UDOO KEY ha superato il goal di 10.000 dollari in 90 minuti

Pubblicato il 6 ottobre 2021

UDOO KEY, la piattaforma AI più flessibile al mondo, è una nuovissima soluzione AI-first basata su Raspberry Pi RP2040 e ESP32. Abilita applicazioni di machine learning nei linguaggi di programmazione e librerie più popolari, tra cui TinyML, TensorFlow Lite, MicroPython, C, C++ ecc. La scheda, progettata per progetti di Edge AI, è la quinta campagna di crowdfunding di UDOO, che ha già raccolto più di 2 milioni di dollari nelle precedenti campagne Kickstarter.

UDOO KEY combina Raspberry Pi RP2040 e un ESP32 completamente programmabile in un unico e potente hardware. La scheda è disponibile in due versioni: UDOO KEY e UDOO KEY PRO. Entrambe dispongono di Wi-Fi, Bluetooth e BLE; UDOO KEY PRO ha anche un IMU a 9 assi e un microfono digitale. La scheda è pienamente compatibile, sia a livello hardware che software, con Raspberry Pi Pico e ESP32.

UDOO KEY garantisce anche l’accesso a Clea, l’imminente piattaforma di AI as a service di SECO Mind, filiale di SECO. Clea è una piattaforma AI & IoT estensibile per sviluppatori professionisti, start up, dipartimenti di ricerca e sviluppo e hobbisti. Consente agli utenti di costruire, monitorare e distribuire rapidamente modelli di intelligenza artificiale e applicazioni su una flotta di dispositivi controllati a distanza. Viene fornita con una serie di modelli AI pre-costruiti e applicazioni chiamate Clea Apps, tutte sviluppate da SECO. Ultimo ma non meno importante, Clea è nativamente compatibile con UDOO KEY, Raspberry Pi così come con i processori Arm e x86.

Maurizio Caporali, Co-CEO di SECO Mind, ha detto: “Oggi l’AI è molto fraintesa. Molti casi d’uso dell’AI non richiedono una potente unità di elaborazione, ed è qui che entra in gioco UDOO KEY. Per la prima volta nel mondo dell’Edge AI l’utente ha la possibilità di costruire un progetto AI alle proprie condizioni, utilizzando Raspberry Pi RP2040, ESP32 o entrambi. Diverse aziende con cui siamo in contatto hanno difficoltà a trarre vantaggio dalla rivoluzione dell’Intelligenza Artificiale. UDOO KEY e Clea rendono tutto ciò più facile che mai”.

Le spedizioni inizieranno a gennaio 2022. L’Early Bird UDOO KEY è disponibile a 4 dollari, mentre l’Early Bird UDOO KEY PRO è disponibile a 9 dollari. Entrambe sono limitati a 1.000 unità.

UDOO ha anche reso disponibili due kit speciali, costruiti in collaborazione con due aziende altrettanto speciali: Arducam e Seeed Studio.
Il primo kit, in collaborazione con Arducam, si chiama “Early Bird UDOO KEY PRO Cam Kit + Clea ” e comprende una UDOO KEY PRO, una fotocamera SPI 2MB e l’accesso a Clea.
Il secondo kit, in collaborazione con SeeedStudio, si chiama “Early Bird UDOO KEY PRO Grove Kit + Clea” e comprende 1 UDOO KEY PRO, accesso a Clea e 14 moduli Grove selezionati a mano, tra cui 5 sensori, 5 attuatori, 2LED, 1 display LCD, 1 scudo Grove.

 

Maggiori dettagli su UDOO KEY
La parte di UDOO KEY compatibile con Raspberry Pi Pico è costruita su un Raspberry PI RP2040 dual Arm Cortex-M0, con una memoria flash QSPI 8MB, 133 MHZ clock, e 264KB di SRAM on-chip. L’ESP32 è basato su un dual-core Xtensa 32-bit LX6, con 16 MB di memoria flash, 8MB di PSRAM, Wi-Fi, Bluetooth e Bluetooth Low Energy. I due microcontrollori possono parlare tra loro tramite porta seriale e SWD.
L’utente può programmare i due microcontrollori in maniera semplice tramite un connettore USB-C e decidere se parlare con RP2040 o ESP32 tramite jumper. UDOO KEY fornisce molte altre interfacce: tre LED completamente programmabili e lo stesso pinout del Raspberry Pi Pico, rendendolo compatibile al 100% con esso, sia a livello hardware che software. Infine, il connettore UEXT è accessibile dall’ESP32, che espone le interfacce I2C, UART e SPI.
UDOO KEY monta anche due potenti sensori: un IMU a 9 assi e un microfono digitale, più un connettore UEXT standard per aggiungere facilmente sensori e altre interfacce. Grazie al microcontrollore ESP32 a bordo, UDOO KEY dispone di piena connettività Wi-Fi 802.11b/g/n, Bluetooth e BLE v4.2.



Contenuti correlati

  • Il pieno potenziale dei dati

    Siemens Industrial Edge colma il divario tra local e cloud computing permettendo uno scambio dati veloce e facile. La combinazione fra reale e digitale aumenta la produttività e le opportunità di business Leggi l’articolo

  • Automazione su scala nanometrica

    Le nanotecnologie contano già varie applicazioni in uso in vari settori ma è difficile quantificare il valore attuale del loro mercato per vari fattori, vediamo quali… Leggi l’articolo

  • Come difendersi da un Cyberattacco

    L’Industria 4.0 ha interconnesso tutte le diverse realtà produttive esponendole, al pari delle banche, alle minacce informatiche. Pilz è in grado di supportare le aziende nella riduzione del rischio e nella prevenzione di incidenti. Leggi l’articolo

  • Manutenzione su condizione per individuare i rischi e creare resilienza

    Schneider Electric ha realizzato una nuova offerta di servizi: i piani di assistenza EcoStruxure. Questi pacchetti avanzati combinano servizi tradizionali con potenti servizi digitali personalizzati per definire e raggiungere gli obiettivi specifici del cliente, migliorando le prestazioni...

  • Mouser Spotlight: tecnologie per sensori

    Mouser Electronics ha creato una serie di contenuti sul proprio sito web incentrati sulla tecnologia per sensori, che mette in luce le più recenti soluzioni e le risorse per sensori offerte dai più importanti produttori al mondo....

  • La AI migliora l’efficienza e aumenta la produttività in tutti i settori industriali

    Con il lancio di ABB Ability Genix Asset Performance Management (APM) Suite ABB rafforza la sua offerta digitale. La suite, pensata per le industrie di processo, dei trasporti e per le utility, è dedicata al monitoraggio, alla...

  • Seeq machine learning
    Seeq amplia le attività a supporto del machine learning

    Seeq Corporation amplierà le sue attività volte ad integrare algoritmi di apprendimento automatico (machine learning) nelle applicazioni Seeq. Ciò consentirà alle organizzazioni di sfruttare efficacemente i propri investimenti nella Scienza dei Dati, nel ML open source e...

  • Machine teaching: un modello per la AI di nuova generazione

    Il machine learning è sempre più diffuso in molti settori aziendali, ma richiede competenze di data science: riuscire a semplificare le tecniche di apprendimento automatico può quindi accelerare la diffusione del ML in un molto più esteso...

  • Digital twin, il modello Industria 4.0 guida lo sviluppo dei gemelli digitali

    I digital twin favoriscono la transizione delle imprese verso i paradigmi della quarta rivoluzione industriale, ma, per implementarli in maniera efficace, la sola integrazione di nuova tecnologia non basta: servono solide competenze in materia di analisi e...

  • Gestire asset industriali con intelligenza e con l’EAM 4.0

    Nel mondo industriale, vincoli sempre più stringenti di controllo dei costi, conformità con le normative, aumento dell’efficienza, sostenibilità del business, accrescono il ruolo delle piattaforme di gestione del ciclo di vita dei beni aziendali. Leggi l’articolo

Scopri le novità scelte per te x