Recupero di energia: focus sull’innovazione

Introdotto nella legislazione italiana nel 2004 il sistema dei TEE impone alle imprese di puntare sull’innovazione per ridurre le emissioni e accedere ai Titoli di Efficienza Energetica

Dalla rivista:
Automazione Oggi

 
Pubblicato il 29 maggio 2014

Le emissioni di anidride carbonica sul nostro Pianeta sono in aumento e secondo le previsioni di Avvenia, azienda esperta in sostenibilità ambientale, nel 2014 raggiungeranno i 34 miliardi di tonnellate: oceani e foreste saranno in grado di assorbirne solo la metà. E se in Italia le imprese puntano sull’innovazione per ridurre le emissioni e accedere ai TEE (Titoli di Efficienza Energetica), nei Paesi emergenti accade proprio il contrario, Cina, dove si sfioreranno i 7 miliardi di tonnellate di emissioni di CO2, e India, con 1,7 miliardi, in testa.

I maggiori responsabili delle emissioni di gas serra sono i Paesi industrializzati, in primis gli Stati Uniti (7,5 miliardi di tonnellate stimate per il 2014), che con la Cina appunto sono responsabili di circa il 40% dell’anidride carbonica emessa a livello globale. In terza posizione figurano i 15 membri storici dell’Unione Europea (5 miliardi), davanti a Russia (1,9 miliardi) e Giappone (1,5 miliardi). “Per restare in linea con gli obiettivi di Kyoto bisognerebbe ridurre drasticamente le emissioni di anidride carbonica, dunque i consumi di energia in tutti i Paesi” commenta Giovanni Campaniello, fondatore e amministratore unico di Avvenia. “Ognuno nel suo piccolo può organizzarsi, iniziando per esempio con lo spegnere la luce quando non serve”. Certo, su larga scala è più complesso e anche costoso.

In Italia, così come in altri Paesi europei, lo Stato ha messo a punto una politica di incentivi per chi rende più moderna ed ecologica la propria azienda, introducendo i TEE (Titoli di Efficienza Energetica), negoziabili, che certificano il conseguimento di risparmi energetici negli usi finali di energia attraverso interventi e progetti di incremento dell’efficienza energetica. Il sistema dei TEE è stato introdotto nella legislazione italiana nel 2004 e prevede che i distributori di energia elettrica e di gas naturale raggiungano annualmente determinati obiettivi di risparmio di energia primaria, espressi in TEP (Tonnellate Equivalenti di Petrolio). I soggetti interessati possono assolvere all’obbligo realizzando progetti di efficienza energetica che diano diritto ai TEE oppure acquistando i TEE da altri. Così oggi innovazione tecnologica e sostenibilità ambientale coincidono nelle politiche delle aziende italiane, per necessità ma anche per convenienza…

avvenia_servizi alle impreseAvvenia propone servizi ad alto valore aggiunto per ottimizzare la gestione dell’energia per aziende di tutti i settori. In relazione alla riduzione dei TEP rilevati, a cui corrispondono riduzioni consistenti di CO2, Avvenia stila un dossier da presentare al Gestore Servizi Energetici per ottenere gli incentivi equivalenti, i TEE, detti anche ‘Certificati Bianchi’. È un mercato in grande espansione, che catalizza un’attenzione crescente da parte della grande industria. Attraverso gli interventi di Avvenia si sono realizzate minori emissioni di CO2 per oltre 1,5 milioni di tonnellate, con risparmi di energia primaria in media oltre il 40% e, nello specifico, con una diminuzione dei consumi di gas naturale di oltre il 78% in alcuni settori industriali.



Contenuti correlati

  • crisi energetica italiani
    Crisi energetica: il sentiment e le “buone azioni” degli italiani

    Con l’inverno ormai alle porte, i timori legati ai blackout elettrici ed energetici sono sempre più accentuati. Un recente studio di reichelt elektronik, commissionato alla società di ricerca OnePoll, ha evidenziato le preoccupazioni di un campione di...

  • Caos energia: la bussola di RePowerEU

    Oltre 26.000 cittadini hanno espresso il loro sostegno alle azioni dell’Unione Europea (UE) nel campo dell’energia: è quanto emerge dal sondaggio ‘Flash Eurobarometro 506’, condotto nei 27 Stati Membri in aprile e pubblicato a maggio 2022… Leggi...

  • Teledyne Flir ex series termocamere
    Come combattere l’aumento dei costi dell’energia con le termocamere

    La crisi energetica globale sta colpendo duramente i privati e le aziende in tutto il Regno Unito e l’Europa, e molte persone ritengono che i costi dell’energia siano fuori controllo. Secondo il Dipartimento per l’energia, le imprese...

  • Rapporto Lombardia: aziende e crisi energetica, fra investimenti in rinnovabili e riduzione dei consumi

    La crisi energetica in corso penalizza la Lombardia. E non solo perché questo territorio concentra la maggior parte delle attività produttive del Paese, ma anche perché – tra i combustibili di origine fossile utilizzati per i consumi...

  • Alimentare il mondo digitale

    Socomec, azienda specializzata in soluzioni di alimentazione integrate, offre una nuova serie di innovazioni tecnologiche concepite per garantire la disponibilità dell’alimentazione e le prestazioni energetiche.12 Le infrastrutture critiche odierne devono soddisfare i requisiti di implementazione rapida e...

  • Energia: la soluzione viene da lontano

    È vecchia di oltre 200 anni ma può risolvere la crisi energetica attuale: la tecnologia brevettata HR-SRM può ridurre la quantità di elettricità che consumiamo e rendere il mondo più pulito Leggi l’articolo

  • Monitorare per risparmiare

    Il consistente incremento dei costi dell’energia incide pesantemente sul tenore di vita delle persone che, oltre a dover far fronte agli aumenti diretti delle proprie bollette, subiscono la crescita dei prezzi dei beni legata al lievitare dei...

  • ProgettistaPiù 2023: Energia nella sabbia

    Non esiste oggi tema più ‘caldo’ di quello dell’energia, non passa telegiornale in cui non se ne parli. Caldo o potremmo dire ‘bollente’, per usare una parola che riassume in sé un po’ tutte le sfaccettature della questione,...

  • ‘Comunità energetiche’: la nuova funzione di SPAC EasySol 23

    Le comunità energetiche sono un insieme di privati cittadini, aziende o enti pubblici che producono, distribuiscono e condividono energia pulita e rinnovabile. Quando le comunità energetiche utilizzano l’energia proveniente da fonti alternative come, ad esempio, il fotovoltaico,...

  • Incrementare la produzione di energia grazie alle rinnovabili: il progetto di MCE Lab

    In un periodo in cui l’indipendenza energetica è l’argomento di maggior attualità e terreno di scontro politico e tecnico, MCE Lab ha fatto un’analisi delle soluzioni concrete per incrementare la produzione di energia elettrica in Italia, con...

Scopri le novità scelte per te x