Il nuovo DPCM ferma MecSpe 2020: i danni sono ingenti

Fra le più importanti fiere internazionali, punto di riferimento di industria 4.0 e del settore della meccanica specializzata, MecSpe 2020 era in piena fase di allestimento: previsti oltre 1.350 espositori in 60.000 mq di superficie espositiva

Pubblicato il 27 ottobre 2020

MecSpe conta i danni provocati dal repentino cambio di direzione del nuovo DPCM del 25 ottobre, che all’art. 9 vieta l’organizzazione delle “fiere di qualsiasi genere”. La fiera, punto di riferimento delle tecnologie per l’innovazione e Industria 4.0 nel settore della manifattura, inizia dunque a smontare gli stand e a disinstallare i macchinari che componevano le sue aree dimostrative e che erano già in piena fase di posizionamento. Era, infatti, prevista a Parma dal 29 al 31 ottobre, era stata confermata dal DPCM del 18 ottobre e aveva già avviato il 24 ottobre le attività per installare circa 60.000 mq di superficie espositiva in 6 padiglioni, seguendo tutti i protocolli sanitari per accogliere il pubblico in sicurezza e garantire il pieno rispetto delle norme governative anti pandemiche.

“È un duro colpo, sia per la fiera sia per le aziende del settore che apprezzano da 19 edizioni MecSpe trovandovi nuove tecnologie, soluzioni per tutte le filiere produttive e formazione continua, nonché un momento unico per fare scambi commerciali e ordinativi” commenta Ivo Nardella, Presidente di Senaf, Gruppo Tecniche Nuove (in foto). “Il nuovo DPCM del 25 ottobre ha contraddetto il precedente senza tenere conto dei tempi di pianificazione di una manifestazione professionale come MecSpe che è, e rimane, per il settore della meccanica specializzata una tre giorni di lavoro imprescindibile per pianificare la ripresa”.

“Il settore della meccanica” prosegue Nardella “incide per l’8,1% sul valore aggiunto dell’intera economia, per il 6,1% sull’occupazione e se pensiamo che solo in Emilia Romagna, regione in cui si tiene la manifestazione, la filiera della meccanica costituisce il 56,5% delle esportazioni, si capiscono meglio i confini dei danni che per il settore comporta questa decisione. Peraltro ci risulta non siano stati previsti momenti di confronto né con Confindustria, né tantomeno con AEFI. Una fiera che ha un impatto professionale su quasi 90.000 lavoratori tra imprenditori, operai specializzati, tecnici, ingegneri e che traina un settore strategico per la ripresa del Paese, non può e non deve essere messa alla stessa stregua di una sagra di paese, senza nulla togliere a queste manifestazioni. Ci auguriamo di essere convocati dal Ministro dell’Economia e delle Finanze, Roberto Gualtieri, per valutare l’entità dei danni e vogliamo ringraziare tutte le imprese, le associazioni settoriali e territoriali che hanno deciso di essere parte di MecSpe, scusandoci enormemente per i disagi che comporta la decisione annunciata ieri dal Presidente del Consiglio dei Ministri, Giuseppe Conte”.

I numeri di MecSpe 2020 – Parma 
60.000 mq di superficie espositiva, oltre 1.350 aziende presenti, 2.000 mq di ‘Gamification: la Fabbrica senza Limiti’, 12 saloni tematici e 77 iniziative speciali. A partire dal 2021, MecSpe proseguirà il proprio sviluppo internazionale trasferendosi nel quartiere fieristico di BolognaFiere.



Contenuti correlati

  • Tech boys and girls: Federica Bondioli

    La ricercatrice di questo mese è Federica Bondioli. Anche con lei, come da tempo siamo abituati a fare, iniziamo a dialogare per riuscire, anche solo in parte, a divulgare gli enormi progressi che sta compiendo la ricerca...

  • Gli sviluppi tecnologici del diritto societario

    Nella pubblicazione viene affrontato il tema dell‘introduzione delle tecnologie digitali negli assetti organizzativi e nei meccanismi di corporate governance interrogandosi anche sul corretto equilibrio tra benefici attesi e rischi potenziali Leggi l’articolo

  • Hannover Messe 2022, un ritorno in presenza al momento giusto

    Si è conclusa la prima Hannover Messe in presenza dopo due anni di pandemia. Espositori e organizzatori tracciano un bilancio pienamente positivo. Hannover Messe ha dimostrato che la trasformazione industriale procede a grandi passi e che l’industria...

  • La manifattura italiana torna a incontrarsi alla 20ᵃ edizione di MECSPE

    Tutto pronto per la 20ᵃ edizione di MECSPE, la fiera più importante in Italia dedicata alla manifattura organizzata da Senaf, in programma dal 9 all’11 giugno a BolognaFiere. Anche quest’anno grande partecipazione di imprese: ad oggi sono...

  • EPHJ, la più grande fiera svizzera, festeggia il suo ventesimo anniversario con un’edizione promettente

    Nel settembre 2021, EPHJ è stato il primo salone a riaprire in Svizzera dopo la crisi sanitaria. Una scelta audace accolta con favore dai leader dell’alta precisione che vi hanno partecipato e dai visitatori, la cui qualità...

  • Le principali novità a SPS Italia 2022 e le iniziative da non perdere

    SPS Italia è finalmente pronta per accogliere a Parma espositori e visitatori, dal 24 al 26 maggio. “La manifestazione registra oltre il 90% di riconferme dall’ultima edizione, con un incremento del 15% di nuovi espositori” ha commentato Donald...

  • Adesioni secondo le attese per Xylexpo 2022

    “Sarà una edizione ricca” ha affermato Dario Corbetta, direttore di Xylexpo, biennale internazionale delle tecnologie per l’industria del mobile e il mondo del legno, in programma a Milano Fiera-Rho dal 12 al 15 ottobre prossimi, “che torna...

  • Formazione 4.0: MecSpe inaugura la Live Academy durante la 20ᵃ edizione

    La digitalizzazione accelera e la domanda di competenze altamente specializzate, in fabbrica e in azienda, cresce sempre di più in Italia. E se secondo l’ultimo Osservatorio MECSPE di Senaf sul III quadrimestre 2021 , il 71% delle...

  • Credimi Ignazio Rocco, Founder & Ceo
    Credimi: 350 milioni di euro a sostegno delle PMI italiane

    Prosegue “Perseveranza”, l’operazione lanciata nell’aprile 2021 da Credimi e sviluppata con la partecipazione di primari operatori del settore finanziario. Ai 200 milioni stanziati inizialmente vengono oggi aggiunti ulteriori 150 milioni di euro, portando il totale dell’operazione a...

  • Robotica contro il Covid-19

    Il sistema robotico Agamede è stato progettato per accelerare la diagnosi del virus Sars-CoV-2. Grazie alla combinazione di AI e automazione, è in grado di analizzare 15.000 singoli campioni al giorno Leggi l’articolo

Scopri le novità scelte per te x