Oltre i DCS. Cosa è cambiato negli ultimi mesi

“Nuove tecniche di automazione per l’integrazione di funzionalità distribuite” è il titolo della prossima giornata di studio Anipla sui sistemi di controllo per l’industria di processo

Pubblicato il 3 febbraio 2011

Ai DCS la parola “Controllo” sta ormai stretta. Tradizionalmente i DCS erano il contenitore del controllo di processo ed erano finalizzati a tale scopo. Sempre più i DCS sono ora, invece, nel mirino degli operativi, che ne hanno scoperto la valenza dirompente quale spina dorsale di una nuova capacità di condurre gli impianti con attrezzi rapidi ed efficaci, incentrati sull’informazione immediata e ubiqua. Afferiscono al sistema “DCS” di controllo nuove funzionalità estese e distribuite nello stabilimento: controllo finalmente in senso lato, non più soltanto mera regolazione, ma possibilità di condurre l’impianto alle produttività più competitive. Funzionalità quali Asset management, Antincendio, Manutenzione, Survey antintrusione, Analisi, Allarmistica sempre più pregnante ecc., sono prese in considerazione e integrate in un crescendo di creatività.

Le singole tecnologie, elettrica piuttosto che impiantistica, processistica piuttosto che della sicurezza, si armonizzano asservite alla finalità ultima: saper portare l’impianto dove è necessario. Il sistema di controllo diventa parte di un meccanismo ampio e ben oliato, che abbraccia dalla gestione del business alla garanzia di qualità.

Cosa è cambiato negli ultimi mesi? Senza che quasi ce ne accorgessimo, si sono finalmente materializzate innovazioni significative nelle tecniche di integrazione di sottosistemi eterogenei, in gran parte legate all’importazione di meccanismi informatici dal web e al consolidarsi di standard riconosciuti. Ecco che il bisogno di unitarietà che ha l’operatore diventa importazione di videate native; è ormai implicito il collegamento al DCS di sistemi quali Fire & Gas, Sistema Elettrico, l’ESD; la gestione della documentazione e la sua fruizione risultano facili e immediate. Altre spinte provengono poi dalle nuove architetture di business: impianti in condominio, distribuzione geografica di produzioni simili, impianti in affitto.

Si sono materializzati i sogni di visionari della fine del secolo scorso. Tuttavia, come sempre, il mercato vede avanguardie, il grosso, retroguardie. E, come sempre, non sono vincenti le tecnologie più avveniristiche quanto piuttosto quelle accessibili (economicamente e per disponibilità di specialisti) che abbiano superato il filtro dei vincoli normativi, gestionali, progettuali e contrattuali. Ancora una volta però il futuro, che pur prende le mosse dalle esperienze e dalle cicatrici, può permettersi mete più alte, dovute al cambiamento di paradigmi. La giornata cercherà di fare il punto di ciò che sia davvero alla portata di tutti. È rivolta ai curiosi, ma anche agli attori principali del mondo dell’automazione delle industrie, le più varie: utenti finali (tecnici coinvolti nell’esercizio, nella manutenzione, nella strumentazione; responsabili della qualità; tecnologi preposti agli interventi migliorativi di processo; addetti al servizio di prevenzione e di sicurezza), ma anche fornitori (siano essi di strumenti o società d’ingegneria).

Attraverso case study saranno presentate soluzioni innovative nel mondo dell’automazione, siano esse state perseguite fin dall’inizio del progetto (nuovo o di revamping), ovvero siano fonte di scoperte dopo essersi messi in cammino, spinti da obsolescenza di apparecchiature o da scarsa competitività (flessibilità, rangeability, necessità di sbottigliamenti).

La Giornata di Studio è prevista per giovedì 19 maggio 2011. Gli autori interessati a presentare una relazione sono invitati a inviare entro il 25 marzo alla segreteria dell’associazione una copia della stesura preliminare del lavoro proposto. Gli autori riceveranno conferma dell’accettazione del proprio lavoro entro l’8 aprile. Gli autori delle memorie accettate dovranno poi inviare la stesura definitiva del lavoro e la presentazione entro il 30 aprile, per essere inserite nel CD Rom in distribuzione.Coordinatori della giornata sono M. Banti (ABB), S. Boschi (ENI), F. Gorla (libero professionista) e A. Vigano (Mon-tele).

Per informazioni: Anipla – Sezione di Milano: anipla@anipla.it - tel. 02 76002311
Anipla: www.anipla.it



Contenuti correlati

  • Rockwell Automation al Forum Meccatronica

    L’edizione 2022 del Forum Meccatronica che si terrà presso le Fiere di Padova il 4 ottobre p.v., vede tra i suoi protagonisti Rockwell Automation. In tale occasione, l’azienda, tra i leader nella fornitura di soluzioni per l’automazione,...

  • Progetto APL completato con successo. Nasce Ethernet APL

    Dopo quasi 4 anni di stretta e fruttuosa collaborazione tra le quattro principali organizzazioni di sviluppo degli standard, FieldComm Group, ODVA, OPC Foundation e Profibus&Profinet International (PI), unita al significativo supporto di 12 importanti partner del progetto...

  • Supervisione intelligente di impianto, sviluppare lo Smart Scada

    L’industria manifatturiera e di processo (dagli anni 60) adotta tecnologie capaci di raccogliere, storicizzare ed elaborare dati allo scopo di monitorare e comandare processi produttivi… Leggi l’articolo

  • A LVF Valve Solutions il primo certificato UKCA PED

    La bergamasca LVF SpA, azienda produttrice di valvole a saracinesca, a globo, di ritegno, a sfera e DB&B forgiate e fuse per le industrie del petrolio, gas, chimica, petrolchimica, produzione di energia e offshore, ha ottenuto il primo certificato UKCA in...

  • Strumenti software per aumentare l’efficienza nell’industria

    Chi opera nel settore industriale sa bene che la prima esigenza dell’azienda è quella di tenere monitorati i processi produttivi, sia che ci si riferisca all’output di prodotto (quindi considerando l’efficienza produttiva), sia che ci si riferisca...

  • Sistemi di controllo nell’era di Industria 4.0

    Messo un po’ in ombra dalla Robotica, dall’Intelligenza Artificiale e dalla connettività emergente, il PLC mantiene comunque una posizione strategica anche nell’era di Industria 4.0. Nelle sue diverse declinazioni, il controllo industriale sta cogliendo il vento del...

  • Come controllare un robot autonomo?

    Manutenzione e ispezione delle aree critiche con l’impiego di un robot autonomo: lo sta facendo Evonik, un’azienda che opera nel settore dell’industria chimica di specialità, nel quadro di un progetto di innovazione svolto con altri tre partner presso uno...

  • Controllo e sigillo

    Grazie all’integrazione di iQ Platform di Mitsubishi Electric nei suoi macchinari, Siropack Italia si è distinta in campo farmaceutico Leggi l’articolo

  • Vipa Italia a Ipack-IMA 2022: Gaetano Chiappini

    Automazione Oggi intervista Gaetano Chiappini, Direttore Vendite di Vipa Italia, facente parte del Gruppo Yaskawa, in occasione di Ipack-IMA 2022. L’azienda presenta in fiera le proprie soluzioni di controllo avanzate, un nuovo inverter e soluzioni integrate con i...

  • Il design incontra l’ERP

    Ally Consulting supporta la crescita di Nicoline con l’implementazione di Infor CloudSuite Industrial Leggi l’articolo

Scopri le novità scelte per te x