Icona Design Group presenta la piattaforma modulare a guida autonoma concepita in Italia

Pubblicato il 11 novembre 2020

Ha debuttato a Shanghai, in occasione del China International Import Expo (CIIE), dal 5 al 10 novembre, la piattaforma a guida autonoma concepita in Italia da Icona Design Group, che partecipa per la prima volta all’evento fortemente voluto dalle autorità locali per rispondere alla crescita dei consumi interni con prodotti di alta qualità importati dall’estero.
Icona, società globale di design con sedi a Torino e Los Angeles, è presente nel mercato cinese da molti anni, con una sede operativa a Shanghai, a cui si aggiungono in queste settimane quella di Tokio e un ufficio di rappresentanza a Dubai.

Con una consolidata esperienza nel settore automotive, da alcuni anni il team internazionale di Icona è fortemente impegnato nello sviluppo di concept futuristici della mobilità, che si sono fatti notare ai più prestigiosi appuntamenti del settore. La piattaforma modulare a guida autonoma presentata a Shanghai presenta un telaio in alluminio stampato in 3D, sinuoso e scattante, dotato di tutti gli strumenti necessari alla connettività e all’interazione con le persone, gli spazi, gli altri veicoli. Alcuni modelli di veicoli a guida autonoma iniziano a fare capolino nelle nostre industrie d’avanguardia, dove i classici muletti che spostano pallet sono stati sostituiti da muletti a guida autonoma a trazione elettrica. Già da alcuni anni, Icona ne immagina un utilizzo più esteso nelle città del futuro.

La nuova piattaforma a guida autonoma di Icona è stata realizzata in Cina con partner specializzati in stampa 3D e in intelligenza artificiale. Si tratta di un pianale dotato di ruote, sensori, batterie… concepito per trovare applicazione in contesti differenti: sullo stesso telaio si può installare una golf cart o un distributore automatico mobile in grado di somministrare in movimento bevande, snacks e piatti pronti; può sostenere un minibus per spostare persone su grandi superfici oppure merci all’interno di un centro commerciale.

E ancora, può diventare un veicolo destinato al trasporto di persone che integra la mobilità classica con un principio di guida autonoma. È in grado di fermarsi da solo se un pedone attraversa o se il semaforo diventa rosso, per poi ripartire allo scattare del verde. Lo spazio interno dell’abitacolo non prevede più pedali, cambio, volante… ma veri e propri salotti viaggianti, oppure di ottimizzare al massimo nel caso di trasporto merci.

“Ovviamente sarà una trasformazione graduale” commentano dall’azienda “perché i veicoli a guida autonoma per il trasporto delle persone e delle merci nelle città, ovvero al di fuori degli spazi privati come ad esempio gli stabilimenti produttivi, necessitano di un ambiente, un ecosistema pronto per accoglierli garantendo il funzionamento e la sicurezza, a sua volta dotato di infrastrutture e tecnologie che permettano lo svolgimento della guida autonoma”.
Possiamo dunque immaginare una fase ibrida, in cui un veicolo a guida umana si potrà ad esempio guidare normalmente nel traffico cittadino per poi trasformarsi in un veicolo a guida autonoma quando si arriva nel parcheggio di un centro commerciale: ci lascia all’ingresso per poi, a velocità ridotta e in autonomia, andare a parcheggiare e tornare a riprenderci all’uscita quando lo richiameremo al termine dello shopping direttamente dallo smartphone via app.

“Per essere realizzabile” spiegano ancora da Icona “tutto ciò deve ovviamente verificarsi all’interno di un ecosistema organizzato e pronto per accogliere la mobility autonoma, o smart. Un progetto come questo richiede competenze molto varie. Per questo stiamo già collaborando con prestigiose Università e partner tecnologici in tutto il mondo”.
La Cina è da tutti riconosciuta come la potenza che avrà il ruolo di protagonista nel futuro dell’innovazione e delle tecnologie. “Avere anche una sede a Shanghai da molti anni ci permette di vedere come la Cina abbia un chiaro piano di sviluppo e investimenti nelle smart citiy e nella smart mobility. Stiamo facendo in Cina quello che vorremmo poter fare nel nostro Paese d’origine, per questo stiamo avviando in Italia nuove partnership con aziende ed enti che abbiano voglia di imprimere questa svolta al nostro territorio. Crediamo che il design possa e debba funzionare come aggregatore di competenze e motore di innovazione. In questo pensiero vediamo una importante opportunità per il futuro del nostro automotive che, come fatto nel XX secolo, potrà scrivere pagine importanti del settore anche nel nuovo millennio, a patto che sappia reinventarsi e condividere le competenze”.

Oltre al telaio modulare a guida autonoma, Icona ha esposto a Shanghai anche le concept car Fuselage e Neo: la prima debuttò nel 2011 ed era già concepita per essere elettrica, quando ancora la mobilità elettrica non era un tema di attualità quotidiana; Neo è invece il concept di city car elettrica a 4 posti che Icona presentò nel 2015. Insieme, rappresentano il germe e l’evoluzione della visione di Icona della mobility del futuro, che sarà autonoma, intelligente, ecologica, interattiva con le persone, le cose e i luoghi. Neo, in particolare, viene presentata con un restyling pensato per il target giovani, ispirato più dagli smartphone e dalla moderna estetica architettonica che dalle auto tradizionali.



Contenuti correlati

  • Digitalizzazione della filiera logistica: Vodafone Italia e Alis uniscono le forze

    Vodafone Italia entra a far parte del Consiglio Direttivo dell’Associazione Logistica dell’Intermodalità Sostenibile (ALIS) con l’obiettivo di supportare la transizione digitale delle imprese del trasporto e della logistica con la sua esperienza, raggio d’azione, connettività e tecnologia....

  • Catene del freddo per trasporto di medicinali

    Molti biomateriali, ad esempio per le terapie cellulari e genetiche (CGT) e per i vaccini mRNA altamente efficaci contro il Covid-19 e l’Ebola, richiedono temperature estremamente basse in tutte le fasi della catena di distribuzione, sia per...

  • Produzione e logistica si affidano all’AI nella robotica secondo OnRobot

    L’intelligenza artificiale (AI) rappresenta un grande potenziale per il settore della robotica, soprattutto quando si tratta di gestire variabilità e imprevedibilità dell’ambiente esterno, anche in tempo reale, come sottolineato dalla Federazione Internazionale di Robotica (IFR) nel suo...

  • Il manifatturiero adotta l'intelligenza artificiale. Lo dice Google Cloud
    La soluzione per l’analisi dei dati Altair Unlimited

    Altair, tra i leader nel settore della scienza computazionale, dell’HPC (High Performance Computing) e dell’intelligenza artificiale (AI), è entusiasta di annunciare il lancio dell’appliance Altair Unlimited per l’analisi dei dati, una soluzione “chiavi in mano” che democratizzerà...

  • TÜV SÜD, ente designato per cybersecurity e aggiornamenti software dei veicoli connessi

    I regolamenti UNECE R155 e R156, entrati in vigore nella primavera del 2021, costituiscono il quadro normativo internazionale per l’omologazione di componenti o veicoli e la certificazione dei sistemi di gestione relativi alla sicurezza informatica in ambito...

  • Trend Micro mette al sicuro i veicoli connessi con VicOne

    Entro il 2025 le auto connesse in circolazione saranno oltre 400 milioni. Trend Micro presenta VicOne, dedicata alla protezione dei veicoli elettrici e connessi. VicOne è l’ultima innovazione di Trend Micro e conferma la lunga storia dell’azienda nel...

  • Ultimaker 3D
    Stampa 3D in metallo “smart” con Ultimaker S5

    Ultimaker ha ampliato la propria piattaforma con un Metal Expansion Kit, che rende la stampa 3D in metallo più accessibile e conveniente. Gli ingegneri che utilizzeranno il Kit potranno produrre applicazioni in grado di sopportare elevate sollecitazioni...

  • L’Europa pensa alla Safety 4.0

    L’Agenzia europea EU-Osha presenta una accurata e aggiornata panoramica della sicurezza sul lavoro, fornendo informazioni approfondite per le politiche, la prevenzione e le buone pratiche in relazione sia alle sfide sia alle opportunità portate dalla digitalizzazione nel...

  • Formlabs-Marcus-Marienfeld-occhiali
    Occhiali originali e di alta qualità con le stampanti 3D di Formlabs

    Grazie alla scelta di materiali di alta qualità, talvolta insoliti, e alla meticolosa lavorazione artigianale, unita a idee sempre nuove, gli occhiali di Marcus Marienfeld AG si distinguono nettamente dalle montature tradizionali. Un’unicità che è il risultato...

  • Digitalizzazione attraverso il 5G: la tecnologia può salvare il mondo?

    La rete delle meraviglie’, ‘la tecnologia chiave per la società in rete’ o ‘scatenare l’era digitale’: leggendo i titoli dei giornali sul più recente standard di comunicazione mobile si potrebbe pensare che il 5G risolverà tutti i...

Scopri le novità scelte per te x