Mancato rispetto delle distanze e tracciamento dei contatti: arriva il braccialetto di sicurezza

Pubblicato il 4 maggio 2020

Un braccialetto avviserà i cittadini quando non rispettano la distanza di sicurezza di un metro da altri utenti, e in grado di ricostruire i contatti di un utente nel pieno rispetto della privacy e senza alcuna app, bloccando sul nascere possibili focolai di coronavirus. A lanciarlo sul mercato MetaWellness, giovane start-up di Bari specializzata in tecnologie per lo sport e il fitness, che ha creato “Labby Light”, un innovativo prodotto basato su tecnologia brevettata capace di contenere i contagi da Covid-19 e offrire un contributo concreto alla lotta al coronavirus.

“Il braccialetto “Labby Light” ha una duplice funzione” spiega MetaWellness “da un lato, attraverso un led e una vibrazione, segnala a chi lo indossa il mancato rispetto della distanza minima di sicurezza di 1 metro da altri utenti, dall’altro, in caso l’utilizzatore dovesse risultare positivo al coronavirus, ricostruisce tutti i contatti avuti con altre persone, grazie ad un sistema che memorizza in modo sicuro i dati utili, permettendo così di isolare velocemente potenziali focolai. A differenza di altre soluzioni utilizza protocolli proprietari wireless e tecnologia brevettata che lo rende immune da disturbi esterni con una sicurezza certa di misurare il contatto con altre persone.
Un prodotto versatile, disponibile anche in versione ‘stick’ da tenere in borsa, in tasca o sulla cintura, che non richiede l’utilizzo di app e che può essere usato sia all’interno di aziende private, in modo da garantire la sicurezza dei lavoratori e bloccare sul nascere la diffusione dei contagi, sia presso strutture aperte al pubblico: il braccialetto (nel pieno rispetto delle norme igienico-sanitarie) può essere infatti fornito ai visitatori al momento dell’ingresso in stabilimenti balneari, strutture ricettive (come alberghi, residence, villaggi vacanza), ristoranti, musei, mostre, ecc., per poi essere restituito al momento di abbandonare la struttura. Oltre ad avvisare in caso di mancato rispetto delle distanze minime, qualora un cliente di tali strutture dovesse risultare positivo al coronavirus, sarà possibile ricostruire i contatti di prossimità avuti nel medesimo ambiente – grazie a un codice identificativo ID che rispetta la privacy dell’utente – e bloccare in modo immediato il diffondersi dei contagi e la nascita di possibili focolai.

“Labby Light” è attualmente al vaglio di imprese e associazioni di categoria, cui l’adozione del braccialetto è stata proposta a tutela di dipendenti e clienti già a partire dalla fase 2 dell’emergenza coronavirus.



Contenuti correlati

  • Software per una smart factory personalizzata: GreenAnalysis di GreenCobot

    GreenAnalysis è il nuovo software di GreenCobot per l’industria 4.0, che realizza interconnessioni tra macchine, sensori di linea e i gestionali esistenti. Il software, inoltre, è in grado di realizzare analisi di dati, business intelligence e connessioni...

  • Edge e cloud: parliamo di sicurezza e protezione dei dati

    Veniamo ora alla sicurezza in ambito edge e cloud computing. Sappiamo che il problema della protezione e della sicurezza dei dati è delicato e in genere molte aziende sono restie a trasferire esternamente i propri dati di produzione....

  • Start-up, ripartiti gli investimenti nel primo semestre

    I numeri degli investimenti in start-up italiane nel primo semestre sono incoraggianti. 628 milioni di euro raccolti in 85 round, +135% ovvero più del doppio rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. Secondo i dati AIFi-Pwc anche...

  • Start-up e Pmi innovative, scelta per risparmiare sui capital gain

    Dal 1 giugno è ancora più conveniente investire in Start-up innovative e in Pmi innovative grazie a due misure introdotte con il Dl Sostegni bis (Dl 73/21 Art. 14), fermo restando l’autorizzazione della Commissione UE richiesta dal...

  • Innovazione, finanziamenti e opportunità per PMI in Lombardia

    Una serie di finanziamenti sostiene e promuove l’innovazione delle PMI in Regione Lombardia. Il Bando Brevetti 2021, aperto dal 3 giugno fino al 31 dicembre 2021. Si tratta di una misura volta all’ottenimento, da parte di MPMI...

  • A che punto è il software libero nell’automazione?

    Fra i primi soft skill che impari al primo anno di ingegneria, c’è la consapevolezza che non puoi aspettarti di tornare a casa, raccontare “Oggi abbiamo parlato di…”, e aspettarti di ricevere uno sguardo, non dico interessato,...

  • Aumentano start up e PMI innovative, con il digitale si batte la crisi 

    La pandemia non ha fermato la capacità di avviare imprese innovative, anzi questa è addirittura aumentata. È la buona notizia contenuta nel report pubblicato da Infocamere e da Anitec-Assimform, l’associazione di Confindustria che raggruppa le principali aziende del settore ICT. I numeri parlano...

  • Incentivi per startup e PMI innovative, ecco le FAQ

    Dal 22 marzo il MISE – Ministero dello Sviluppo Economico, ha pubblicato la pagina Domande e Risposte sugli incentivi fiscali in regime “de minimis” all’investimento in start up innovative e in PMI innovative. L’incentivo, introdotto con il...

  • Dalla Svizzera un premio per aiutare le PMI e le start up più innovative

    Un’iniziativa organizzata in collaborazione con la Global Chamber of Business Leaders e l’Istituto Milton Friedman. Prende il via quest’anno, a dispetto della pandemia di coronavirus e delle infauste previsioni sull’economia mondiale, la prima edizione del concorso internazionale destinato...

  • Online il programma di secsolutionforum

    Manca meno di un mese all’apertura dell’edizione 2021 di secsolutionforum che si svolgerà in formato digitale dal 28 al 30 aprile. L’evento sarà fruibile online e ricco di contenuti. Gli argomenti verranno trattati in modo approfondito, correlati...

Scopri le novità scelte per te x