Presentata 33.BI-MU: dal 12 al 15 ottobre a Fieramilano Rho

Quasi 700 imprese e 65.000 metri quadrati di superficie per la biennale internazionale della macchina utensile, robotica e automazione

Pubblicato il 7 ottobre 2022

Organizzata da Efim-Ente Fiere Italiane Macchine, e promossa da Ucimu-Sistemi per Produrre, associazione che rappresenta i costruttori italiani di macchine utensili, robot, automazione e tecnologie ausiliarie, la 33.BI-MU, biennale internazionale della macchina utensile, robot, automazione, digital e additive manufacturing, si terrà dal 12 al 15 ottobre, a Fieramilano Rho.

Con 400 imprese e 33.000 addetti, l’industria italiana di settore recita un ruolo di primo piano nello scenario internazionale ove è risultata, nel 2021 (ultima rilevazione disponibile), quarta sia nella classifica di produzione, sia in quella di export che in quella di consumo.

La conferenza stampa di presentazione dell’evento è stata l’occasione per fare il punto sulle previsioni di andamento della domanda mondiale di macchine utensili, secondo l’elaborazione del Centro Studi Ucimu sui dati Oxford Economics.

La domanda mondiale di macchine utensili passerà dai 62,4 miliardi di euro del 2021 ai 73,9 miliardi attesi nel 2024, registrando un incremento del +18,5%.

Rispetto all’andamento del mondo, nel periodo di riferimento 2021-2024, l’Europa registra l’incremento più marcato della domanda di macchine utensili (+21,6%); il valore passa infatti dai 16,8 miliardi del 2021, ai 20,4 miliardi attesi nel 2024. L’Asia è comunque il mercato di consumo più grande, con un valore che passa dai 34,8 miliardi del 2021 ai 41,2 miliardi stimati per il 2024 (+18,2%).

Con riferimento ai singoli Paesi, la Cina, primo mercato di consumo di macchine utensili, nel periodo 2021-2024, vede crescere la domanda, del 12,4%, dai 23,6 miliardi del 2021, ai 26,6 miliardi previsti nel 2024.

Gli Stati Uniti registrano una crescita del consumo, da 7,3 miliardi del 2021 a 7,6 miliardi del 2024 (+4,8%). La domanda tedesca segna invece un incremento, del 32,3%, da 4,4 miliardi del 2021, a 5,8 miliardi previsti per il 2024. L’Italia, con un incremento del 22,3%, passa da un consumo pari ai 4 miliardi del 2021, ai 4,9 miliardi attesi nel 2024.

Al di là delle variazioni annuali, secondo le previsioni elaborate da Ucimu sui dati Oxford, la classifica di consumo mondiale vedrà la conferma delle posizioni attuali con l’Italia quarta preceduta da Cina, Stati Uniti, Germania e seguita, a distanza, dal Giappone.

“Alla luce di questi dati” ha affermato Barbara Colombo “i costruttori italiani, senza perdere di vista i mercati emergenti o emersi di recente, devono assolutamente occuparsi della domanda più vicina a loro, vale a dire, oltre a quella domestica, quella espressa dai paesi dell’Unione Europea e dagli Stati Uniti. D’altra parte, nel primo semestre 2022 (ultimo dato disponibile, elaborazione Ucimu su dati Istat), principali aree di destinazione delle esportazioni di made in Italy sono risultate: Stati Uniti (214 milioni, +29,6% rispetto al primo semestre 2021); Germania (138 milioni, -25,2%); Cina (92 milioni, +4,8%); Francia (83 milioni, +12,2%); Polonia (81 milioni, -1,9%) e Spagna (61 milioni +41,6%).

La presidente di Ucimu-Sistemi per Produrre ha aggiunto: “Nonostante il mercato sia ancora in movimento, l’incertezza determinata dal confitto e dall’incremento vertiginoso dei costi di materie prime e energia, sta mettendo a dura prova le imprese manifatturiere del vecchio continente. Per questo, con specifico riferimento all’Italia, chiediamo al governo che tra poco si insedierà di ragionare su un pacchetto di misure ad hoc”.

“Grazie agli incentivi 4.0, l’ammodernamento ‘dell’Officina Italia’ è stato avviato e sostenuto, ma la trasformazione digitale degli impianti e l’ampliamento della capacità produttiva non sono certo ultimati, devono, quindi, proseguire. Per questo chiediamo alle autorità di governo di ragionare, oltre il 2025, su un provvedimento strutturale di incentivo alla sostituzione dei macchinari obsoleti e di introduzione di tecnologie 4.0. Anche perché queste tecnologie rispondono all’esigenza di riduzione dei consumi di energia e di gestione ottimale delle risorse”.

“In materia energetica, invece” ha concluso Colombo “auspichiamo che il nuovo governo prosegua sulla linea già tracciata dal presidente Draghi lavorando affinché l’UE trovi una linea comune che possa evitare che alcuni paesi europei paghino più di altri per il conflitto; penso al price cap di cui ancora si sta discutendo e penso anche alla proposta dei Commissari Gentiloni e Breton di istituire uno strumento che si ispiri al modello del Sure che era stato creato per fronteggiare l’emergenza Covid. D’altra parte, gli effetti della crisi energetica possono essere, per il sistema economico e manifatturiero europeo, anche più devastanti di quelli determinati dall’emergenza sanitaria esplosa nel 2020”.

Alfredo Mariotti, direttore generale di Ucimu-Sistemi per Produrre ha affermato: “la validità delle misure a favore della competitività del manifatturiero, identificate con il termine Industria 4.0, è misurabile non solo con l’analisi dell’andamento del consumo italiano ma anche con l’osservazione delle tecnologie realizzate in questi ultimi anni, tecnologie che saranno esposte a 33.BI-MU che si presenta con numerose novità”.

Protagoniste di 33.BI-MU sono quasi 700 imprese, il 37% estere. Le tecnologie in mostra, distribuite su una superficie totale di 65.000 metri quadrati nei quattro padiglioni allestiti per l’evento, 9-11/13-15, rappresenteranno al meglio l’offerta internazionale di settore. Sotto i riflettori saranno: macchine ad asportazione, deformazione e additive, robotica, automazione, tecnologie digitali e 4.0, intelligenza artificiale, sistemi di metrologia e controllo qualità, logistica per l’industria meccanica, tecnologie ausiliarie e subfornitura.

Accanto alle macchine utensili e ai sistemi di produzione, cuore dell’esposizione, saranno 5 aree espositive per 5 temi tecnologici:

  • RobotHeart patrocinata da SIRI e dedicata al mondo della robotica;
  • piùAdditive, patrocinata da AITA-Associazione Italiana Tecnologie Additive e dedicata alle tecnologie additive;
  • BI-MU Digital focalizzata su mondo dell’ICT e delle tecnologie per la connettività;
  • Metrology & Testing centrata su sistemi, macchine di prova e misura e controllo qualità;
  • e, infine, BI-MU Logistics dedicata alla logistica per l’industria meccanica.

BI-MU non è, però, ‘solo’ esposizione di innovazione, o evento commerciale, è anche, e soprattutto, momento di aggiornamento tecnologico e approfondimento culturale tematico.
L’arena BI-MUpiù, allestita al padiglione 13, ospiterà oltre 60 incontri, a cura degli espositori e degli organizzatori.
Oltre 20 incontri specificatamente dedicati alla manifattura additiva saranno invece organizzati nell’Area piùAdditive allestita al padiglione 15.

Infine, per questa edizione di BI-MU, gli organizzatori hanno accolto, per la prima volta, la Conferenza Annuale della Robotica organizzata da I-RIM, l’Istituto nazionale per la robotica e le macchine intelligenti, che ha scelto la biennale per svolgere la sua due giorni di lavoro che richiamerà professori, studiosi, ricercatori ed esperti impegnati nell’attività accademica e di ricerca dedicata al mondo della robotica industriale.

Altra novità di 33.BI-MU è la piena concomitanza con Xylexpo, mostra dedicata alle tecnologie per la lavorazione del legno e per i componenti per l’industria del mobile, che ha deciso di cambiare il suo posizionamento temporale e spostarsi da maggio a ottobre per poter seguire il periodo di svolgimento di BI-MU, occupando i padiglioni limitrofi (22-24).

I due eventi espositivi valgono insieme 100.000 metri quadrati di superficie espositiva totale, 6 padiglioni, 1.000 imprese e 100.000 visitatori attesi.

Le due manifestazioni, leader indiscusse nei rispettivi settori di riferimento, si propongono come eventi distinti ma assolutamente complementari, per un grande appuntamento dedicato all’industria manifatturiera, creando così un unico comprensorio con totale e reciproca permeabilità di ingresso dei due eventi espositivi. Questa modalità, incentiverà sicuramente la partecipazione dei visitatori che, potranno spostarsi liberamente da una fiera all’altra, garantendo agli espositori un pubblico più ampio.

Dai primi dati di preregistrazione raccolti dalle due manifestazioni emerge un forte interesse delle rispettive platee di visitatori a visitare anche l’altro evento, a conferma della validità della scelta di avvicinare le due mostre. In particolare, l’85% dei visitatori di Xylexpo è intenzionato a visitare anche BI-MU e il 60% dei preregistrati di BI-MU segnala la volontà di visitare anche Xylexpo.

33.BI-MU si apre con la Cerimonia inaugurale, mercoledì 12, ore 10.30 a Fieramilano Rho. Intervengono: Enrico Pazzali, presidente Fondazione Fiera Milano, Attilio Fontana, presidente Regione Lombardia (invitato), Carlo Ferro, presidente ICE-Agenzia, Barbara Colombo, presidente Ucimu-Sistemi per Produrre, Luigi De Vito, presidente Acimall, Antonio Bicchi, presidente I-RIM, Alfredo Mariotti, direttore generale Ucimu-Sistemi per Produrre.



Contenuti correlati

  • Presentati i risultati dell’Osservatorio “Digital Servitization nel settore Machinery”

    Sono stati presentati questa mattina, nel corso dell’evento “La Voce del mercato: il futuro dei servizi digitali per le macchine industriali”, i risultati dell’Osservatorio “Digital Servitization nel settore machinery”, progetto di ricerca di Digital Industries World, svolto...

  • 33.BI-MU e Xylexpo pronte per l'edizione in presenza nel 2022
    Anche quest’anno RobotHeart sarà al centro di 34.BI-MU

    Forte del successo della prima edizione, RobotHeart, il progetto espositivo dedicato al mondo della robotica e ospitato per la prima volta nel 2022 da BI-MU, torna al centro della biennale internazionale della macchina utensile, in scena a fieramilano Rho dal...

  • Ucimu: in calo gli ordini di macchine utensili nel quarto trimestre

    Nel quarto trimestre 2023, l’indice degli ordini di macchine utensili elaborato dal Centro Studi & Cultura di Impresa di Ucimu -Sistemi per Produrre segna un calo del 31,1% rispetto al periodo ottobre-dicembre 2022. In valore assoluto l’indice...

  • Ucimu: un 2023 complessivamente in positivo e un 2024 di tenuta

    2023 ancora positivo per l’industria italiana costruttrice di macchine utensili, robot e automazione che ottiene un nuovo record di produzione; si allunga così il trend favorevole che dovrebbe trovare conferma anche nel 2024. Questo, in sintesi, quanto...

  • Accordo triennale fra Politecnico di Milano e Ucimu-Sistemi per Produrre

    Siglato l’accordo di collaborazione e intenti tra Politecnico di Milano e Ucimu-Sistemi per Produrre, l’associazione dei costruttori italiani di macchine utensili, robot e automazione, volto a potenziare ulteriormente il dialogo e la collaborazione tra le due organizzazioni...

  • Solutrans 2023: edizione da record per la fiera dedicata al trasporto stradale e urbano

    Solutrans, crocevia mondiale del veicolo industriale e commerciale, che si è svolto dal 21 al 25 novembre 2023 presso il Parco delle Esposizioni di Eurexpo Lione, ha registrato un’affluenza record. Principale occasione di incontro fra i produttori...

  • Xylexpo 2024 prende forma!

    Con circa 200 adesioni confermate per un’area totale di 20.000 metri quadrati espositivi, il progetto Xylexpo 2024 comincia a delinearsi. I padiglioni 1 e 3 di Fieramilano Rho saranno nuovamente la vetrina delle tecnologie di oggi e...

  • Nordest, una PMI su tre investe nel digitale

    Oltre un terzo delle Pmi del Nordest ha sfruttato la trasformazione digitale per affrontare e superare le crisi dell’ultimo triennio, ma c’è ancora una fetta consistente di aziende di piccole dimensioni che ritiene l’impatto delle nuove tecnologie...

  • Gli ordini di macchine utensili calano del 20% nel terzo trimestre

    Nel terzo trimestre 2023, l’indice degli ordini di macchine utensili elaborato dal Centro Studi & Cultura di Impresa di Ucimu-Sistemi per Produrre segna un calo del 19,9% rispetto al periodo luglio-settembre 2022. In valore assoluto l’indice si...

  • Boom dell’additive manufacturing

    Come riportato dall’Ansa qualche giorno fa, secondo l’Epo, l’Ufficio Europeo dei brevetti, nell’ultimo decennio, le domande di brevetto di soluzioni additive manufacturing hanno registrato un aumento medio annuo di circa il 30%, al punto che il totale...

Scopri le novità scelte per te x