Scarsità di materie prime e il reshoring spingono il ricorso all’additive manufacturing

Le difficoltà in termini di trasporti intercontinentali oltre alla limitata disponibilità di materie prime sono alcuni dei fattori che stanno riportando la produzione in Italia e che influiscono sull’adozione della stampa 3D. Elmec 3D riscontra un trend positivo nel primo semestre del 2021: cresce del 50% l’acquisto di stampanti 3D nel settore industriale con un relativo incremento d’acquisto di materiali consumabili

Pubblicato il 7 agosto 2021

L’additive manufacturing si sta rivelando nel primo semestre del 2021 una preziosa risorsa per la produzione. Dai dati delle vendite riscontrate da Elmec 3D da gennaio a oggi, sempre più aziende hanno investito nella stampa 3D per gestire una produzione flessibile presso le proprie sedi, senza ricorrere ad approvvigionamenti dall’estero.

Il ritorno alla produzione nel Paese di origine di un’azienda quest’anno è stata una scelta necessaria per diverse realtà e rappresenta una tendenza in atto già a partire dal 2014 e che oggi vede Italia e Francia come i Paesi europei che hanno registrato un maggior “ritorno” di aziende e impianti. Tra i fattori che hanno contribuito a questa tendenza c’è l’incremento dei prezzi delle materie prime che, nel 2021, ha rallentato l’andamento della produzione tradizionale: ferro, rame, petrolio e legno hanno registrato incrementi rispettivamente del 38%, 26%, 53% e 7% nell’arco dell’ultimo anno. A questo si aggiunge la crescita sia dei costi, sia dei tempi dei trasporti tramite container via nave.

In questo scenario, Elmec 3D sta riscontrando due trend di sviluppo dell’adozione dell’additive manufacturing come metodo di produzione.

Il primo è la crescita del 50% di acquisto hardware, in particolare nel comparto industriale; ne è un esempio l’azienda bresciana DUEPI, specializzata nello stampaggio di polimeri plastici e silicone liquido. L’azienda, che possedeva già la tecnologia in casa, ha deciso di integrare la nuova stampante HP JET Fusion 5210 per aumentare la produzione in stampa 3D, aggiungendo la possibilità di produrre componenti in TPU, il polimero termoplastico per tecnologia MJF di HP. DUEPI, inoltre, produce componenti interni alla fabbrica che le consentono rapidità e personalizzazione nella realizzazione di nuovi componenti e pezzi di ricambio in perfetta linea con le logiche di lean manufacturing, un processo che ormai è entrato a far parte di tutte le industrie e che apporta notevoli vantaggi all’impresa. Già tre anni fa DUEPI aveva deciso di integrare la tecnologia di manifattura additiva, in funzione delle esigenze sempre più specifiche e personalizzate da parte dei clienti.
A oggi, grazie all’investimento che DUEPI ha effettuato nell’adozione della nuova stampante HP JET Fusion 5210, i benefici che questa tecnologia ha apportato alla sua produzione sono molto rilevanti: nessun vincolo di forma e geometria; possibilità di produrre anche piccoli lotti personalizzati, velocità di produzione, personalizzazione totale e modifica e ristampa rapida.

Il secondo trend consiste, invece, nell’incremento della domanda di materiali consumabili a conferma della crescita in termini di produzione con manifattura additiva nelle aziende. Il materiale più richiesto è la poliammide 12 che, grazie alle sue proprietà come la leggerezza e la resistenza meccanica, rappresenta il materiale più versatile ai fini dell’impiego in diversi settori: dall’industria, all’automotive, al fashion, al medicale e altri svariati ambiti.
Inoltre, la grande potenzialità di questi materiali risiede nella loro riusabilità: la tecnologia MJF di HP garantisce un altissimo tasso di riutilizzabilità della polvere in eccesso dopo la produzione, che arriva al 100% ad esempio per il polipropilene.

“Stiamo assistendo ad un profondo cambiamento di approccio nei confronti della manifattura additiva” afferma Martina Ballerio, business unit manager di Elmec 3D. “Le aziende italiane stanno affrontando la transizione verso produzioni mirate, riduzione della filiera e dei trasporti intercontinentali, una capacità di razionalizzare il più possibile le produzioni. E lungo questo percorso stanno scoprendo che la stampa 3D industriale diventa strategica sia per abbattere i costi delle prototipazioni, sia per sostituire la produzione di componenti prodotte all’estero”.



Contenuti correlati

  • 3D Systems introduce nuovi materiali ad alte prestazioni

    3D Systems presenta Figure 4 Tough Clear e DuraForm PAx Black, due nuove materiali ad alte prestazioni progettati per soddisfare le esigenze di numerose applicazioni industriali e della stampa 3D. Entrambi i materiali sono stati sviluppati per...

  • I vantaggi della stampa 3D desktop per realizzare stampi a iniezione

    a cura di Marco Zappia, Channel Sales Manager per l’Italia di Formlabs La stampa 3D offre alle aziende molto più di prototipi e rappresentazioni fisiche di modelli CAD. La stampa 3D può complementare e migliorare le tecniche di...

  • 3D Systems e Fleet Space Technologies insieme per produrre antenne a microstriscia per i satelliti

    3D Systems annuncia la collaborazione con Fleet Space Technologies per produrre innovative antenne a microstriscia RF destinate alla costellazione satellitare Alpha. Il design esclusivo di Fleet Space Technologies e le competenze dell’Application Innovation Group (AIG) di3D Systems nel progettare...

  • Stampante 3D industriale Fuse 1+ 30W da Formlabs

    Formlabs annuncia il lancio della stampante 3D industriale Fuse 1+ 30W a sinterizzazione laser selettiva (SLS). Basata sul successo della stampante 3D SLS Fuse 1, la Fuse 1+ 30W integra componenti aggiornati, incluso un laser molto più potente, per rendere...

  • Gli stabilimenti europei Goglio certificati ISCC Plus

    Goglio ha ottenuto per i suoi stabilimenti produttivi europei, in Italia (Daverio, Cadorago e Milano) e in Olanda (Zaandam), la certificazione ISCC Plus dell’International Sustainability Carbon Certification, organizzazione multi-stakeholder nata per sostenere il passaggio all’economia circolare e...

  • Ultimaker 3D
    Stampa 3D in metallo “smart” con Ultimaker S5

    Ultimaker ha ampliato la propria piattaforma con un Metal Expansion Kit, che rende la stampa 3D in metallo più accessibile e conveniente. Gli ingegneri che utilizzeranno il Kit potranno produrre applicazioni in grado di sopportare elevate sollecitazioni...

  • Formlabs-Marcus-Marienfeld-occhiali
    Occhiali originali e di alta qualità con le stampanti 3D di Formlabs

    Grazie alla scelta di materiali di alta qualità, talvolta insoliti, e alla meticolosa lavorazione artigianale, unita a idee sempre nuove, gli occhiali di Marcus Marienfeld AG si distinguono nettamente dalle montature tradizionali. Un’unicità che è il risultato...

  • Elmec sostenibilità
    La strategia di gestione aziendale sostenibile di Elmec

    Mercato agricolo con prodotti locali, volontariato d’impresa e progetto “Zero Sprechi”, sono solo alcune delle iniziative che il Gruppo Elmec, che da 50 anni accompagna le aziende nel loro percorso verso la digitalizzazione, ha organizzato in occasione...

  • Tech boys and girls: Federica Bondioli

    La ricercatrice di questo mese è Federica Bondioli. Anche con lei, come da tempo siamo abituati a fare, iniziamo a dialogare per riuscire, anche solo in parte, a divulgare gli enormi progressi che sta compiendo la ricerca...

  • 3D Systems DMP Factory 500
    3D Systems sviluppa il grande array di antenne per il satellite OneSat

    3D Systems è stata scelta da Airbus Defence and Space per produrre componenti critici per la novità assoluta del settore: il satellite OneSat. L’Application Innovation Group (AIG) di 3D Systems ha progettato una soluzione di produzione additiva...

Scopri le novità scelte per te x