Mobilità in sicurezza: una questione prioritaria

Pubblicato il 14 dicembre 2018

In un’epoca in cui la mobilità e i rispettivi utilizzi si stanno evolvendo a ritmi senza precedenti la sicurezza è diventata più che mai una priorità. A tal proposito, a preoccupare sono soprattutto i pericoli collegati ai nuovi mezzi di trasporto, come ad esempio gli scooter elettrici. È necessario riconsiderare la sicurezza stradale? Senza trascurare alcun mezzo di trasporto e immaginandone persino di nuovi, è arrivato il momento di investire sulle ultime tecnologie.

Le città stanno iniziando a sembrare giungle che pullulano di nuovi marchingegni. È pertanto essenziale riorganizzarsi per ritrovare un livello soddisfacente di sicurezza. A tal riguardo, un’opzione potrebbe essere quella di adottare un approccio di tipo “punitivo” che tende tuttavia a modificare solo lievemente la mentalità. Esiste però un’alternativa: grazie alle tecnologie direttamente integrate nei veicoli è possibile migliorare notevolmente la sicurezza nelle città senza sollevare obiezioni o creare disappunto. In che modo?

Come emerso dal rapporto dell’OCSE “Science, Technology and Innovation Outlook 2018”, alcuni recenti sviluppi hanno enormi potenzialità: l’intelligenza artificiale, il machine learning e la robotizzazione possono offrire notevoli vantaggi, integrando le competenze umane in modo intelligente a beneficio della società. In particolare, nelle auto, le tecnologie che utilizzano telecamere e radar, oltre ai radar laser, hanno potenzialità enormi, così come le soluzioni proposte da Clarion.
Già utilizzate per migliorare l’esperienza di guida, come il sistema di parcheggio autonomo nella Nissan Leaf, le tecnologie che utilizzano telecamere e radar facilitano sensibilmente il rilevamento di pedoni, ciclisti e motociclisti nei punti ciechi, oltre che attorno all’auto.

Secondo la fonte ISTAT, il numero di incidenti stradali in Italia ha subito una leggera flessione rispetto al 2016, ma nel 2017 si è riscontrato un aumento del numero vittime pari al +2,9%, in particolar modo riguardo a pedoni (+5,3%) e motociclisti (+11,9%).
Leggermente differente ma non migliore è la situazione negli stati europei: in Francia il numero dei decessi per incidente stradale rispetto al 2016 è diminuito -0,6%, come anche in Germania dello 0,9%, mentre la Spagna vede un incremento del 2%.

Tutte queste vite si sarebbero potute salvare utilizzando questi metodi di rilevamento. Le nuove tecnologie consentono inoltre di controllare la velocità in base all’ambiente, mantenere il veicolo nella giusta direzione, evitare collisioni e visualizzare l’area attorno all’auto per facilitare le manovre. Presto saranno persino in grado di analizzare il livello di stanchezza e quello di concentrazione del guidatore e avvertirlo o consigliargli di riposarsi prima di continuare a guidare.

I veicoli della nuova era, siano essi automobili, autobus, camion o persino automezzi per il trasporto di merci pesanti, sono già disponibili e stanno diventando sempre più comuni poiché offrono una mobilità sicura.
Tuttavia gli sforzi degli ingegneri, per quanto importanti, non sono sufficienti a cambiare la situazione di fatto. L’utilizzo di nuove tecnologie nei veicoli sarà regolamentato a livello normativo. La principale misura riguarda l’inserimento di ulteriori voci nell’elenco di componenti obbligatori della Commissione Europea nei veicoli personali e per il trasporto di merci pesanti. All’inizio di quest’anno è diventato obbligatorio l’utilizzo del sistema eCall per le chiamate di emergenza, mentre sono in fase di valutazione il controllo della velocità di crociera, che rileva e si adatta ai limiti di velocità stradali, e un sistema che avvisa il conducente quando si allontana involontariamente dalla propria corsia di marcia. Tutto questo è necessario per mantenere il passo con le nuove esigenze.

Le nuove tecnologie rappresentano semplicemente le basi per l’avvento delle città intelligenti, ovvero ambienti urbani in grado di gestire la densità della popolazione, la mobilità intelligente o persino autonoma e ottimizzare la sicurezza del singolo individuo e della collettività.
La tecnologia spesso fa sognare ma non sarà mai un mezzo fine a se stesso. Guardando al futuro, la trasformazione e la sicurezza delle città e delle strade si baserà principalmente su un’infrastruttura di trasporto pratica a servizio dell’essere umano.

Sara Tij, responsabile marketing auto connesse e ADAS di Clarion Europe



Contenuti correlati

  • Come sfruttare al meglio i dati di produzione

    Estrarre informazioni dai dati può rivelarsi una sfida complessa. Proficy Operations Hub permette di monitorare, controllare, inserire e analizzare dati provenienti da fonti eterogenee in maniera semplice, rapida e intuitiva. Proficy CSense, utilizzando AI e ML, consente...

  • Panasonic Industry presenta il relè HE-R su PCB per la gestione dei sistemi trifase

    L’infrastruttura delle stazioni di ricarica per veicoli elettrici e la diffusione di efficienti wall box domestici sono più che mai fattori decisivi per il supporto alla futura elettromobilità. Di conseguenza, la domanda di componenti compatti, robusti e...

  • Progetto Repair: a Pompei robotica e digitalizzazione aiutano l’archeologia

    A Pompei, la prima volta una tecnologia d’avanguardia sarà utilizzata per la ricostruzione fisica di manufatti archeologici, in gran parte frammentati e di difficile ricomposizione. È questo l’obiettivo del progetto europeo “RePAIR”, acronimo di Reconstruction the past:...

  • Piena flessibilità alla massima velocità

    La pallettizzazione è in continua evoluzione e trovare le soluzioni più adatte per rispondere alle esigenze degli utenti è una sfida tutt’altro che semplice. Segbert & Co., specialista di soluzioni logistiche intelligenti nel settore della stampa e...

  • Tracciabilità 4.0 con il cobot

    All’interno degli stabilimenti del Gruppo Romani si utilizzano cobot per effettuare l’etichettatura intelligente su tutti i formati di prodotto in uscita dallo stabilimento Leggi l’articolo

  • Quando la robotica diventa amica

    Da un anno a questa parte, gli ambienti produttivi e intralogistici stanno subendo numerose mutazioni e aggiornamenti di layout, dettati anche dalle esigenze di distanziamento fisico. Ad oggi non è più possibile utilizzare schemi tradizionali per i...

  • Sul Green Pass, Siemens Italia accelera: richiesta per entrare in sede dal 27 settembre

    “Abbiamo deciso di introdurre il Green Pass, anticipando le decisioni che Governo e parti sociali stanno valutando, coerentemente con tutte le misure anti Covid adottate da febbraio 2020, per continuare a garantire la salute e sicurezza sui...

  • Dalla parte dell’operatore

    IoT, intelligenza artificiale, collaborazione uomo-macchina, digitalizzazione, flessibilità e scambio dati. Come lo sviluppo tecnologico sta trasformando le macchine in importanti alleati per la qualità e la salvaguardia degli operatori in ottica ‘smart production’? Leggi l’articolo

  • Qualità e soddisfazione

    L’azienda statunitense ha integrato i cobot UR nella timbratura dei collettori idraulici registrando una riduzione del 40% degli errori e migliorando le condizioni di lavoro dei propri dipendenti Leggi l’articolo

  • L’occhio attento del robot

    Con Reply e Microsoft Azure prende forma il futuro dei Mobile Autonomous Robot utilizzabili in tantissime applicazioni Leggi l’articolo

Scopri le novità scelte per te x