Un nuovo hub tecnologico per il Sud: BI-REX apre la sede operativa all’Università di Palermo

Con la sigla del protocollo di intesa e cooperazione tra l’Università degli Studi di Palermo e BI-REX, il Competence Center di Bologna specializzato sui Big Data, le imprese del Sud e della Sicilia potranno usufruire di nuovi servizi, competenze e tecnologie Industria 4.0: una partnership strategica per favorire i processi di trasformazione digitale del Mezzogiorno

Pubblicato il 16 febbraio 2024

Il Rettore dell’Università di Palermo, Massimo Midiri, e il Direttore Generale BI-REX, Stefano Cattorini, hanno sottoscritto un protocollo di intesa finalizzato alla cooperazione tecnico-scientifica con l’obiettivo di generare valore per il territorio della Regione Sicilia e dell’Emilia-Romagna e nuovi fattori di crescita per la Città di Palermo e gli ecosistemi regionali, attraverso la realizzazione di progetti coerenti con le eccellenze scientifiche e i fabbisogni delle imprese del territorio.

Il protocollo

Il Rettore dell’Università di Palermo, Massimo Midiri

In occasione della firma è stato definito il piano di avviamento delle attività e dei servizi che UniPa e BI-REX, in collaborazione con l’amministrazione regionale e le associazioni datoriali, metteranno a disposizione di imprese ed enti locali attraverso l’apertura di una sede operativa BI-REX a Palermo in spazi messi a disposizione dall’Ateneo, un importante punto di incontro finalizzato all’erogazione di servizi per la digitalizzazione delle imprese co-finanziati da fondi PNRR.

”L’apertura di una sede operativa BI-REX a Palermo ha un’importanza strategica ad elevato impatto per le imprese del Sud e della Sicilia” dichiara Cattorini. “BI-REX, in virtù dei fondi PNRR conferiti dal MIMIT, potrà erogare servizi agevolati con aiuti di stato alle imprese siciliane in forma di servizi innovativi 4.0 a tariffe agevolate. L’asse generato con l’Università di Palermo è di fondamentale importanza per l’erogazione di tali servizi, in termini di ricerca applicata all’industria, di competenze locali attivate, di tecnologie allo stato dell’arte presenti presso i laboratori dell’Ateneo, tutti asset dall’enorme valore aggiunto che saranno messi al servizio di imprese, Enti Locali, Sanità”.

Il Direttore Generale BI-REX, Stefano Cattorini

“La collaborazione con il Centro di Competenza BI-REX, rappresenta un ulteriore passo in avanti verso la realizzazione di un sistema di competenze specialistiche in ambiti afferenti alle tecnologie abilitanti di Industria 5.0. quali i sistemi di Big Data, l’Intelligenza Artificiale, e verso la realizzazione di un nuovo ed integrato piano di attività a supporto del trasferimento tecnologico, che sarà attivo nei prossimi mesi e fruibile ai nostri studenti e ricercatori ed a tutto il territorio” sottolinea Midiri.

La storia

L’Università di Palermo e BI-REX sono già partner consolidati in diverse iniziative in progetti nazionali ed europei legati al PNRR e Piano Nazionale Complementare. Nel panorama della Medicina di Precisione, con il progetto HEAL ITALIA (Health Extended ALliance for Innovative Therapies, Advanced Lab-research, and Integrated Approaches of Precision Medicine) e nel progetto DARE (DigitAl lifelong pRevEntion) che farà invece leva sull’enorme potenziale dei dati per migliorare gli strumenti e le conoscenze volti a definire, monitorare e prevedere le traiettorie della salute in ottica di prevenzione.

Sviluppo del territorio

BI-REX e UniPa lavoreranno insieme per elaborare una strategia tesa a valorizzare il proprio patrimonio progettuale e lo sviluppo del territorio, l’attrazione di investimenti e l’uso delle risorse destinate all’Università, agli enti e alle imprese locali.

A tale scopo potranno essere condivise le rispettive risorse tecnico-scientifiche per elaborare congiuntamente progetti di sviluppo nei settori di comune interesse, agevolando, tra le istituzioni, le procedure tese al raggiungimento degli obiettivi comuni

Nel quadro dell’accordo sono già in fase di pianificazione workshop di presentazione alle imprese e alle istituzioni dei servizi congiuntamente erogati, iniziative culturali, di studio, di confronto tecnico-scientifico di restituzione al territorio e public engagement.

Il valore aggiunto

BI-REX faciliterà il dialogo dell’Ateneo con le imprese proprie consorziate e tra queste e le imprese siciliane, attraverso il coinvolgimento delle Associazioni datoriali siciliane, anche al fine di promuovere tirocini curriculari e dottorati industriali e di ricerca e nella progettazione di specifiche linee di ricerca correlate alle tecnologie abilitanti di Industria 5.0.
BI-REX supporterà inoltre le attività correlate alla transizione digitale di PMI, start up, Enti Locali siciliani attraverso azioni e servizi di tipo dimostrativo, formativo, test before invest, trasferimento tecnologico e di best practices, accelerazione e creazione d’impresa, accesso a finanziamenti per progetti di R&D.

A sua volta, l’Università degli Studi di Palermo, renderà disponibile il proprio patrimonio di ricerca di base e applicata nei campi di comune interesse per potenziare la capacità di analisi, interpretazione, valutazione e decisione del sistema tecnologico ed imprenditoriale e per realizzare il matching tra fabbisogni di know-how al fine di pervenire ad un modello organizzativo incentrato sul trasferimento e la promozione di innovazione tecnologica 4.0.

Fonte foto Pixabay_geralt



Contenuti correlati

  • Con Omron verso la digitalizzazione, seguendo un approccio Kaizen

    Kaizen, ovvero ‘cambiare in meglio’, mettersi alla prova per ottenere risultati migliorativi concreti: di questo e di digitalizzazione si è parlato in occasione della giornata di studio promossa da Omron in collaborazione con i partner FasThink e Kaizen Institute,...

  • La tecnologia industriale che porta nel futuro

    Bosch Rexroth ha da poco festeggiato i suoi 70 anni in Italia, confermandosi come una presenza fondamentale per lo sviluppo delle tecnologie di automazione idraulica e di produzione industriale. Di seguito, si ripercorre la storia di un...

  • Stratasys Origin One
    La stampante 3D Origin One di Stratasys spinge l’innovazione al Bi-Rex

    Origin One, la stampante 3D di Stratasys rivenduta in Italia da Energy Group, società del gruppo SolidWorld Group, ha permesso al Competence Center Bi-Rex di raggiungere significativi traguardi nella produzione di particolari di varia tipologia, utilizzando diversi...

  • Paolo Ferrari, esperto di CSMT, al microfono di Automazione Oggi

    In occasione del Main Event 2024 di Consorzio PI Italia, incentrato sul tema “Robotica e cybersecurity per un’industria protetta”, Automazione Oggi ha intervistato Paolo Ferrari, docente presso l’Università di Brescia ed esperto di CSMT, centro di competenza...

  • Sicurezza: normative e legislazioni, come farvi fronte

    La sicurezza è un concetto: bisogna imparare a conoscerlo e a diffondere la cultura della sicurezza. Normative e legislazioni servono e sono doverose in ogni attività produttiva, ma vanno comprese nel loro senso più profondo. Per aumentare...

  • Acqua ed energia al sicuro

    Un’azienda svedese di servizi pubblici per l’energia e l’acqua ha deciso di migliorare sia la sicurezza sia l’affidabilità attraverso l’integrazione IT/OT e per farlo ha scelto Fortinet Falu Energi & Vatten (Energia & Acqua) è un’azienda municipalizzata...

  • Schneider Electric: all’Innovation Summit di Parigi novità su innovazioni tecnologiche e collaborazioni

    Schneider Electric ha dato il via al suo Innovation Summit World Tour e sottolineato l’urgenza di promuovere un’azione immediata e una collaborazione continua per accelerare la transizione energetica e contrastare la crisi climatica. “Sulla scia del caldo...

  • Cyber 4.0 cybersecurity Lucchetti
    Cyber 4.0: spingere nella formazione dei cybersecurity manager è vitale per le PMI

    Un punto di riferimento per la cybersecurity delle Pmi a livello nazionale e un canale di accesso semplificato ai fondi del Pnrr per le aziende con obiettivi di sviluppo in questo ambito: sono circa 800 le imprese...

  • A SPS Italia 2024: soluzioni Panasonic per packaging, alimentare e lavorazione metallo

    Il pacchetto motion di Panasonic viene utilizzato con successo dagli OEM di diversi settori industriali che richiedono profili di movimento complessi. Come ad esempio nel settore alimentare, per la realizzazione di un’affettatrice automatica da 22 assi, migliorandone la precisione di taglio,...

  • Nuove interfacce HMI e Scada

    Integrazione, connettività e trasformazione digitale sono le principali leve con cui i fornitori di tecnologia cercano di rendere più competitive le offerte di interfaccia uomo-macchina. L’attuale fase di transizione vede la convivenza di numerose tendenze che consentono...

Scopri le novità scelte per te x