Maggiore selezione per le startup agevolabili con tasso zero 

Il Ministero dello Sviluppo economico ha elevato la soglia per poter accedere all’agevolazione per la creazione di nuove imprese a prevalente o totale partecipazione giovanile o femminile 

Pubblicato il 30 aprile 2021

Con il decreto ministeriale del 4 dicembre 2020 il Ministero dello Sviluppo Economico ha ridefinito la disciplina dei finanziamenti a tasso zero volta a sostenere la nuova imprenditorialità, con la creazione di nuove imprese a prevalente o totale partecipazione giovanile o femminile. Dal prossimo 19 maggio, tramite Invitalia, sarà possibile presentate le domande per l’agevolazione.

Tuttavia il MISE, con la recente circolare del 20 aprile è intervenuto apportando le corrette specificazioni di valutazione dei piani di impresa che sanno agevolati. In particolare ai fini dell’ammissibilità e al passaggio alla fase successiva di valutazione, è stato precisato che il punteggio minimo per ogni criteri deve essere superiore a 5,00 e non più quindi uguale o superiore a 5,00. Invariato invece il requisito per la valutazione complessiva, che deve essere uguale o superiore a 6,00.

La prima fase della valutazione dei piani d’impresa prevede un colloquio con i proponenti e sarà basato su: criteri quali l’adeguatezza delle competenze tecniche, organizzative e gestionali; coerenza del progetto con gli aspetti tecnico-produttivi e organizzativi funzionali alla realizzazione dell’attività imprenditoriale; coerenza del progetto proposto con le potenzialità del mercato di riferimento.

Alla fine della prima fase saranno evidenziate le criticità dei singoli punti che hanno ottenuto un valore uguale o inferiore a 5,00.

Dopo la prima fase Invitalia procede a: verificare la sostenibilità e gli aspetti economico-finanziari, determinare il costo del programma ammissibile, la funzionalità e la coerenza delle spese di investimento oggetto del programma; valutare la compatibilità con il programma di investimento e con l’attività d’impresa delle esigenze di liquidità; e infine espletare le verifiche tecniche sui programmi che prevedono opere murarie oltre i 150.000 euro.

Tasso Zero: immagini, foto stock e grafica vettoriale | Shutterstock 

Franco Metta



Contenuti correlati

  • Claudio Gibilisco Credimi blockchain
    In che modo la blockchain può aiutare le PMI italiane?

    La tecnologia al servizio delle imprese non è uno slogan vuoto, ma un vero acceleratore dello sviluppo e dell’innovazione. In moltissimi ambiti: dalla protezione della produzione industriale alla semplificazione dell’accesso al credito. Diverse imprese ne hanno preso...

  • A SPS Italia 2022 il convegno Transizione 4.0: l’opportunità diventa un pericolo se…

    Transizione 4.0 rappresenta anche un pericolo? A quasi cinque anni dall’introduzione delle agevolazioni di Industria 4.0, gli Ingegneri dell’Informazione tracciano un bilancio sull’esperienza reale tra soluzioni di successo e gravi errori, che comportano sanzioni per le aziende che non...

  • Pnrr, dall’11 aprile le domande per i nuovi Contratti di sviluppo

    Destinati 3,1 miliardi per investimenti nelle filiere industriali strategiche e innovative tra cui rinnovabili e batterie Leggi l’articolo

  • Credimi Ignazio Rocca CEO PMI
    PMI, il 2021 è l’anno dei finanziamenti in ottica di crescita

    Dopo un 2020 in cui le imprese italiane – specialmente quelle piccole – hanno chiesto finanziamenti principalmente per affrontare l’emergenza, pagare i dipendenti e i fornitori, nel corso del 2021 le aziende hanno cominciato a pensare al...

  • Credimi Ignazio Rocco, Founder & Ceo
    Credimi: 350 milioni di euro a sostegno delle PMI italiane

    Prosegue “Perseveranza”, l’operazione lanciata nell’aprile 2021 da Credimi e sviluppata con la partecipazione di primari operatori del settore finanziario. Ai 200 milioni stanziati inizialmente vengono oggi aggiunti ulteriori 150 milioni di euro, portando il totale dell’operazione a...

  • Proprietà industriale, via libera alla riforma

    Un intervento organico a tutela della proprietà industriale che punta a rafforzare le competenze e la competitività tecnologica e digitale delle imprese e dei centri di ricerca nazionali facilitando e valorizzando la conoscenza, l’uso e la diffusione...

  • Nuove risorse alle PMI…

    …per progetti 4.0, economia circolare e risparmio energetico. Le PMI interessate potranno presentare domanda nei termini e nelle modalità che verranno definite con un successivo provvedimento del Mise Leggi l’articolo

  • PNRR, incentivi imprenditoria femminile: domande da maggio

    Prende il via il Fondo del Ministero dello sviluppo economico che incentiva le donne ad avviare e rafforzare nuove attività imprenditoriali per realizzare progetti innovativi. Si tratta di un intervento cardine dell’azione di governo, inserito tra le...

  • Maypay: la rivoluzione nei pagamenti

    Maypay (www.maypay.com) è una start-up innovativa fondata a giugno 2019 da cinque ragazzi romani che promettono di rivoluzionare il concetto dei pagamenti nel mondo… Leggi l’articolo

  • Bonus fino a 2.500 euro per la connettività di PMI e microimprese

    Vodafone Business aderisce al piano voucher promosso dal Ministero dello Sviluppo Economico per accelerare la digitalizzazione delle PMI in Italia. Dal 1° marzo le micro, piccole e medie imprese con fino a 250 dipendenti e con un...

Scopri le novità scelte per te x