Transizione 4.0, ecco le stime sull’impatto dell’incentivo

Il governo ha rivisto le stime dell’impatto dell’agevolazione fiscale anche alla luce dell’incremento delle risorse con quelle del Fondo complementare

Pubblicato il 25 maggio 2021

Il PNRR inviato a Bruxelles contiene le stime sugli effetti che derivano dal piano di incentivi fiscali Transizione 4.0, finanziato in parte proprio con le risorse del Recovery Fund.

Si stima che in totale saranno coinvolte 91 mila imprese che beneficeranno dell’agevolazione sotto forma di credito d’imposta, così ripartite: 26.900 per l’acquisto di beni materiali, 41.500 in beni immateriali, prevalentemente software, 20.600 per investimenti in ricerca, innovazione e design e infine circa 2.000 per attività di formazione legate alla transizione digitale 4.0.

Le risorse previste dal recovery fund pari a circa 13,5 miliardi di euro sono state integrate da quelle del Fondo complementare con quasi 5,1 miliardi, per complessivi circa 18,6 miliardi di euro.

La possibilità di cedere a terzi (istituti bancari compresi) il credito d’imposta è sfumata per il parere negativo della Ragioneria di Stato sui conti pubblici. Non si esclude però che la misura, su proposta del M5S, possa rientrare con un emendamento al Fondo complementare nazionale.

Di certo è che la durata del piano di incentivi è fino al 2022 e guardando solo al biennio 2020-21 le stime del governo ipotizzano una platea di 56.300 imprese beneficiarie, di cui 45 mila per l’acquisto di beni strumentali 4.0.

Fonte foto – Transizione 4.0: immagini, foto stock e grafica vettoriale | Shutterstock

Franco Metta



Contenuti correlati

  • Verso la revisione organica delle agevolazioni alle imprese

    Con la Nadef il governo ha fatto il punto sulla situazione in essere e non nasconde l’obiettivo di procedere a una revisione organica degli incentivi alle imprese in ottica di semplificazione e potenziamento Leggi l’articolo

  • ITS, al via le domande di incentivi per 15 milioni

    Entro il 3 dicembre gli ITS (Istituti Tecnici Superiori) potranno richiedere agevolazioni per l’acquisto di beni strumentali, materiali e immateriali, macchinari e servizi che rientrano nell’ambito del Piano nazionale Industria 4.0. Il ministero dello Sviluppo economico ha...

  • Made in Italy, incentivi per partecipare a fiere internazionali

    Dal 22 novembre le associazioni rappresentative delle categorie produttive, i consorzi di tutela e altri organismi di tipo associativo e cooperativo del made in Italy potranno richiedere le agevolazioni per la promozione all’estero di marchi collettivi e...

  • PIL, livelli pre-crisi già a metà 2022

    Migliorano secondo l’istituto di ricerca Prometeia le stime di crescita del PIL italiano nel 2021. Dovrebbe crescere infatti del 5,3% rispetto 4,7% delle previsioni di marzo, e più del tasso di crescita medio previsto per l’Eurozona stimato...

  • Start-up, ripartiti gli investimenti nel primo semestre

    I numeri degli investimenti in start-up italiane nel primo semestre sono incoraggianti. 628 milioni di euro raccolti in 85 round, +135% ovvero più del doppio rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. Secondo i dati AIFi-Pwc anche...

  • Prestiti, via alla rimodulazione con il Fondo di garanzia per le PMI

    Prima ancora del semaforo verde dell’UE del 29 giugno alle modifiche introdotte dal Dl Sostegni bis alle modalità di erogazione dei prestiti concessi dal Fondo di Garanzia per le PMI, la circolare n. 6 del 20 giugno...

  • Ucimu, incentivi strutturali per svecchiare il parco macchine

    Nel 2019 l’età media dei macchinari di produzione presenti nelle imprese metalmeccaniche del Paese era di 14 anni e 5 mesi, la più alta mai registrata dal 1975. Il parco macchine utensili e sistemi di produzione risulta...

  • Start-up innovative, al via l’incentivo Smart Money

    Da pochi giorni è aperto lo sportello Smart Money che su iniziativa del MISE (tramite piattaforma Invitalia) offre incentivi alle startup innovative. È possibile richiedere un contributo a fondo perduto fino a be pari all’80% delle spese...

  • Dagli emendamenti al Dl Sostegni bis nuova linfa per la ripresa

    Prendono corpo dopo le riunioni al Ministero dello Sviluppo Economico e in commissione bilancio alla Camera le ipotesi sui possibili emendamenti al decreto Sostegni bis. In primis il rifinanziamento della nuova Sabatini, la legge che incentiva l’acquisto...

  • Start-up e Pmi innovative, scelta per risparmiare sui capital gain

    Dal 1 giugno è ancora più conveniente investire in Start-up innovative e in Pmi innovative grazie a due misure introdotte con il Dl Sostegni bis (Dl 73/21 Art. 14), fermo restando l’autorizzazione della Commissione UE richiesta dal...

Scopri le novità scelte per te x