Un’onda perfetta per il surf: si può crearla con la tecnologia

Surf Loch ha creato onde per decenni, ma l'idea di replicare un' onda oceanica all'interno di una piscina in modo coerente più e più volte era un compito che richiedeva una combinazione di creatività e tecnologia

Pubblicato il 5 agosto 2021

Cosa ostacola la capacità di un surfista di progredire e godersi lo sport? Mentre è probabile che venga in mente una serie di risposte, dalle onde “incoerenti” alle spiagge sovraffollate o persino alla distanza dalla spiaggia, tutte si riducono a un semplice fatto: le condizioni perfette che consentano ai surfisti di praticare ed eccellere in questo sport sono difficili da trovare.
Il surf tradizionalmente richiede di vivere in prossimità non solo di un grande specchio d’acqua, ma anche di uno produca onde surfabili (meglio se oceaniche). La visione di Tom Lochtefeld, fondatore e CEO di Surf Loch, era quella di rendere il surf accessibile a chiunque, ovunque. Quindi, ha deciso di ricreare le onde dell’oceano all’interno di una piscina a onde, senza compromettere l’esperienza di surf unica.

Abbracciare la trasformazione digitale
Non esiste un solo tipo di onda oceanica, né esiste un tipo di onda ideale buona sia per i principianti che approcciano lo sport che per i professionisti che affinano “trucchi” e manovre. Ci sono onde barile, onde longboard, onde destre, onde sinistre, onde point break, onde sandbar, ecc. Ognuna di queste ha le proprie caratteristiche distinte e, per soddisfare le esigenze dei suoi clienti, Surf Loch ha dovuto garantire che la loro attrezzatura potesse creare almeno dieci diverse categorie di onde per l’utente finale.
Surf Loch può replicare quasi tutte queste caratteristiche con una singola macchina senza dover modificare nient’altro che le informazioni nel software di controllo del movimento, cosa che può essere eseguita istantaneamente.

Abbracciando la trasformazione digitale, Surf Loch ha potuto progettare, simulare e ottimizzare la propria tecnologia per le onde da surf. Ciò significava che i loro ingegneri avevano bisogno di un partner tecnologico di cui potersi fidare, degli strumenti digitali e dell’automazione giusti per programmare e ottimizzare i loro pool.
Surf Loch è ora a pronta: il suo prodotto può essere confezionato e consegnato al pubblico per portare il surf in tutto il mondo a un costo che rende la costruzione della piscina a onde un investimento economicamente sostenibile.

Per gestire più siti in tutto il mondo, Surf Loch aveva anche bisogno di una piattaforma di collaborazione abilitata al cloud in cui potesse avere una posizione centrale da cui vengono gestiti tutti i dati: questo significava che i fornitori, i partner e il team di Surf Loch potevano rivedere i progetti in modo collaborativo in tempo reale. Utilizzando la tecnologia IoT combinata con il monitoraggio e l’analisi dei dati, Surf Loch può anche controllare lo stato di tutti i sistemi ed eseguire la manutenzione predittiva.
Il sogno è che ogni surfista possa scegliere la propria onda al volo, in un ambiente pubblico e senza bisogno di competenza tecnica. Dovrebbe essere in grado di uscire dall’acqua, avvicinarsi a un chiosco o a un pannello, premere alcuni pulsanti e avere la sua prossima ondata personalizzata, il
tutto senza supervisione.

In che modo questa nuova capacità tecnologica differisce da ciò che esisteva sino ad ora?
La maggior parte delle piscine a onde, anche quelle che promuovono le capacità di surf, si limitano a spingere l’acqua, il che è facile. Il sistema di onde Surf Loch, invece , modella l’acqua, il che è estremamente difficile. “Le onde si formano al millesimo di secondo. Per avere quel livello di controllo, è necessario utilizzare le migliori attrezzature e software”, afferma Lochtefeld.
Michael Brown, un tecnico di ingegneria presso Surf Loch, aggiunge: “Le onde sono complicate perché devono essere matematicamente perfette per viaggiare bene”.
Combinando il mondo reale e quello digitale, Surf Loch ha creato un gemello digitale della sua onda prima di testarlo nella propria struttura. Hanno scoperto che il modello virtuale che hanno generato nel mondo 3D e l’onda fisica erano identici. Inoltre, gli ingegneri di Surf Loch utilizzano le tecnologie di simulazione di Siemens per l’analisi del flusso d’aria e della resistenza dei grandi ventilatori pneumatici nei cassoni, le strutture attraverso le quali passa l’acqua.

Per creare un’onda da surf, devi assicurarti che i suoi componenti si uniscano e funzionino perfettamente. Questo inizia quando l’onda lascia il cassone e funziona con la gravità, la sua propagazione, ampiezza e lunghezza d’onda.
Per creare queste onde precise, si inizia dall’energia, che entra attraverso i pannelli di controllo, si distribuisce ai diversi motori e alimenta i ventilatori attraverso una combinazione di potenza e vuoto. Questo riempie i cassoni che si aprono nella piscina, aspirando l’acqua e poi spingendola di nuovo nella piscina. Quella formazione di acqua crea energia, che si propaga come una forma d’onda.

Dove il surf si incontra domani
“Realizzare l’onda perfetta richiede un’incredibile quantità di calcoli“, afferma Lochtefeld, “Il portafoglio Xcelerator di Siemens ci offre questa capacità. Sfruttiamo il gemello digitale più completo al mondo all’interno di un ecosistema di fornitori di tecnologia e fornitori di apparecchiature. Questo ecosistema ci consente di creare onde ripetibili che piaceranno a tutti i surfisti”.
Collegando il mondo virtuale e quello fisico, Surf Loch ha creato un gemello digitale della loro onda prima di testarlo nella loro struttura. Hanno scoperto che il modello virtuale che hanno generato nel mondo 3D e l’onda fisica erano identici.

Il sistema a onde di Surf Loch e la tecnologia che utilizzano sono così versatili e personalizzabili, i surfisti di tutte le abilità possono godersi lo sport in un unico posto, indipendentemente dalle dimensioni della piscina. Anche nella piscina più piccola, le onde possono essere adattate al livello di abilità del surfista.
Con l’aiuto del portafoglio Siemens Xcelerator, Surf Loch può avere il suo “momento sciistico”. Una volta che le seggiovie sono state in grado di trasformare le colline locali in stazioni sciistiche, lo sport dello sci è decollato e lo stesso accadrà una volta che le persone potranno sperimentare il surf senza i suoi limiti geografici.



Contenuti correlati

  • Digitalizzazione della filiera logistica: Vodafone Italia e Alis uniscono le forze

    Vodafone Italia entra a far parte del Consiglio Direttivo dell’Associazione Logistica dell’Intermodalità Sostenibile (ALIS) con l’obiettivo di supportare la transizione digitale delle imprese del trasporto e della logistica con la sua esperienza, raggio d’azione, connettività e tecnologia....

  • Rockwell Automation Edison
    Edison digitalizza le procedure operative con la realtà aumentata

    Rockwell Automation collabora con Edison, la più antica società energetica d’Europa. Le due aziende hanno siglato un accordo per la licenza software e il supporto tecnico di Vuforia Expert Capture, la soluzione di realtà aumentata che è...

  • I robot alla conquista delle PMI

    La metà delle PMI italiane sta pianificando l’introduzione di robot in azienda, mentre il 14% li ha già introdotti. Questi i risultati di una ricerca effettuata da fruitcore robotics, azienda di deep-tech nata in Germania nel 2017,...

  • Siemens premia Telmotor

    Una partnership di lunga durata che continua e si rinnova con ulteriori conferme. È quella tra Siemens, multinazionale tedesca che si distingue per eccellenza ingegneristica, innovazione, qualità, affidabilità e internazionalità da oltre 170 anni e Telmotor, azienda...

  • Aveva Unified Supply Chain Schedule AI Assistant
    Raffinerie 4.0 e più sostenibili grazie all’Intelligenza Artificiale di Aveva

    Aveva, multinazionale inglese operante nel settore dei software industriali che supportano le imprese verso la trasformazione digitale e la sostenibilità, ha rilasciato Unified Supply Chain Schedule AI Assistant, una nuova soluzione per la pianificazione delle attività degli...

  • Appuntamento a Padova il 4 ottobre per Forum Meccatronica

    Si rinnova l’appuntamento con Forum Meccatronica, ideato dal Gruppo Meccatronica di ANIE Automazione e realizzato in collaborazione con Messe Frankfurt Italia. “Integrazione e flessibilità a supporto dell’industria digitale e sostenibile” è il filone tematico della nona edizione...

  • Siemens e Nvidia insieme per abilitare il metaverso industriale

    Siemens e NVIDIA, pioniere della grafica accelerata e dell’intelligenza artificiale (AI), hanno annunciato l’estensione della loro partnership per abilitare il metaverso industriale e aumentare l’uso della tecnologia digital twin guidata dall’AI che contribuirà a portare l’automazione industriale...

  • Acimit: la filiera meccanotessile italiana mostra resilienza fra digitalizzazione e sostenibilità

    Le oggettive criticità a cui l’intero Paese ha dovuto far fronte per tutto il corso del 2021, dettate in primis da una pandemia che ha sconvolto ogni equilibrio, non hanno fermato l’industria italiana delle macchine tessili. Decisamente...

  • L’Europa pensa alla Safety 4.0

    L’Agenzia europea EU-Osha presenta una accurata e aggiornata panoramica della sicurezza sul lavoro, fornendo informazioni approfondite per le politiche, la prevenzione e le buone pratiche in relazione sia alle sfide sia alle opportunità portate dalla digitalizzazione nel...

  • Siemens lancia Siemens Xcelerator

    Siemens AG lancia una piattaforma digitale aperta, Siemens Xcelerator, per accelerare la trasformazione digitale e la creazione di valore per le aziende di tutte le dimensioni nei settori dell’industria, nei trasporti, nelle infrastrutture e negli edifici. La...

Scopri le novità scelte per te x