Prosegue la collaborazione fra PI e Clpa per l’integrazione delle reti

Le reti aperte Industrial Ethernet stanno facendo un grande passo in avanti grazie alla cooperazione tra Profibus & Profinet International (PI) e CC-Link Partner Association (Clpa), mirata a sviluppare la connettività tra i rispettivi protocolli Industrial Ethernet, Profinet e CC-Link IE. Questo permetterà agli impianti e ai macchinari dotati di connettività CC-Link IE o Profinet di comunicare senza problemi tra loro, mentre i singoli dispositivi potranno essere collegati a una qualsiasi delle due tipologie di rete

Pubblicato il 27 luglio 2016

CC-Link IE e CC-Link sono le reti di automazione aperte dominanti in Asia, mentre Profinet prevale in Europa. Queste reti aperte consentono ai dispositivi e ai sistemi di diversi produttori di scambiarsi i dati liberamente su ciascuna rete. Questo libera gli utenti dall’obbligo di doversi rivolgere a uno specifico produttore di dispositivi di controllo, o a un gruppo ridotto di produttori. Interfacciare CC-Link IE e Profinet significa fare un grande passo in avanti in termini di interoperabilità.

Le due associazioni collaborano a sostegno di questa iniziativa da circa sei mesi, tant’è che è stato realizzato un video per spiegare l’obiettivo ultimo del progetto e i progressi ottenuti finora.

La spinta verso una migliore interoperabilità nell’automazione industriale è presente a livello globale ed è evidenziata da concetti quali Industry 4.0 e Industrial Internet of Things (IIoT), entrambi basati sulla raccolta e l’elaborazione di grandi quantità di dati di produzione quasi in tempo reale, con l’obiettivo di migliorare l’efficienza operativa. “Per ottenere ciò è essenziale l’integrazione tra CC-Link IE e Profinet, così da creare un’infrastruttura senza problemi di rete e trasparente” afferma Fumihiko Kimura, presidente di Clpa.

Le due associazioni hanno creato un gruppo tecnico di lavoro, che si è già riunito diverse volte per redigere piani e programmi mirati ad allineare e interfacciare le tecnologie Clpa e PI. La data per il completamento dello schema di standardizzazione è prevista per la fine del 2016.

Karsten Schneider, presidente di PI, afferma: “Grazie a questo lavoro, entrambe le nostre tecnologie diventeranno più facili da installare e utilizzare. Ci aspettiamo che questo le renda più interessanti a livello globale, dapprima per l’Europa e l’Asia, poi per le Americhe e il resto del mondo. In un futuro non troppo lontano, fabbriche e macchinari saranno in grado di comunicare con maggiore libertà, senza che i produttori OEM o gli utenti finali debbano affrontare costosi ed estesi lavori di ingegnerizzazione per integrare le reti CC-Link IE e Profinet”. Le tecnologie CC-Link IE e Profinet vengono fornite gratuitamente ai membri delle rispettive associazioni. In definitiva, anche la tecnologia di interfaccia verrà resa disponibile ai membri di entrambi i gruppi.

“L’industria ha bisogno di flessibilità e semplicità per costruire sistemi abilitati IIoT, Industry 4.0, o e-F@ctory” spiega Naomi Nakamura, Direttore Globale di Clpa. “La nostra collaborazione con PI consentirà agli utenti di avvantaggiarsi del grande numero di dispositivi proposti dagli associati di entrambe le organizzazioni”. John Browett, AD di Clpa per l’Europa, riassume: “Questa mossa creerà nuove opportunità di affari per i nostri associati, sia che operino direttamente a livello globale, sia che offrano i loro prodotti a clienti che operano a tale livello. In breve, il commercio intercontinentale è vantaggioso per il business globale, che a sua volta dipende dalla possibilità di collegare i macchinari in reti aperte e trasparenti”.



Contenuti correlati

  • La birra si affida all’IIoT

    Grazie alle soluzioni di PTC e alle funzionalità cloud offerte da Microsoft Azure, Carlsberg è stata in grado di sviluppare, scalare e distribuire una serie di applicazioni IIoT lungo tutti i suoi 28 stabilimenti dislocati nel mondo....

  • RT-Labs introduce U-Phy: un bus di campo unificato attivato via software

    RT-Labs ha annunciato il lancio di U-Phy, una nuova soluzione basata su software che gli sviluppatori di dispositivi industriali possono utilizzare per eseguire su progetti hardware aperti con due dei più diffusi protocolli di comunicazione industriale (fieldbus):...

  • Piattaforme IIoT, orientarsi tra soluzioni proprietarie e open source

    Le infrastrutture e le piattaforme di gestione per la IoT industriale costituiscono una fondamentale leva d’innovazione per realizzare la quarta rivoluzione industriale. Non sempre, però, è semplice individuare la soluzione giusta. Di seguito qualche indicazione utile nella...

  • Gli alleati dell’Industria 4.0

    Industria 4.0 si alimenta di dati che, analizzati, permettono di ottimizzare i processi e migliorare i profitti. Da qui la centralità dei sensori IIoT, del loro monitoraggio e di uno scambio dati sicuro tramite standard come OPC...

  • I consumi di potenza in progetti IoT/IIoT

    Qual è il fabbisogno energetico di un tipico dispositivo connesso in modalità wireless? Come si misurano i consumi? Come prevedere, in maniera accurata, quale sarà la durata della batteria? Leggi l’articolo

  • L’indissolubile unione tra reale e virtuale

    La tecnologia del digital twin, integrata ad altre soluzioni come l’IIoT, può portare grandi benefici a livello sia di produzione, grazie alla possibilità di eseguire simulazioni illimitate di macchinari e sistemi, sia di prodotto, aiutando a comprendere...

  • Lorawan nell’industria

    Lo standard Lorawan è una specifica Lpwan (Low Power Wide Area Network) derivata dalla tecnologia LoRa e standardizzata a cura della LoRa Alliance. Recentemente emersa nel settore dei sistemi di comunicazione nel contesto dell’Internet of Things (IoT),...

  • Abilitatore di tecnologie per l’Industria 4.0: Profibus, Profinet, IO-Link e… Omlox

    Il comparto dell’automazione è il contesto di riferimento in cui opera il Consorzio PI Italia, e proprio per questo l’incontro è stato aperto da un’indagine, elaborata da EMG Different, società milanese di ricerca, che si è rivolta...

  • Reti per l’idrogeno

    L’emergente comparto dell’idrogeno rappresenta un ambito dalle grandi potenzialità per l’impiego delle reti Profibus e Profinet Leggi l’articolo

  • CodeMeter al centro della gestione licenze della piattaforma di automazione B&R

    Nel perseguire la loro missione, affinché il mondo dell’automazione industriale diventi gradualmente più sicuro, Wibu-Systems, gli specialisti leader a livello mondiale nel campo della protezione dei beni digitali e della gestione licenze, estendono una collaborazione tecnologica di...

Scopri le novità scelte per te x