I tre maggiori trend tecnologici del futuro nel report ‘Tech in 2021’

Il 2020 è stato l'anno che ha cambiato tutto. Tutto ciò che pensavamo di sapere sul nostro modo di vivere, lavorare e avere successo è stato ribaltato. Ma le sfide che abbiamo affrontato hanno lasciato il posto a opportunità e innovazioni che ora possiamo sfruttare per migliorare il futuro

Pubblicato il 21 settembre 2021

Forrester prevede fino al 20% delle aziende Fortune 500 non arriverà ‘sana’ alla fine del 2021... Il rapporto Tech in 2021 approfondisce le tendenze tecnologiche e lavorative che il Covid-19 ha accelerato e fornisce indicazioni su come i leader possono migliorare ciò che hanno appreso lo scorso anno. I maggiori take away? Le organizzazioni stanno spostando la spesa e le risorse per affrontare tre priorità:

  • migliorare la capacità di adattamento della forza lavoro;
  • aumentare agilità e flessibilità riducendo i rischi;
  • fornire esperienze digitali ai clienti per accelerare le vendite.

Tre nuove priorità uscite dalla pandemia
Il lockdown del 2020 ha costretto tutti noi a un cambiamento repentino delle abitudini di vita e lavoro, con un passaggio veloce alla loro gestione a distanza e digitale. Le aziende hanno dovuto mutare bruscamente sia la gestione della forza lavoro e sia i modelli di erogazione di prodotti/servizi per adattarsi alle misure di sicurezza imposte dalla pandemia globale.
Inoltre, la pandemia ha costretto a una revisione delle priorità. Prima del Covid-19 i manager erano concentrati su efficienza operativa, coinvolgimento del cliente e sviluppo di nuovi prodotti e servizi, a queste oggi si è aggiunto un particolare focus sull’adozione di soluzioni che abilitino la forza lavoro a svolgere i propri compiti con nuove modalità operative.

L’allocazione delle spese è cambiata radicalmente per adattarsi alle aspettative dei clienti e alla nuove condizioni di mercato. Le risorse destinate alla trasformazione digitale, per esempio, sono aumentate nel 2020, con l’83% delle aziende che prevede di accelerare i propri sforzi e il 65% di aumentare gli investimenti su questo obiettivo nel 2021 nonostante la crisi economica (fonte BCG).

Inoltre, la crisi legata al Covid-19 ha messo in luce le lacune in ciò che i team devono sapere per poter operare efficientemente e come hanno bisogno di lavorare per avere successo. La sfida per i manager è uscire dalla propria ‘comfort zone’. AppDynamics riferisce infatti che al 64% dei lavoratori attivi in ambito tecnologico ora è chiesto di svolgere compiti e attività che non hanno mai svolto prima.

Il momento giusto per modernizzare è questo
Il 2020 ha accelerato la necessità per le organizzazioni di modernizzare le proprie infrastrutture. L’aggiornamento dei processi e dei sistemi legacy è diventato fondamentale per garantire la scalabilità e gettare le basi dell’innovazione futura. Gli investimenti delle aziende saranno necessariamente più significativi nelle aree dove pensano che trarranno i maggiori vantaggi e dove riusciranno a sfruttare a pieno il valore delle nuove tecnologie e processi nel 2021 e oltre. Saranno quindi prioritarie la sicurezza, il cloud e l’automazione, che sono indicate fra le prime cinque priorità dei CIO delle aziende più note per il 2021, secondo la recente indagine realizzata da Harvey Nash/KPMG. Anche il debito tecnologico e i microservizi avranno un ruolo in futuro, dando un vantaggio competitivo a chi si sarà preparato rispetto ai ‘ritardatari’.

  • Sicurezza – La sicurezza deve cambiare drasticamente in quanto le persone lavoreranno da casa, migliorando le VPN sia sotto il profilo della capacità di trasmissione sia della security.
  • Migrazione al cloud – Il cloud offre il vantaggio di essere accessibile da ovunque ci si trovi.
  • Automazione – Agli ingegneri verrà richiesto di fare molto di più di ora grazie all’automazione dei processi che consentirà loto di concentrarsi su compiti a maggiore valore aggiunto come il loro ruolo richiede.
  • Debito tecnologico – Pur adattandosi rapidamente alle esigenze dei clienti durante la pandemia, alcune società hanno contratto un certo debito tecnologico. Ridurlo sarà fondamentale per essere più  veloci e scalare sul lungo termine.
  • Microservizi – I clienti si aspettano oggi che vengano rilasciate nuove funzionalità più frequentemente. Le aziende utilizzeranno sempre più microservizi e container come base per un’automazione più forte e performante.

Leggi il report per approfondire questi temi.

tech-in-2021-report



Contenuti correlati

  • Dietro le quinte dell’e-commerce

    Oggi è naturale acquistare beni e servizi online e aspettarsi di riceverli in brevissimo tempo. Una volta non era così. Come sarà in futuro? Leggi l’articolo

  • Come si stanno evolvendo i DCS

    La digitalizzazione dell’industria richiede una nuova generazione di Distributed Control System (DCS) in grado di stare al passo con gli sviluppi mantenendo la sicurezza dei processi, l’affidabilità e le prestazioni di produzione. L’autore, Roy Tanner, strategic product...

  • Ripensare la gestione del rischio

    Come si può affrontare correttamente il rischio, grazie anche all’avvento delle nuove tecnologie digitali, per consentire alle organizzazioni pubbliche e private di potenziare la resilienza Leggi l’articolo

  • Nozomi Networks e Stormshield migliorano la sicurezza degli asset nelle reti OT
    Nozomi Networks e Stormshield migliorano la sicurezza degli asset nelle reti OT

    Nozomi Networks e Stormshield, player europeo nel mercato della cybersecurity, annunciano una partnership tesa a migliorare la sicurezza degli asset sensibili nelle reti OT. Le aziende industriali si trovano infatti sempre più spesso a dover proteggere i...

  • Da Turck Banner nuove barriere fotoelettriche di misura con IO-Link 1.1

    Turck Banner Italia presenta le nuove barriere fotoelettriche di misura della serie EZ-Array, dotate di IO-Link 1.1. I nuovi dispositivi, equipaggiati con ricevitore IO-Link con opzioni dei dati di processo ampliate, offrono esteso accesso ad informazioni aggiuntive. La comunicazione...

  • Omron: interruttore di sicurezza per porte con codifica elevata serie D41
    Omron: interruttore di sicurezza per porte con codifica elevata serie D41

    Omron presenta l’interruttore di sicurezza per porte con codifica elevata serie D41 per ridurre il rischio di disattivazione dei dispositivi di interblocco, per un sito di produzione sicuro e senza problemi. Alcuni incidenti industriali sono stati causati...

  • Webinar Rollon il 27 ottobre: incrementare la produttività del robot con un settimo asse

    L’integrazione di un settimo asse con un robot antropomorfo permette di acquisire un grado di libertà extra, rispetto ai tradizionali sei del robot stesso. Si tratta di un’opzione utilizzata con successo in diverse applicazioni nell’ambito del packaging,...

  • Smart factory sotto attacco: ecco quanto costa un fermo impianto

    Quanto costa un fermo macchina in un impianto industriale? Che disservizio porta la mancata erogazione del servizio? Quanto può costare la non sicurezza? Il video “Attack at an Industrial Facility” offre una risposta a queste domande. GUARDA IL VIDEO...

  • 10 anni di crescita per Automation24

    Lo shop online specializzato in automazione industriale celebra il suo decimo anniversario e continua il suo percorso di crescita siglando nuove partnership che allargano il suo orizzonte alla strumentazione di processo e ai prodotti per la sicurezza...

  • Nozomi Networks e Stormshield migliorano la sicurezza degli asset nelle reti OT
    Una ricerca scopre cinque vulnerabilità nei PLC di sicurezza Mitsubishi

    Alla fine del 2020, Nozomi Networks Labs ha iniziato un progetto di ricerca su Melsoft, il protocollo di comunicazione utilizzato dai PLC di sicurezza Mitsubishi e GX Works3, il software corrispondente delle workstation di progettazione. L’analisi si...

Scopri le novità scelte per te x