Le maggiori sfide nell’implementazione della sicurezza industriale

Una ricerca Barracuda rivela che il 93% delle organizzazioni non ha portato a termine i progetti per la sicurezza IIoT/OT

Pubblicato il 9 agosto 2022

Barracuda Networks annuncia i risultati del report The State of Industrial Security in 2022. La ricerca globale commissionata da Barracuda ha coinvolto 800 responsabili IT, responsabili della sicurezza e project manager da cui dipendono i progetti IIoT (Industrial Internet of Things) e OT (Operational Technology) delle proprie organizzazioni per cogliere il loro punto di vista sul tema della sicurezza dei progetti IIoT/OT, dei problemi di implementazione, degli incidenti legati alla sicurezza, degli investimenti tecnologici e altri aspetti relativi alla cybersicurezza.

In generale, la ricerca dimostra come l’infrastruttura critica sia sotto attacco e, nonostante l’accordo unanime sul fatto che la sicurezza dell’IIoT e dell’OT siano fattori essenziali, le aziende stanno incontrando alcune sfide significative legate anche alle tensioni geopolitiche. Le violazioni della sicurezza hanno impatti che vanno oltre il danno economico e i tempi di downtime da queste causati innescano conseguenze anche di lunga durata. Nello specifico, la ricerca rivela che:

  • Gli attacchi sono endemici: il 94% delle organizzazioni ammette di avere avuto un incidente di sicurezza negli ultimi 12 mesi;
  • La situazione geopolitica è preoccupante: l’89% degli intervistati è molto o abbastanza preoccupato per l’impatto che l’attuale scenario delle minacce e la situazione geopolitica potranno avere sulle organizzazioni;
  • Le violazioni hanno un impatto significativo sulle organizzazioni: l’87% delle aziende vittime di un incidente ne ha subito le conseguenza per più di un giorno.

“Nello scenario attuale, le infrastrutture critiche sono un obiettivo interessante per i cybercriminali, ma sfortunatamente i progetti relativi alla sicurezza di IIoT e OT spesso finiscono in secondo piano rispetto ad altre iniziative per la sicurezza o falliscono a causa del costo e della complessità, mettendo a rischio l’intera organizzazione”, sottolinea Tim Jefferson, SVP, Engineering for Data, Networks and Application Security di Barracuda. “Aspetti come la mancanza di una segmentazione della rete e il numero di organizzazioni che non richiedono l’autenticazione a più fattori lasciano la rete esposta ad attacchi e richiedono un intervento immediato”.

Le organizzazioni sono consapevoli dell’importanza di investire ancora di più nella sicurezza IIoT e OT, come ammette il 96% degli intervistati. Il 72% delle aziende conferma di avere già implementato progetti di sicurezza IIoT/OT (o di essere sul punto di farlo), ma molte stanno incontrando difficoltà nell’implementazione, ad esempio per quanto riguarda una cyber igiene di base.

  • Manifatturiero e sanità sono indietro. Le organizzazioni con infrastrutture critiche sono le più avanti con l’implementazione: ad esempio, nel comparto oil & gas il 50% delle aziende ha già completato i progetti di implementazione della sicurezza. Per contro, nel manifatturiero e nella sanità solo il 24% e 17% rispettivamente ha già completato i progetti;
  • Molte aziende falliscono: il 93% delle aziende non ha portato a termine con successo i progetti per la sicurezza IIoT/OT;
  • Le implementazioni riuscite di piani per la sicurezza IIoT hanno un impatto positivo: tra le organizzazioni che hanno completato i progetti per la sicurezza IIoT/OT, il 75% non ha registrato alcuna conseguenza da tutti i maggiori incidenti subiti;
  • L’uso dell’autenticazione a più fattori (MFA) è modesto: solo il 18% delle aziende intervistate limita l’accesso alla rete o richiede l’autenticazione a più fattori per l’accesso remoto alle reti OT;
  • L’uso di MFA è poco diffuso anche nelle industry più critiche: settori verticali, come quello dell’energia (47%), concedono l’accesso completo da remoto a utenti esterni senza MFA.
  • Le competenze contano: meno della metà delle organizzazioni intervistate è in grado di applicare in autonomia gli aggiornamenti di sicurezza (49%);
  • Gli aggiornamenti manuali sono un ostacolo: le organizzazioni sono particolarmente colpite quando gli aggiornamenti di sicurezza non avvengono in modo automatico.

I dispositivi IIoT e OT continuano a essere un obiettivo importante per gli hacker, ma c’è speranza per le aziende che assumono un approccio proattivo. Le aziende dovrebbero implementare strumenti di risposta idonei: ad esempio, con l’uso di dispositivi di connettività end-point sicuri o firewall rafforzati, tutti implementati centralmente e gestiti attraverso un servizio cloud sicuro che possa consentire una segmentazione efficace della rete e una protezione avanzata dalle minacce, fornire l’autenticazione a più fattori e implementare l’accesso Zero Trust.

“Gli attacchi IIoT vanno oltre il mondo digitale e possono avere conseguenze anche nel mondo fisico”, aggiunge Klaus Gheri, Klaus Gheri, VP Network Security di Barracuda. “Nel momento in cui gli attacchi sono in crescita in tutti i settori, un approccio proattivo alla sicurezza industriale da parte delle aziende è fondamentale per evitare di essere le prossime vittime di un attacco”.

Fonte foto Pixabay_aichinger76



Contenuti correlati

  • I rischi della convergenza

    La convergenza IT-OT ha aumentato i rischi di attacchi cyber al mondo produttivo, con la necessità da parte delle aziende di dotarsi di difese efficaci: le self-defending network sono reti in grado di proteggersi da sole Leggi...

  • Protagonista, il software industriale

    Il software industriale ha un ruolo centrale nella transizione digitale in atto, e questo è confermato dalla crescita costante del comparto che non si è mai arrestata anche in anni particolarmente difficili. E sono ancora molte le potenzialità...

  • Da Copa-data, zenon: HMI per la gestione semplificata della complessità

    La smart factory è ormai chiamata a una flessibilità produttiva che risponde alle logiche della mass customisation, dove l’IoT – Internet of Things, permette di disegnare strategie in base ai dati raccolti, elaborati e visualizzati. La complessità...

  • Macchine Connesse: a Piacenza si sono incontrati i costruttori

    MindSphere World mette a fattor comune competenze digitali e soluzioni al servizio delle aziende, promuovendo tra queste una rete di collaborazioni commerciali standard per la creazione di sinergie di business vincenti su scala globale. Alla base dell’operatività...

  • Edge device: cos’è e come funziona

    Gli edge device sono componenti importanti per l’applicazione dell’Industrial Internet of Things, ma allo stesso tempo è possibile trovare applicazioni IIoT in cui non è necessario averne uno per ottenere dei vantaggi. Si potrebbe visualizzare lo stesso...

  • Trend Micro: il metaverso potrebbe dare un nuovo impulso al cybercrime

    Il metaverso potrebbe dare un nuovo impulso al cybercrime. L’allarme è di Trend Micro, leader globale di cybersecurity, che ha pubblicato un nuovo studio, dal titolo “Metaverse or MetaWorse? Cyber Security Threats Against the Internet of Experiences”....

  • Cybersecurity: Bitdefender proteggerà la Scuderia Ferrari

    Bitdefender ha siglato un accordo di collaborazione pluriennale con Ferrari per diventare partner globale per la cybersecurity della nota Scuderia. “Siamo lieti di intraprendere questa nuova partnership con Bitdefender, con cui condividiamo valori come il massimo livello...

  • TrendMicro ransomware Italia
    Italia bersaglio del ransomware: colpito il 58% delle organizzazioni

    Il 58% delle organizzazioni italiane è stato colpito da un attacco ransomware negli ultimi tre anni e il 57% del campione ha visto almeno un’altra azienda all’interno della propria supply chain cadere vittima dei cybercriminali. Il dato...

  • Digitalizzazione delle imprese italiane, a che punto siamo?

    Spesso le imprese sono molto ottimiste quando valutano il proprio livello di digitalizzazione, pensano di essere più evolute in ambito di Digital Transformation, di quanto lo siano realmente. Le opportunità sono spesso state identificate come applicazione di un dato sistema o...

  • Come colmare il gap tra sicurezza e innovazione

    Il concetto di sicurezza è tradizionalmente visto come un ostacolo all’innovazione. I team DevOps vogliono essere liberi di esplorare la propria creatività e abbracciare tecnologie cloud-native, come Docker, Kubernetes, PaaS e le architetture serverless, ma la sicurezza...

Scopri le novità scelte per te x