Il 3 febbraio arriva sul mercato myPNOZ: sicurezza ‘taylor made’

Il 3 febbraio 2021 Pilz porrà un’altra pietra miliare nell’automazione sicura con myPNOZ, il nuovo modulo di sicurezza che unisce innovazione e tradizione

Pubblicato il 16 gennaio 2021

Pilz lancerà ufficialmente sul mercato il 3 febbraio myPNOZ: una nuova generazione di moduli di sicurezza, prima al mondo a essere prodotta in lotti da 1. “Ma l’innovazione non sta solo nel prodotto, tutto il processo produttivo è stato rivisto e modernizzato in linea con il concetto di Industria 4.0 e di una produzione che deve essere conveniente anche se a volumi pari a 1, come richiedono le attuale crescenti esigenze di personalizzazione dei clienti” ha sottolineato Susanne Kunschert, Managing Partner di Pilz GmbH & Co. KG, in occasione della presentazione del prodotto in anteprima alla stampa specializzata.

Il nuovo processo produttivo è completamente digitale e include le fasi di creazione, simulazione e ordinazione. “Per questo nostro nuovo modulo di sicurezza abbiamo ideato un processo completamente innovativo, dalla creazione all’ordinazione e alla consegna” ha illustrato quindi Harald Wessels, Vice Presidente Product Management di Pilz GmbH & Co. KG. “I clienti creano il proprio modulo di sicurezza grazie al tool online myPNOZ Creator. Ovunque si trovino nel mondo e per la prima volta in questo settore, i clienti possono configurare autonomamente il proprio prodotto che verrà poi fornito, in lotti da uno, già assemblato e pronto per l’utilizzo”.

Susanne Kunschert, Managing Partner di Pilz GmbH & Co. KG

Il prodotto si rivolge in generale al settore dell’automazione nella costruzione di macchine e impianti, anche se il modulo di sicurezza può essere utilizzato in numerosi altri settori. “Per esempio, quella lavorazione del legno” afferma Wessels. “Chiunque voglia implementare applicazioni di sicurezza semplici o di media complessità trarrà beneficio da myPNOZ. Ciò vale anche se sono previste da 2 a 16 funzioni di sicurezza senza l’impiego di un software di engineering”.

Poi, prosegue Wessels: “Grazie a myPNOZ Creator l’utente ha a disposizione le funzioni Logic Editor, Vista Hardware con Editor, simulazione e documentazione. In Creator il cliente può configurare la soluzione più adatta alle proprie esigenze, scegliendo tra le numerose opzioni disponibili. Il vantaggio per il cliente: può creare il proprio prodotto personalizzato anche se non possiede alcuna conoscenza software per la programmazione o la creazione. L’utente seleziona le funzioni di sicurezza e i relativi collegamenti e il Creator sceglie l’hardware migliore. La logica dei collegamenti delle funzioni di sicurezza è definita mediante la sequenza di installazione dei moduli. E questo è compito di Creator: myPNOZ è dotato di una logica di sicurezza interna basata sulla struttura del sistema”.

Florian Rotzinger, responsabile dei moduli di sicurezza della Divisione Product Management di Pilz

La configurazione per l’utente risulta assolutamente intuitiva, come ha spiegato Florian Rotzinger, responsabile dei moduli di sicurezza della Divisione Product Management di Pilz: “Infatti myPNOZ Creator supporta l’utente nella traduzione della sua logica. L’utente definisce il numero, il tipo e la logica delle funzioni di sicurezza e segue un ciclo trasparente e semplice. A seconda dei propri requisiti di sicurezza, collega, ad esempio l’arresto di emergenza, i sensori dei ripari mobili o le barriere fotoelettriche con collegamenti logici AND/OR. L’utente deve solo far attenzione che alla fine di ogni zona di sicurezza venga posizionata almeno un’uscita. Elemento che l’utente può aggiungere in myPNOZ Creator con la massima semplicità. Il tool online visualizza, mediante un simbolo, gli errori di logica nella sequenza delle funzioni di sicurezza. In myPNOZ Creator gli utenti possono anche simulare direttamente la logica creata per verificare se myPNOZ reagisce come richiesto. Infine, l’utente può anche ordinare subito, tutto in un unico tool”.

Se i collegamenti logici selezionati sono validi, myPNOZ Creator calcola automaticamente i moduli necessari e la loro sequenza di collegamento. “Inoltre, oltre alla documentazione l’utente riceve anche uno schema di cablaggio e può ordinare il suo myPNOZ nella configurazione desiderata premendo semplicemente un pulsante” esemplifica Rotzinger. “Il modulo myPNOZ verrà fornito già preconfigurato e pronto per il montaggio. Il cliente deve solo provvedere al cablaggio e alla messa in servizio che risulterà semplice e rapida grazie alla matrice di sicurezza che gli viene fornita. Grazie al codice stampato sul dispositivo, myPNOZ può essere riordinato in qualsiasi momento con la medesima configurazione”.

Harald Wessels, Vice Presidente Product Management di Pilz GmbH & Co. KG

Conclude quindi Rotzinger: “Abbiamo coniugato un prodotto di comprovata validità con caratteristiche innovative: myPNOZ è il risultato del know-how sulla sicurezza acquisito nei decenni passati. Abbiamo implementato e ottimizzato le caratteristiche comprovate dei nostri moduli di sicurezza PNOZ, quali affidabilità, semplicità e facilità d’utilizzo per le fasi di installazione, manutenzione e diagnostica. Dal punto di vista hardware myPNOZ è composto da un modulo principale e moduli di espansione collegabili, anche se il modulo principale gestisce l’alimentazione di tensione e una funzione di sicurezza generale.
Complessivamente, sono disponibili 12 moduli di espansione: 4 moduli di ingresso con due funzioni di ingresso di sicurezza ciascuno, 4 moduli di uscita e 4 moduli di ingresso e uscita. I moduli di uscita sono dotati di uscite a relè o semiconduttore e sono disponibili, in opzione, con il ritardo di attivazione o disattivazione, a seconda delle esigenze dell’utente. La struttura completa consente applicazioni personalizzate“.



Contenuti correlati

  • Disponibili nella versione 1.5 di Purple Knight gli indicatori di sicurezza di Azure AD

    Purple Knight, lo strumento gratuito di Semperis per la valutazione della sicurezza di Active Directory (AD) scaricato da oltre 5.000 utenti, consente ora di identificare e risolvere le lacune di sicurezza nel proprio ambiente di identità ibrido....

  • Le maggiori sfide nell’implementazione della sicurezza industriale

    Barracuda Networks annuncia i risultati del report The State of Industrial Security in 2022. La ricerca globale commissionata da Barracuda ha coinvolto 800 responsabili IT, responsabili della sicurezza e project manager da cui dipendono i progetti IIoT...

  • I robot alla conquista delle PMI

    La metà delle PMI italiane sta pianificando l’introduzione di robot in azienda, mentre il 14% li ha già introdotti. Questi i risultati di una ricerca effettuata da fruitcore robotics, azienda di deep-tech nata in Germania nel 2017,...

  • CmAsic di Wibu-Systems: grande potenza in un elemento di sicurezza dalle dimensioni minimalistiche

    Wibu-Systems, l’azienda creatrice di CodeMeter, soluzione per la protezione e la concessione in licenza di software, firmware e dati sensibili, è al servizio di utenti di ogni settore, dai normali editori di software agli ingegneri dell’automazione industriale...

  • Troppo pochi gli esperti di cybersecurity in Italia: ecco i profili di domani

    Su questa specializzazione informatica, però, si conosce ancora troppo poco, ad esempio che diverse sono le strade da percorrere una volta formati, come quelle del Risk Manager, Security Analyst, Security Engineer, CISO, o ancora l’Ethical Hacker. A...

  • Trend Micro mette al sicuro i veicoli connessi con VicOne

    Entro il 2025 le auto connesse in circolazione saranno oltre 400 milioni. Trend Micro presenta VicOne, dedicata alla protezione dei veicoli elettrici e connessi. VicOne è l’ultima innovazione di Trend Micro e conferma la lunga storia dell’azienda nel...

  • Sistemi di controllo nell’era di Industria 4.0

    Messo un po’ in ombra dalla Robotica, dall’Intelligenza Artificiale e dalla connettività emergente, il PLC mantiene comunque una posizione strategica anche nell’era di Industria 4.0. Nelle sue diverse declinazioni, il controllo industriale sta cogliendo il vento del...

  • Check Point Software IoT Protect cybersecurity
    Quali conseguenze hanno oggi le vulnerabilità?

    Se lo scorso anno ha insegnato qualcosa alle aziende, è che le conseguenze degli attacchi mirati e delle vulnerabilità di sicurezza sono, senza ombra di dubbio, universali. Dall’attacco alla supply chain del software SolarWinds alla vulnerabilità Apache...

  • Un nuovo trasduttore estensimetrico veloce per aree pericolose

    Turck Banner Italia ha ampliato il suo portafoglio di interfacce con un trasduttore estensimetrico veloce per applicazioni di misurazione della forza in aree pericolose. Il nuovo dispositivo, denominato IMX12-SG, ha una funzione di ripetitore e può essere...

  • LEF (Lean Experience Factory) scegie Zerynth per innovare lo shop floor

    Digitalizzare i macchinari di vecchia generazione per un monitoraggio più attento e sicuro della produzione è una delle principali sfide per le imprese italiane, la maggior parte delle quali utilizza macchinari datati ancora funzionanti dal punto di...

Scopri le novità scelte per te x