Universal Robots raggiunge i 1.000 dipendenti

Kim Povlsen: "Questa è una pietra miliare per noi e siamo orgogliosi di come ci siamo cresciuti dall’essere una semplice una startup locale nel seminterrato sotto l'Università a diventare un pioniere globale dei cobot e leader di mercato"

Pubblicato il 15 novembre 2022

Universal Robots, la più grande azienda dell’hub danese della robotica, è diventata la prima organizzazione del cluster a raggiungere i mille dipendenti, una delle poche aziende danesi fondate in questo millennio a raggiungere questo traguardo.

Dal lancio del suo primo robot collaborativo (cobot) nel 2008, Universal Robots è cresciuta fino a diventare un protagonista del mercato globale dei cobot con uffici in più di 20 Paesi in tutto il mondo. Il successo dell’azienda si riflette nella crescita di un intero cluster connesso alla robotica, il che significa che la Danimarca è ora sede di oltre 400 aziende di robotica e rende la città danese di Odense uno dei principali hub di robotica al mondo.

Kim Povlsen, Presidente di Universal Robots, commenta: “Questa è una pietra miliare per noi e siamo orgogliosi di come ci siamo cresciuti dall’essere una semplice una start-up locale nel seminterrato sotto l’Università a diventare un pioniere globale dei cobot e leader di mercato. Soprattutto, dimostra che abbiamo un prodotto fantastico e che molte aziende in tutto il mondo possono vedere i vantaggi dell’utilizzo dei nostri robot per sviluppare il proprio business”.

Universal Robots è nata nel 2005, quando tre giovani ricercatori – Esben Østergaard, Kasper Støy e Kristian Kassow – dell’Università della Danimarca meridionale, frustrati da quanto i robot dell’epoca fossero pesanti, costosi e complicati da usare, ebbero l’idea di creare un robot flessibile, sicuro con cui lavorare e più facile da installare e programmare.

Da allora, Universal Robots ha sviluppato un’intera gamma di cobot, a cui si è aggiunto di recente il nuovo UR20, e ha venduto più di 50.000 cobot in tutto il mondo.

Universal Robots

Sotto la spinta di Universal Robots ha prosperato anche l’intera scena della robotica danese, incentrata su Odense, una città di 200.000 abitanti. Si prevede che il numero di persone impiegate dalle aziende di robotica danesi raggiungerà i 23.000 entro il 2025, mentre i ricavi totali del settore superano già oggi i 2,8 miliardi di euro.

Nell’ultimo anno, Universal Robots ha assunto più di 200 dipendenti per assicurarsi che l’azienda sia pronta a realizzare l’enorme potenziale di crescita che l’aspetta.
L’azienda ha installato oltre 50.000 cobot in tutto il mondo.

Povlsen aggiunge: “Dall’esterno c’è, in modo del tutto naturale, molta attenzione al prodotto e alla tecnologia. Ma la tecnologia non nasce da sola. Si tratta di avere le persone giuste a bordo, e in UR abbiamo alcuni dipendenti eccezionalmente qualificati e innovativi che sono in grado di spingere costantemente i limiti di ciò che può essere automatizzato. Se le persone 10 anni fa avessero potuto vedere cosa possono fare oggi i cobot, sarebbero rimaste stupite. Guardando avanti, lo stesso dovrebbe accadere tra altri 10 anni. Rendere più semplice la risoluzione di compiti di automazione sempre più complessi è un obiettivo molto motivante”.

In tutto il mondo ci sarà un crescente bisogno di automazione nei prossimi anni, e sarà guidato da diverse cose: il desiderio di proteggere i dipendenti da compiti pericolosi e monotoni; reshoring, in cui le aziende spostano la produzione più vicino a casa in risposta a un mercato sempre più incerto; e soprattutto una carenza di manodopera che non potrà che peggiorare nei prossimi anni.  Povlsen è ottimista riguardo al futuro: “Abbiamo una nuova generazione di cobot in arrivo, con l’UR20 come primo modello, e le nostre cifre mostrano che abbiamo raggiunto solo il 2% circa di tutti i potenziali clienti in tutto il mondo. Quindi il margine di crescita è enorme e mentre celebriamo il viaggio che abbiamo intrapreso oggi, i nostri occhi sono fermamente puntati sul futuro”.



Contenuti correlati

  • Verso una nuova era della robotica

    Robot collaborativi, robot mobili e di servizio: il mondo della robotica industriale tradizionale sta cambiando, aprendo a nuove tecnologie e applicazioni. I robot al servizio dell’uomo, sempre più facili da usare, sono i protagonisti della nuova fase...

  • Verso una nuova era della robotica – versione integrale

    Robot collaborativi, robot mobili e di servizio: il mondo della robotica industriale tradizionale sta cambiando, aprendo a nuove tecnologie e applicazioni. I robot al servizio dell’uomo, sempre più facili da usare, sono i protagonisti della nuova fase di Industria 5.0....

  • OnRobot guida la crescita del mercato con D:PLOY

    Nel rispetto della propria missione di abbattere le barriere dell’automazione e portarne i vantaggi ad aziende di ogni dimensione, OnRobot introduce D:PLOY, la prima piattaforma automatizzata del settore per la creazione, esecuzione, monitoraggio e ridistribuzione di applicazioni...

  • Inizia l’era della robotica modulare e scalabile con gli attuatori J&T di Automationware

    AutomationWare (AW) ha scelto un approccio personale al mondo dei robot, producendo attuatori ad alta tecnologia, che utilizza sia per produrre in prima persona soluzioni robotiche (in particolare bracci collaborativi con configurazioni, misure e payload particolari), sia per...

  • Ucimu: nel 2023 prosegue il trend positivo di macchina utensile, robotica e automazione

    Non si arresta la crescita dell’industria italiana costruttrice di macchine utensili, robot e automazione che, dopo un 2021 decisamente positivo, chiude il 2022 con incrementi a doppia cifra per quasi tutti i principali indicatori economici e si...

  • Il cobot industriale ABB Swifti offre velocità, precisione e sicurezza ai vertici della categoria

    ABB ha lanciato il robot collaborativo industriale Swifti CRB 1300, che colma il divario tra robot industriali e collaborativi. Combinando velocità e precisione ai vertici della categoria con una capacità di movimentazione dei carichi fino a 11 kg,...

  • ProgettistaPiù 2023: l’Automazione a Terra

    La Redazione di Automazione Oggi propone il 25 gennaio 2023, nell’ambito della seconda edizione del convegno in streaming ProgettistaPiù, frutto della sinergia tra Quine e TraceParts, una mattinata, dalle 9.30 alle 12.30, dedicata al tema “L’Automazione nei 4.elementi: ARIA. ACQUA. TERRA. FUOCO.“ La sessione dedicata alla Terra, intitolata Terra: l’agricoltura ci...

  • I robot automatizzano la produzione di kebab

    I rigorosi standard igienici e le difficoltà nella manipolazione dei prodotti rendono l’automazione della produzione alimentare una delle più grandi sfide. L’azienda Pintro bv – Belgio – ha ideato una nuova soluzione: il sistema Pick & Skewer...

  • Valorizzare la diversità nelle discipline STEM per restare al passo col progresso

    Risolvere le sfide più complesse della società moderna richiede la possibilità di attingere a un pensiero quanto più innovativo possibile. E per far sì che siano in molte persone a beneficiarne, abbiamo la necessità di una maggiore...

  • La robotica Staubli al servizio della produzione farmaceutica

    A causa della sua natura altamente regolamentata, l’industria farmaceutico-medicale in passato è stata lenta nell’adottare soluzioni di robotica e automazione. Attualmente, invece, è proprio questa natura regolatoria che sta guidando il settore verso un’automazione sempre più spinta,...

Scopri le novità scelte per te x