La tecnologia PJM di Sato impiegata in Italia per la movimentazione di protesi

Pubblicato il 8 novembre 2022
Sato PJM tags

La tecnologia PJM (Phase Jitter Modulation), nata per rendere efficienti i processi logistici con movimentazione di numerosi piccoli oggetti di valore elevato, è oggi utilizzata anche in Italia per gestire in modo efficiente e sicuro la movimentazione di protesi ortopediche.  Si tratta di una tecnologia RFID HF (High Frequency – elevata frequenza 13,56 Mhz), le cui principali caratteristiche sono la velocità e la precisione di lettura, garantite a prescindere dalla distanza fra un trasponder e l’altro e dall’orientamento degli stessi.

Il primo paese a utilizzarla in modo significativo è stato l’Australia, dove è stata scelta dagli ospedali per gestire i processi di accettazione e di reso dei materiali necessari per gli interventi di protesi ortopedica. Con gli anni si è imposto come “standard de facto” del settore sanitario del paese, e i produttori di protesi hanno potuto apprezzare i vantaggi di questa tecnologia RFID, che migliora l’efficienza di un processo logistico particolarmente complesso ed è in grado di gestire anche il rientro di materiali non utilizzati: non è possibile, infatti, definire in anticipo le caratteristiche di tutti gli elementi che saranno impiantati sul paziente. Solo il 10% dei pezzi forniti, circa un centinaio, è effettivamente utilizzato: i restanti sono restituiti al produttore che deve attivare un processo di “reverse logistics”, logistica di ritorno, particolarmente oneroso in quanto si tratta di centinaia di piccoli pezzi da identificare e far rientrare in magazzino. E’ un’applicazione nella quale la tecnologia RFID convenzionale ha alcuni limiti che rallentano notevolmente il processo, PJM invece, che permette la lettura massiva di etichette molto vicine posizionate in modo casuale ed è compatibile con le tecniche di sterilizzazione a raggi X, Gamma o E.beam, ottimizza i tempi in modo significativo.

Sato detiene il brevetto della tecnologia PJM, sviluppata da ricercatori australiani oggi parte del gruppo di Ricerca e Sviluppo dell’azienda, ed è l’unico fornitore che produce tutti i componenti necessari al suo utilizzo: stampanti, lettori ed etichette. PJM è conforme al cento per cento con lo standard ISO 18000 – 3 Mode 2, i tag PJM hanno una velocità di trasferimento dati di 424 kbit al secondo e una velocità massima effettiva di risposta di 848 kbit. Sono inoltre dotati di un sistema anticollisione esclusivo che permette ai lettori di leggere fino a 32.000 cartellini simultaneamente.

A differenza della tecnologia RFID standard, il campo di lettura PJM è tridimensionale. Grazie a questa particolarità operativa, i tag vengono letti senza errori a prescindere da orientamento e posizione. Ciò significa che non è necessario predisporre accuratamente le merci etichettate prima di posizionarle nel lettore a tunnel. Sato arriva addirittura a garantire una precisione del 100% anche in caso di tag letteralmente sovrapposti l’uno all’altro.

“L’affermarsi della tecnologia PJM in Italia è molto importante perché ci dà modo di confermare il posizionamento di Sato come azienda all’avanguardia nella tracciabilità di merci di qualunque tipo e valore, fra cui quelle ad elevato valore come ad esempio il settore sanitario, nel quale i vantaggi sono significativi oltre che per gli ospedali, per i fornitori. Un’altra applicazione interessante alla quale Sato sta lavorando è la tracciabilità delle sacche di sangue, PJM è infatti compatibile al cento per cento con le linee guida definite dalla Società Internazionale di Trasfusioni di Sangue (ISBT- International Society of Blood Transfusion)”, afferma Simone Bizzarri, Project Manager per Sato Italia.



Contenuti correlati

  • A SPS Italia Lenze trasforma l’automazione in una strategia vincente per tutti

    Lenze è uno dei pochi fornitori sul mercato ad offrire un portafoglio completo, aperto e scalabile che spazia dagli elementi di azionamento alle soluzioni cloud, supportando i clienti nella trasformazione digitale. La meccatronica, i sistemi, la digitalizzazione...

  • Logistica e intralogistica: qual è il futuro?

    Il settore della logistica e intralogistica sta vivendo un periodo di rapida evoluzione, legato all’introduzione di nuove tecnologie in risposta a una serie di criticità. Ne parliamo qui con: Enzo Tumminaro, country manager di Zebra Italia, Donato...

  • Sensori intelligenti per qualsiasi esigenza in mostra a SPS Italia 2024

    Non esiste applicazione industriale per la quale wenglor, azienda tedesca che sviluppa, produce e commercializza sensori intelligenti, dispositivi di sicurezza e sistemi avanzati di elaborazione di immagini, non abbia la soluzione più adatta. E sarà proprio la dodicesima edizione di...

  • Tecnologia Rfid plasmabile con la nuova Flex Antenna da Rfid Global

    RFID Global, il distributore a valore aggiunto di sistemi RFID, NFC e Bluetooth Low Energy, annuncia l’ingresso nel catalogo prodotti della nuova RFID UHF Flex Antenna: il dispositivo dalla forma piatta integra l’antenna Locfield che, essendo costituita...

  • Come sarà il magazzino del futuro?

    Con i moderni sistemi di trasporto automatico il magazzino prossimo venturo potrà essere flessibile, interconnesso e smart. Per arrivare a centrare l’obiettivo, LCS e SEW-Eurodrive hanno sviluppato una soluzione completa e integrata per la smart factory di...

  • Logistica ‘doc’ per il mobile di lusso

    Il mobile di lusso è una icona del Made in Italy e la gestione logistica di simili arredi è un’attività che deve rispondere ai più elevati criteri di eccellenza e professionalità. È questa l’esperienza di De Girolami,...

  • La logistica ‘del futuro’

    Le prospettive della logistica, alle prese con esigenze crescenti di velocità e precisione, aumento dei costi e incertezza economica, e le soluzioni di Zebra Entro i prossimi 5 anni la maggior parte dei responsabili di magazzino a...

  • Crisi nel Mar Rosso: effetti sulle imprese italiane e sul commercio internazionale

    Allianz Trade ha pubblicato oggi un Rapporto dal titolo “La crisi nel Mar Rosso: effetti sulle imprese italiane e sul commercio internazionale”. Si tratta di un’indagine – svolta a marzo – su un campione di 500 esportatori...

  • Nuova generazione di unità display IQAN-MD5 da Parker Hannifin

    Parker Hannifin sta per trasformare il settore HMI (Human-Machine Interface) con l’ampliamento della serie IQAN-MD5 di unità display completamente programmabili con funzionalità grafiche, diagnostiche e di gateway CAN: la serie è ora disponibile nelle versioni da 5 e 8...

  • Da Lika, encoder incrementale SME9 per applicazioni lineari e rotative

    L’ encoder incrementale ad alta velocità SME9 di Lika Electronic è perfetto per le esigenze di controllo del movimento in motori lineari e stampanti e offre un’accuratezza superiore a 10 µm a velocità elevate fino a 100 m/s....

Scopri le novità scelte per te x