La guerra si combatte a colpi di ransomware

Pubblicato il 28 marzo 2022

Il conflitto Ucraina- Russia ha fatto assumere alla cybersicurezza un ruolo di eccezionale rilievo, poiché le ritorsioni da ambo le parti rappresentano una minaccia globale non solo per le aziende e le organizzazioni, ma anche per qualsiasi infrastruttura pubblica. Stiamo constatando, con l’evolvere degli eventi, che nel 2022 la parola “guerra” non è più soltanto legata allo sgancio di bombe o al combattimento fra eserciti. Attraverso la rete è possibile scatenare una guerra informatica dalle conseguenze devastanti, non tanto differenti da un attacco militare. Interruzioni di energia elettrica, la messa fuori uso dei dispositivi e dei dati in essi contenuti, come anche l’interruzione di internet, sono fra i possibili scenari estremi. Se poi si prova a immaginare le conseguenze che potrebbero manifestarsi se venissero colpite infrastrutture critiche oppure l’erogazione di servizi essenziali, la situazione diventerebbe molto seria con risvolti inimmaginabili. Non solo, anche i mezzi di informazione sono nel mirino delle minacce informatiche, e in questo caso lo scenario sarebbe ancora peggiore, poiché sono fin troppo noti gli effetti che la distorsione mirata delle informazioni possa causare sulla società: sfiducia, malcontento e anche l’escalation della violenza. Un esempio concreto è stato il continuo botta-risposta di attacchi che hanno colpito le piattaforme mediatiche russe ed europee con la diffusione di notizie fuorvianti; la guerra oggi si combatte anche in questo modo e nessuno è in grado di stabilire cosa sia peggio, se le conseguenze dovute ad azioni di questo tipo o a seguito di quelle militari.

Gli attacchi DDoS o malware come l’ultimo HermeticWiper, diffuso per attaccare le reti ucraine, ma destinato a proliferare anche al di fuori dei confini, costituiscono fonte di preoccupazione sia per l’Europa che per le altre nazioni.  La capacità di diffusione di questo tipo di minacce è molto rapida e fortificata dai rapporti economico commerciali via web.

Anche in Italia questo aspetto non è da sottovalutare e in merito a ciò, fin dal primo giorno in cui si è verificato l’attacco all’Ucraina, l’Agenzia per la cybersicurezza italiana aveva lanciato l’allarme sul probabile arrivo di cyber-minacce, invitando PA ed aziende a provvedere al rafforzamento delle misure di cybersicurezza. Situazioni come questa, infatti, rappresentano un reale pericolo per tutti, nessuno escluso, perché il cyber-rischio deriva anche da eventuali “effetti collaterali” dovuti alla circolazione in rete delle minacce. Pertanto, non è un’ipotesi improbabile quella che una minaccia diffusa in rete con un determinato obiettivo, finisca per colpirne molti altri non inizialmente considerati come target.

Questo e altri argomenti saranno trattati in occasione di Secsolutionforum 2022, che si svolgerà online dal 26 al 29 aprile 2022. Secolutionforum è uno spazio virtuale dedicato all’incontro e all’interazione fra aziende e professionisti. Installatori, system integrator, progettisti, consulenti privacy, DPO, Security Manager e Pubblica Amministrazione potranno allargare le proprie competenze e condividere problematiche e soluzioni attraverso l’interazione diretta con i massimi esperti del settore.

Fonte foto Pixaay_geralt



Contenuti correlati

  • Affrontare il futuro con l’agritech

    Quando si parla di connettività, tecnologie IoT e 5G, ma anche digitalizzazione e blockchain, si pensa all’industria di nuova generazione. Tuttavia, le nuove tecnologie hanno già fatto il loro ingresso anche nel settore agricolo Leggi l’articolo

  • Direttiva NIS2: un “new normal” per la cybersecurity europea

    Il 10 novembre il Parlamento Europeo ha approvato, a larga maggioranza, la Direttiva NIS2 (Network and Information System Security). Si tratta del primo tentativo di rafforzare il livello globale di cybersicurezza tra i 27 Paesi e di...

  • Secsolutionforum 2022: il programma

    Mancano circa venti giorni all’apertura dell’edizione 2022 di secsolutionforum che si svolgerà in formato digitale dal 26 al 29 Aprile. L’evento anche quest’anno si svolgerà online e sarà ancora più ricco di contenuti: verranno trattati diversi argomenti...

  • Il cloud è sotto attacco Crypto Mining

    I sistemi cloud sono sotto attacco Crypto Mining e i gruppi cybercriminali dediti al mining di crypto valute si sfidano per accaparrarsi il maggior numero di risorse possibile. Il dato emerge da “A Floating Battleground. Navigating the...

  • Attacco ransomware alla sanità

    Sirius Healthcare e Semperis sono riusciti a contrastare gli effetti devastanti di un attacco ransomware mettendo in atto il rafforzamento della posizione di sicurezza Leggi l’articolo

  • Ogni 7 attacchi ransomware viene pubblicata documentazione critica sui sistemi OT

    A seguito di mesi in cui Mandiant ha rilevato e analizzato terabyte di dati, trafugati e pubblicati sul dark web nel corso di attacchi ransomware, gli esperti dell’azienda hanno scoperto che 1 leak su 7 subito dalle...

  • La cybersicurezza negli ambienti OT

    Cinque strategie consigliate degli esperti di Paessler per monitorare nel migliore dei modi le reti OT (Operational Technology) e attuare piani di cybersecurity efficaci Leggi l’articolo

  • Cresce il mercato cybercriminale della vendita di accessi a reti e aziende

    La recente ondata di attacchi ransomware è in gran parte dovuta all’esplosione del fenomeno cybercriminale dell’Access-as-a-Service, che negli ultimi due anni ha preso sempre più piede all’interno dei mercati cybercriminali. A rivelarlo è “Investigating the Emerging Access-as-a-Service...

  • Costruire la sicurezza informatica per l’industria

    Si è da poco concluso il workshop online organizzato da Anipla, Associazione Nazionale Italiana per l’Automazione, sul tema della sicurezza informatica nel mondo della produzione. Questa ‘Giornata Anipla’ aveva titolo “Cyber Security per l’Industria” ed era coordinata...

  • Cybersicurezza: cosa ci riserva il 2022?

    di Guido Grillenmeier, Chief Technologist di Semperis L’innalzamento del grado di sicurezza delle reti è direttamente proporzionale all’esperienza che gli hacker hanno raggiunto – e anche la loro disponibilità economica generata dai riscatti. Prendiamo in esame quelle...

Scopri le novità scelte per te x