ProgettistaPiù 2023: Automazione in Acqua

Il 25 gennaio in occasione del convegno in streaming ProgettistaPiù 2023 la Redazione di AUTOMAZIONE OGGI propone il tema “L’automazione nei 4.elementi. Acqua. Aria. Terra. Fuoco.” La sessione ACQUA tratterà di: monitoraggio IoT del clima e prevenzione dalle emergenze, soft robotics ed energia dalle onde

Pubblicato il 1 dicembre 2022

La Redazione di Automazione Oggi propone il 25 gennaio 2023, nell’ambito della seconda edizione del convegno in streaming ProgettistaPiù, frutto della sinergia tra Quine e TraceParts, una mattinata, dalle 9.30 alle 12.30, dedicata al tema “L’Automazione nei 4.elementi: ARIA. ACQUA. TERRA. FUOCO.“

La sessione dedicata all’Acqua, intitolata Acqua: “scoprire” il mare anche come fonte di energia, vedrà la partecipazione di:

  • Giuliana Mattiazzo, Vice Rector for Technology Transfer, Politecnico di Torino
    che tratterà di: Energia dalle onde

ABSTRACT
Le onde marine costituiscono una delle fonti di energie rinnovabili più interessanti e distribuite sul globo. L’energia delle onde può essere considerata un derivato dell’energia solare, attraverso l’azione dei venti. Il livello di potenza per unità di lunghezza del fronte d’onda varia dai 25 kW/m nell’Europa del sud (Isole Canarie), fino a 75 kW/m delle coste irlandesi e scozzesi. Nel Mar Mediterraneo la potenza disponibile è significativa e varia in un intervallo compreso tra 11 e 4 kW/m. Se consideriamo anche la potenza sfruttabile in acque profonde al largo delle coste europee, la stima delle risorse totali per l’Europa sale a 320 GW.
Sfruttare il mare per creare energia ha i suoi vantaggi: primo fra tutti evitare il consumo del suolo, fenomeno ampiamente discusso dall’opinione pubblica e oggettivamente critico per i territori ad alta densità di popolazione. Inoltre, dal punto di vista paesaggistico, le installazioni potrebbero essere poste a distanza sufficiente da azzerare l’impatto visivo per l’uomo.
La principale sfida nello sfruttamento di questa ‘energia rinnovabile’ è nella riduzione dei costi di installazione e manutenzione dei dispositivi utilizzabili. In questo panorama si collocano le attività di ricerca che hanno condotto allo sviluppo di un dispositivo per la produzione di energia dalle onde del mare battezzato ‘ISWEC’ (Inertial Sea Wave Energy Converter). Un galleggiante vincolato al fondale marino con un ormeggio lasco, che ne permette il moto di beccheggio e l’orientamento a seguire la direzione principale del fronte d’onda. Uno scafo con un giroscopio come cuore: un volano posto in rotazione che scarica le coppie di reazione inerziale che nascono dall’interazione tra la sua velocità e il moto di beccheggio dello scafo su un albero interno di precessione, sul quale è calettato un generatore elettrico a magneti permanenti. La possibilità di variare la velocità angolare del volano consente al dispositivo di adattarsi e massimizzare le performance per diversi stati di mare, aumentando la flessibilità del convertitore.

  • Pietro Pustina, Dottorando in Automatica, Bioingegneria e Ricerca Operativa – Automatica, Dipartimento di Ingegneria Informatica, Automatica e Gestionale, Università La Sapienza di Roma
    che tratterà di: Soft Robotics, l’ultima frontiera della robotica

ABSTRACT
I soft robots sono strutture robotiche continue di ispirazione biomorfica, costituite da materiali morbidi ed elastici, con azionamento del movimento leggero e distribuito.
In contrasto con il paradigma industriale dei manipolatori articolati che sono rigidi, a struttura predefinita e con motori potenti in modo da essere veloci, precisi e ripetibili, i soft robot sono cedevoli e di forma variabile, con una mobilità particolare e una capacità sorprendente di accedere e adattarsi all’ambiente circostante.
A valle dei notevoli sviluppi tecnologici recenti sui materiali e sulla loro sensorizzazione e attuazione, i soft robots promettono di avere un impatto significativo nelle applicazioni in campo biomedico, manutentivo, spaziale e sottomarino, ma anche in ambito industriale per la loro intrinseca sicurezza nell’interazione con operatori umani e per gli aspetti di risparmio energetico. Nella presentazione verrà illustrato lo stato dell’arte della soft robotics, con riferimento particolare agli aspetti di modellistica e di controllo del moto.

ABSTRACT
La più grande sfida dei prossimi decenni sarà quella di abbattere le emissioni, razionalizzando i consumi energetici e rendendo maggiormente efficienti i processi. Tutto questo per contrastare il cambiamento climatico, che sta causando eventi estremi, che purtroppo abbiamo tutti sotto gli occhi. L’Internet delle Cose e l’intelligenza artificiale si stanno rivelando dei fattori determinanti per abbattere l’impatto ambientale delle attività antropiche e non solo: grazie a nuove soluzioni sono diventate anche un’arma per difendere il territorio da eventi estremi associati al cambiamento climatico. All’interno della nostra Associazione abbiamo moltissimi esempi di soluzioni pratiche, testate e pronte per essere adottate da subito, e per portare da subito innegabili vantaggi sia economici che sociali.

GUARDA IL VIDEO PROMO

ISCRIVITI ORA



Contenuti correlati

  • Bharat Gear Num CNC
    Retrofit di una rettificatrice per ingranaggi con sistema CNC Num

    Bharat Gears, uno dei maggiori produttori indiani di ingranaggi di qualità, è riuscita a riadattare una rettificatrice per ingranaggi Reishauer RZ361A con un sistema CNC avanzato Num Flexium+68. Fondata nel 1971, Bharat Gears è cresciuta costantemente fino...

  • Barriera fotoelettrica SLG-2 da Sick: flessibilità e minimo ingombro

    La seconda generazione della “Slim Light Grid” brilla per la sua flessibilità e funzionalità. Le dimensioni contenute, il design sottile e senza zone cieche, le altezze di rilevamento regolabili garantiscono una facile integrazione nelle macchine in cui lo spazio...

  • Nuove funzionalità OCR basate sull’IA per In-Sight 2800

    Cognex Corporation ha ampliato le funzionalità del suo sistema di visione In-Sight 2800 includendovi il riconoscimento ottico dei caratteri (OCR). Il nuovo strumento ViDi EL Read, basato sulla tecnologia Edge Learning, riconosce con facilità caratteri leggibili dall’uomo...

  • Le cinque tendenze della robotica nel 2023

    Nonostante le condizioni dell’economia mondiale, segnate, tra gli altri, dal conflitto tra Russia e Ucraina, incertezza economica e inflazione, il settore della robotica continua a registrare una crescita significativa. Lo confermano i dati dell’International Federation of Robotics...

  • Nuovi gateway IIoT per il trasferimento dei dati remoti da Moxa

    La trasformazione digitale e la sostenibilità sono due obiettivi essenziali per le aziende di oggi. Le aziende del settore energetico, ad esempio, hanno bisogno di un sistema affidabile ed efficiente per trasmettere senza ininterrottamente i dati in tempo reale...

  • Sistema di monitoraggio per impianti elettrici da Socomec

    Diris Digiware di Socomec è un innovativo sistema di monitoraggio della potenza per impianti elettrici AC e DC. È l’unico sistema che combina la misurazione ripartita dell’energia, l’analisi della qualità dell’alimentazione e il monitoraggio della corrente residua....

  • Fiducia che gli investitori in Matix e nella trasformazione dei processi

    Matix, spin off di AzzurroDigitale, la società fondata da Carlo Pasqualetto, Jacopo Pertile e Antonio Fornari, specializzata nella realizzazione di progetti di digital transformation “human centered” per il mondo manifatturiero, comunica di aver chiuso un nuovo seed...

  • Ucimu: nel 2023 prosegue il trend positivo di macchina utensile, robotica e automazione

    Non si arresta la crescita dell’industria italiana costruttrice di macchine utensili, robot e automazione che, dopo un 2021 decisamente positivo, chiude il 2022 con incrementi a doppia cifra per quasi tutti i principali indicatori economici e si...

  • Il cobot industriale ABB Swifti offre velocità, precisione e sicurezza ai vertici della categoria

    ABB ha lanciato il robot collaborativo industriale Swifti CRB 1300, che colma il divario tra robot industriali e collaborativi. Combinando velocità e precisione ai vertici della categoria con una capacità di movimentazione dei carichi fino a 11 kg,...

  • Industria 4.0: E80 Group apre una nuova sede a Tokyo

    E80 Group, multinazionale italiana tra i più noti dell’ intralogistica a livello globale nello sviluppo di soluzioni intralogistiche su misura per fabbriche produttrici di beni di largo consumo, annuncia l’apertura del suo nuovo ufficio commerciale e di...

Scopri le novità scelte per te x