Tech Boys and Girls: Giuseppe Antonacci

Dalla rivista:
Automazione Oggi

 
Pubblicato il 15 dicembre 2021

Giuseppe Antonacci è giovanissimo e ha dalla sua talento e obiettivi ben chiari. Ma la risorsa che più mi ha colpito incontrandolo è stata la sua grande capacità empatica soprattutto confidandomi la sua necessità di uscir fuori dalle teorie e mettere in pratica qualcosa che fosse di utilità per il prossimo. “La fisica, le scienze tutte hanno un senso più forte se tangibili e a servizio della collettività e delle persone più fragili”. Giuseppe ho frequentato la triennale in Italia al Dipartimento di Fisica della Sapienza e master e dottorato di Ricerca (PhD) all’estero all’Imperial College di Londra. Vari anni da ricercatore all’Istituto Italiano di Tecnologia e un anno in Belgio all’Imec. Quest’ultima esperienza è quella che a suo dire lo ha più formato. Anche a lui ho rivolto qualche domanda per avvicinarmi di più alla sua ’ricerca’ e ai suoi progetti e alla sua personalità…

Leggi l’articolo



Contenuti correlati

  • Tech boys and girls: Manuela Galati

    Manuela Galati, 34 anni, ingegnere meccanico e perito industriale, è una ricercatrice del Politecnico di Torino. A lei, come a ogni ‘ragazza tecnologica’ della nostra rubrica, abbiamo chiesto di raccontarci il suo percorso e i suoi progetti…...

  • Tech boys and girls: Flaviana Calignano

    Flaviana Calignano è la ragazza tecnologica di questo mese. L’abbiamo incontrata e le chiediamo, come sempre curiosi e desiderosi di informarci, il suo percorso e i suoi tecnologici progetti… Leggi l’articolo

  • Tech boys and girls: Luigi Ottoboni

    Luigi Ottoboni è il tech boys di questo mese: Il tuo progetto pilota e le origini di tutto? Nel 2008 ero socio di un grande rivenditore CAD in Italia e mi occupavo di ricerca e sviluppo. Avevo...

  • Tech boys and girls: Ivo Boskoski

    Capacità, talento e altruismo: è una storia di rivincita quella di Ivo Boskoski, di origine macedone ma italiano di adozione, sposato con tre figli… Leggi l’articolo

  • Specto: spettrometri di nuova generazione

    La realtà Specto (http://spectophotonics.com/) nasce dal connubio tra la ricerca pura e le strategie di un mercato sempre più esigente e sempre più performante per applicazione, metodo e risorse tecnologiche. Abbiamo incontrato il CEO Giuseppe Antonacci e...

  • Tech Boys and Girls: Enrico Prosperi

    Sempre di più la sinergia tra competenze e settori apparentemente diversi tra loro danno una sostanziale spinta al progresso e alla scienza. E sempre più spesso assistiamo all’interconnessione tra medicina e ingegneria informatica. L’intervista di questo mese...

  • Un team tutto italiano

    Mai come in questo caso il nome della nostra rubrica diventa calzante. I ragazzi e le ragazze tecnologiche sono una squadra, un team di giovani professionisti che collaborano insieme da varie parti d’Italia per migliorare la vita...

  • Tech Boys and Girls: Jacopo Tirillò

    “Sono nato a Velletri, un paese dei Castelli Romani a 40 km da Roma, il 28 ottobre del 1982. Dopo il liceo scientifico tecnologico, concluso con il massimo dei voti, ho seguito la mia grande passione verso...

  • Come funziona il Vertical Focus Probing?

    Con la nuova tecnologia Vertical Focus Probing di Bruker Alicona è possibile misurare otticamente anche fianchi di oltre 90 gradi. Il video mostra come funziona questa tecnologia, misurando una chiavetta USB, uno strumento di punzonatura e un ugello...

  • Tech Boys and Girls: Giorgio Graditi

    Il ‘tech boy’ di questo mese risponde al profilo di Giorgio Graditi, un’altra delle tante risorse importanti di questa Italia molto spesso bistrattata e derisa ma che trova nelle sue ‘intelligenze’ la forza della resilienza. Anche a...

Scopri le novità scelte per te x