Seconda tappa della ‘Carta delle Idee della robotica collaborativa’: quali sfide per l’education?

La robotica come strumento per sviluppare, già nel percorso scolastico di primo e secondo grado, soft e hard skill ormai sempre più necessarie nel mondo del lavoro. Ecco gli spunti più rilevanti emersi dal webinar di Universal Robots legato alla Carta delle Idee

Pubblicato il 1 ottobre 2021

Le ultime rilevazioni del World Economic Forum parlano di 58 milioni di nuovi posti di lavoro creati dall’automazione nei prossimi anni, posizioni che necessitano di conoscenze specifiche che vanno erogate e acquisite prima dell’ingresso nel mondo del lavoro. Come colmare il divario di competenze? Come soddisfare la richiesta di conoscenze legate al 4.0? Questo è un tema.

Il secondo che si delinea è quello invece della capacità della robotica, insegnata fra i banchi di scuola, di avere un benefico influsso su diverse aree del sapere e sulle capacità di ragionamento, progettazione e problem solving degli allievi. Competenze altrettanto preziose nel mondo del lavoro di matrice 4.0.
Di questo si è dibattuto durante il secondo appuntamento legato alla Carta delle Idee della Robotica Collaborativa di Universal Robots insieme a FEM, Anitec Assinform, Dintec, Scuola di Robotica di Genova e l’associazione A bit C.

FEM-Future Education Modena (centro di ricerca e sviluppo sul rapporto fra educazione, innovazione e tecnologie digitali) ha inserito nella Carta la proposta di sfruttare la robotica collaborativa come toolkit didattico, fin dalle prime classi del ciclo scolare, avendo registrato – nel corso delle sue esperienze di progettualità educativa – un impatto positivo della robotica sulle soft skill degli studenti. “Siamo convinti che affrontare l’educazione nel XXI secolo, attraverso innovazioni come quelle proposte dalla robotica, significhi attivare tutta la filiera della formazione” afferma Donatella Solda, Director di FEM, che continua: “Intendiamo connettere tutti gli attori, coinvolti e potenziali, attorno alla creazione di un’agenda originale sulla robotica collaborativa, in una intenzione comune in grado di superare la sporadicità e diventare vero e proprio sistema”.

Eleonora Faina, direttrice generale di Anitec-Assinform (l’Associazione Italiana per l’Information and Communication Technology (ICT) aderente a Confindustria) ha esemplificato quali siano i bisogni attuali delle aziende: non solo le hard skill tipicamente legate alle facoltà STEM, ma anche soft skill come abilità di analisi del contesto, pensiero laterale e, soprattutto, capacità di adattamento ad un mercato del lavoro in perenne evoluzione. Faina ha anche sottolineato come sia ormai essenziale segnare una discontinuità netta rispetto al passato e imprimere al sistema educativo una svolta rapida e “rivoluzionaria” che possa tenere il passo con la velocità con cui le evoluzioni tecnologiche si susseguono.

Antonio Romeo, direttore del Dintec (il consorzio per la digitalizzazione delle imprese nato da Unioncamere ed ENEA) ha esposto le rilevazioni eseguite dagli osservatori PID: su 3,5/4 milioni di nuovi ingressi nel mondo del lavoro previsti nei prossimi anni, ad un neoassunto su quattro vengono richieste competenze, sia hard che soft, legate alla tecnologia in generale, e alla robotica in particolare. L’Italia, fanalino di coda dell’Europa a 28 nella classifica DESI degli indicatori legati a competenze digitali, deve agire su tutta la filiera formativa: la robotica come materia curriculare rappresenterebbe un booster molto forte per l’economia del Paese.

Emanuele Micheli, presidente della Scuola di Robotica di Genova, associazione no profit fondata nel 2000 da un gruppo di robotici e studiosi di scienze umane che oggi è diventata un punto di riferimento nazionale e internazionale per molte attività di ricerca e applicazione della robotica nei settori più vari della società, come la didattica, ha sottolineato quanto sia fondamentale partire dalla formazione degli insegnanti e puntare sulla tecnologia come strumento didattico per avvicinare scuola e mondo del lavoro. La robotica è materia trasversale che ha la forza di riunire, sotto un unico cappello tecnologico e strumentale, la gran parte del sapere: matematica, tecnologia, meccanica, ma anche etica e filosofia.

Fabio Facchinetti, fondatore dell’associazione culturale A bit C che si propone di avvicinare bambini e ragazzi alla programmazione e alla robotica, ha portato la sua esperienza “sul campo” testimoniando come l’insegnamento della robotica, oltre a fornire una competenza di per sé spendibile nel mondo del lavoro, abbia un impatto positivo generale a livello pedagogico, stimolando bambini e ragazzi al lavoro collaborativo, alla progettazione, alla collaborazione. “Questo secondo appuntamento legato alla Carta delle Idee ci conferma quanto il tema della robotica sia attuale” commenta Gloria Sormani, Country Manager Italy di UR. “Non solo in ambito industriale, ma sempre più come tema pervasivo nella vita di ogni giorno e ancora più nel percorso scolastico dei nostri figli. Parliamo di una tecnologia che sarà lo strumento di lavoro di molti di loro un domani e parliamo di rendere questo strumento un materiale scolastico tout court. Il sussidiario del futuro, in cui possono confluire saperi matematici, tecnici, scientifici e anche umanistici”.



Contenuti correlati

  • Nuovo record per la robotica: +10% di robot installati nel mondo

    Secondo il report 2021 di International Federation of Robotics (IFR) sull’evoluzione della robotica globale, sono più di 3 milioni i robot industriali utilizzati oggi nelle fabbriche di tutto il mondo, in crescita del 10%. Nel 2020, oltre...

  • Robotica industriale: ricavi a 29 miliardi di dollari entro il 2030

    La pandemia globale e la mancanza di forza lavoro spingono l’adozione di soluzioni di robotica e l’automazione del lavoro, temi che continuano dunque a essere dominanti nelle agende delle aziende manifatturiere. Nel suo ultimo report (*), la società...

  • Nexbot, il primo Cobot lavapavimenti a Mecspe

    Warrant Hub – Tinexta Group è tra i principali artefici del progetto culminato nella produzione di Nexbot, il primo Cobot destinato all’esecuzione di servizi automatizzati di cleaning professionale. Nexbot, infatti, è una lavapavimenti autonoma basata su Intelligenza Artificiale...

  • Sistema di protezione portacavi e cavi Kabelschlepp

    Il meccanismo di richiamo attivo Pull-back-unit (PBU) di Kabelschlepp consente di guidare e mantenere in sicurezza il Robotrax, il 3D dei portacavi. Si ottiene un’installazione più longeva e una riduzione dei tempi di inattività. Nei movimenti in...

  • mouser electronics podcast automazione
    I nuovi trend dell’automazione industriale nel podcast di Mouser Electronics

    Mouser Electronics ha reso disponibile la settima e ultima puntata del programma Empowering Innovation Together 2021. Questo episodio finale va ad approfondire le potenzialità delle tecnologie di automazione industriale e i legami del mondo dell’apprendimento automatico con...

  • OnRobot debutta nel software con WebLytics, la soluzione per applicazioni collaborative

    OnRobot, The One Stop Shop per le applicazioni robotiche collaborative, fa il suo ingresso nel mondo software con WebLytics, una soluzione unica di monitoraggio della produzione, diagnostica dei dispositivi e analisi dei dati, progettata per migliorare la...

  • Universal Robots torna al MECSPE

    La ventesima edizione di MECSPE (Bologna Fiere, 23-25 novembre), la fiera italiana dedicata alle tecnologie di produzione industriale, avrà nuovamente in Universal Robots uno dei protagonisti. L’azienda danese sarà presente con un proprio stand  che sarà animato dalle...

  • Comau partecipa alla 30a edizione di Automation Fair presentando le sue innovazioni

    Comau partecipa insieme a Rockwell Automation alla 30a edizione di Automation Fair (10 – 11 novembre, George R. Brown Convention Center di Houston, in Texas USA). Dopo l’avvio di una collaborazione ufficiale lo scorso aprile, Comau ha...

  • Gamma di servomotori cyber kit line small di Wittenstein cyber motor

    Motori standardizzati, progettati per l’integrazione diretta nella macchina, che offrono molteplici opzioni tecniche per soluzioni personalizzate, ad esempio, nella robotica collaborativa e industriale, in linee di imballaggio e macchine tessili o in macchine utensili, assemblatrici e di...

  • La metamorfosi degli AMR

    La ripresa delle attività produttive industriali sta accelerando grazie alla crescente automazione dei processi. Questo è un trend prevedibile, logica conseguenza dei processi di digitalizzazione spinti dall’introduzione del concetto e dei fondi per l’Industria 4.0. Sono numerosi...

Scopri le novità scelte per te x