Kaspersky rivela il livello di adozione della GenAI nelle aziende italiane

Pubblicato il 28 dicembre 2023

Un tempo considerata una novità tecnologica, la GenAI si è trasformata in una vera e propria risorsa aziendale in grado di automatizzare ed eseguire una vasta gamma di attività. Nonostante la maggioranza degli intervistati in Italia abbia dichiarato di averne discusso nei consigli di amministrazione (94%) e di dover capire meglio in che modo i dati sono utilizzati dai dipendenti (87%) per evitare di incorrere in gravi rischi per la sicurezza o perdite di dati, i risultati suggeriscono che i dirigenti C-Level hanno già perso il controllo su diffusione, supervisione e finalità della GenAI all’interno delle aziende. La ricerca rivela, infatti, che solo il 31% ha approfondito le questioni riguardanti le funzionalità e le conseguenze della GenAI e solo il 28% ha discusso di stabilire norme e regolamenti per monitorare l’uso della GenAI.

“Proprio come il fenomeno BYOD, la GenAI offre notevoli vantaggi in termini di produttività alle aziende italiane ma, nonostante i nostri risultati rivelino che i dirigenti aziendali ne ammettono chiaramente la diffusione all’interno delle proprie organizzazioni, la portata e le finalità di utilizzo non sono ancora chiare. Poiché l’evoluzione della GenAI non mostra segni di rallentamento, più a lungo queste applicazioni operano senza controllo, più sarà difficile monitorarle e renderle sicure in tutte le principali aree aziendali, come le risorse umane, l’amministrazione, il marketing e persino l’IT”, ha dichiarato Cesare D’Angelo, General Manager Italy & Mediterranean di Kaspersky.

Per funzionare in modo efficace, la GenAI si basa sull’apprendimento continuo grazie all’inserimento di dati: ogni dato inserito in un’applicazione da un dipendente viene immediatamente trasmesso all’esterno dell’organizzazione, come se si trattasse di una diffusione involontaria di dati. La preoccupazione dei consigli di amministrazione per l’eventuale perdita di dati è reale: più della metà dei dirigenti si dice seriamente allarmata per la possibilità che i dipendenti possano rivelare dati sensibili dell’azienda (53%) e dei clienti (52%) quando inseriscono informazioni nelle piattaforme GenAI.

Nonostante queste preoccupazioni, i risultati rivelano che quasi la metà dei dirigenti prevede di sfruttare la GenAI per automatizzare le attività ripetitive che i dipendenti (48%) o loro stessi (46%) svolgono quotidianamente, piuttosto che per sostituire il personale (16%). Inoltre, il 47% dei dirigenti C-Suite ritiene che in futuro la GenAI possa essere un’opportunità per colmare il gap in termini di competenze. Malgrado i rischi per la sicurezza evidenziati, 3 dirigenti su 10 (29%) hanno dichiarato di essere favorevoli ad automatizzare i dipartimenti IT e di cybersecurity utilizzando la GenAI.

“Si potrebbe pensare che la possibilità di perdere dati sensibili così come il controllo delle unità aziendali più importanti possa far riflettere i dirigenti aziendali, ma i nostri risultati rivelano che non è così. Attualmente più di un terzo dei C-Level sta valutando la possibilità di delegare alcune attività e funzioni rilevanti all’Intelligenza Artificiale, senza considerare che in caso di problemi potrebbero dover affrontare gravi ripercussioni economiche e reputazionali. Prima che questo accada, è fondamentale comprendere a fondo come vengono gestiti i dati così come implementare solide policy che precedano qualsiasi ulteriore integrazione della GenAI nell’ambiente aziendale”, ha aggiunto Cesare D’Angelo.

Metodologia: la ricerca è stata condotta da Censuswide tra il 25 settembre e il 2 ottobre 2023, intervistando 1.863 dirigenti C-Level in Regno Unito, Francia, Germania, Spagna, Italia, Romania, Paesi Bassi e Grecia.



Contenuti correlati

  • Seco Axelera AI
    Seco e Axelera AI, progetti condivisi per la computer vision e la GenAI

    Seco intensifica la propria collaborazione con Axelera AI nel campo della Computer Vision e dell’AI Generativa sull’Edge. Axelera AI rappresenta una pietra angolare nella strategia a lungo termine di Seco sull’Intelligenza Artificiale. Fornendo un ecosistema ottimizzato per...

  • Monitoraggio e analytics per un cambio di passo nella manifattura

    La digitalizzazione ha rivoluzionato il modo in cui le aziende operano sul mercato, generando crescenti opportunità per identificare, creare e sfruttare nuovi tipi di business model, soluzioni e servizi, anche nel contesto di settori tradizionali e consolidati...

  • IDC GenAI
    La GenAI primo motore degli investimenti infrastrutturali

    Secondo la più recente Worldwide Future of Digital Infrastructure Sentiment Survey di IDC, quasi otto aziende su dieci hanno dichiarato di ritenere l’infrastruttura digitale “importante” o “mission critical” per il successo delle proprie iniziative di business. La...

  • Un’indagine commissionata da Getac mette in evidenza il ruolo della tecnologia rugged

     Getac Technology Corporation, tra i principali produttori di tecnologia rugged, ha annunciato i risultati del report che ha commissionato ad IDC dal titolo “Redefining Total Cost of Ownership: Rugged Technologies to Empower Industrial Operation2”, Aprile 2024. I risultati...

  • nvidia-omniverse-cloud-Rockwell
    Rockwell Automation e Nvidia per l’integrazione dell’intelligenza artificiale nel manifatturiero

    Rockwell Automation collabora con Nvidia per accelerare un’architettura industriale di nuova generazione. A livello globale, l’industria manifatturiera ha un valore di 15 trilioni di dollari e si riferisce a tutto ciò di cui l’uomo ha bisogno per...

  • Come prepararsi alla GenAI

    L’implementazione di tecnologie intelligenti sta influenzando diversi ambiti e processi aziendali, con un impatto profondo e trasformativo. Se l’automazione 4.0 e l’Internet delle Cose (IoT) hanno incrementato l’efficienza operativa della produzione e della logistica, l’intelligenza artificiale generativa...

  • Cybersecurity e la minaccia degli attacchi GenAI

    In tema di sicurezza informatica, Trend Micro ha annunciato i dati dello studio annuale sulle minacce più pericolose previste. L’ampia disponibilità e la qualità dell’intelligenza artificiale generativa sarà la causa principale di un cambiamento epocale negli attacchi...

  • Fintech, blockchain e GenAI in sinergia per innovare l’universo finanziario

    La rivoluzione digitale prosegue senza sosta anche nel settore della tecnofinanza. La gestione digitale di transazioni economiche e processi di complessità crescente sta però creando l’esigenza di maggior affidabilità e sicurezza nell’adozione delle fintech. Leggi l’articolo

  • SolidWorld MECSPE_2024
    PNRR per il rilancio del manifatturiero

    Il PNRR contribuisce alla crescita e alla transizione digitale delle imprese del manifatturiero, che hanno usufruito degli incentivi 4.0 per realizzare importanti investimenti, altrimenti difficilmente realizzabili. Le aziende del settore si preparano ora a recepire il Piano Transizione 5.0,...

  • Cybersecurity 2024: 5 previsioni

    Sono 5 le previsioni che emergono dal consueto studio annuale di Trend Micro sulle minacce più pericolose del prossimo futuro, incentrate su un uso sempre più pervasivo della GenAI, sia lato attacchi, sia sul fronte della difesa...

Scopri le novità scelte per te x