi produttivi più affidabili

    Schneider Electric ha sviluppato la nuova generazione di condizionatori industriali ClimaSys. Negli ambienti industriali, dove le temperature possono raggiungere anche i 55ºC, il controllo dei valori di temperatura e umidità è fondamentale per garantire il funzionamento ottimale...

  • TotalEnergies migliora safety, prestazioni e sicurezza con la rete OT di Allied Telesis

    TotalEnergies, azienda multi-energy globale, ha aggiornato la rete OT delle sue piattaforme per l’estrazione di petrolio e gas nel Mare del Nord con un’infrastruttura di nuova generazione di Allied Telesis, attivo a livello globale nelle soluzioni di...

Scopri le novità scelte per te x