I robot dell’Unione Europea salvano le chiese storiche dell’Emilia

Utilizzando i robot per analizzare gli stabili a rischio si potrà evita il ripetersi di tragedie come quella dei due pompieri che hanno già perso la vita travolti dal crollo di un tetto

Pubblicato il 28 agosto 2012

Mini elicotteri e sofisticati robot terrestri per analizzare nel dettaglio i danni che il terremoto dell’Emilia ha procurato alle chiese e agli edifici. È il progetto NIFTi, fondato e finanziato dall’Unione Europea, grazie al quale una squadra di robot è arrivata a Mirandola, uno dei paesi più colpiti dal sisma, per effettuare analisi e misurazioni.

A richiedere il loro aiuto sono stati i Vigili del Fuoco, consapevoli del prezioso contributo che la robotica avanzata può dare per riportare in sicurezza gli edifici danneggiati e pericolanti. La zona sotto la lente dei “robot europei” è a soli 20 km dall’epicentro dei terremoti che, tra maggio e giugno, hanno sconvolto l’Emilia.

Alcuni paesi a oggi sono ancora off-limits per gli abitanti, sorvegliati notte e giorno dalle forze dell’ordine. Mirandola è fra questi. I robot, oltre ad analizzare gli stabili a rischio, serviranno soprattutto a evitare il ripetersi di tragedie come quella dei due pompieri che hanno già perso la vita travolti dal crollo di un tetto.

Grazie alle loro esplorazioni sarà possibile creare accurate mappe 3D degli edifici e produrre video ad alta risoluzione dei danni a pareti, soffitti, archi e altri elementi strutturali degli stabili che fanno temere, nei prossimi mesi, altri crolli.

Fra gli obiettivi principali della squadra di robot ci saranno soprattutto le chiese storiche del luogo: antichissime, del XIII e XV secolo, ricche al loro interno di dipinti, affreschi, tombe e altari di grande pregio artistico. A comandare i due mini-elicotteri e la coppia di robot terrestri sarà una squadra di sette persone, tra tecnici e ingegneri.

Il progetto NIFTi è solo uno fra i progetti di robotica avanzata finanziati dall’Unione. Solo negli ultimi 5 anni se ne contano più di cento, per una spesa di circa 600 milioni di euro.

Unione Europea: http://europa.eu/rapid/pressReleasesAction.do?reference=MEMO/12/620&format=HTML&aged=0&language=EN&guiLanguage=en



Contenuti correlati

  • I Competence Center in primo piano a Mecspe

    Manca poco alla 19ᵃ edizione di Mecspe, l’evento dedicato all’industria manifatturiera italiana, in programma dal 23 al 25 novembre a Bologna Fiere, con 92mila mq di superficie espositiva, 18 padiglioni, 13 saloni, 46 iniziative speciali e convegni, e...

  • Webinar Rollon il 27 ottobre: incrementare la produttività del robot con un settimo asse

    L’integrazione di un settimo asse con un robot antropomorfo permette di acquisire un grado di libertà extra, rispetto ai tradizionali sei del robot stesso. Si tratta di un’opzione utilizzata con successo in diverse applicazioni nell’ambito del packaging,...

  • La produzione prende forma grazie alla robotica

    Nel settore industriale, l’automazione dei processi ha acquisito un ruolo sempre più importante lungo l’intero flusso di lavoro. Carol Richter, product manager di Reichelt Elektronik, spiega come i cambiamenti in atto nel campo della robotica possano contribuire...

  • Premio Mercurio 2021: Comau riceve una menzione speciale per la robotica nelle smart factory

    Fin dal 1999 l’Associazione Mercurio assegna il premio alle aziende che si distinguono per il contributo dato alla promozione della collaborazione fra Italia e Germania sul piano economico e culturale. La decisione di attribuire questa menzione speciale...

  • Seconda tappa della ‘Carta delle Idee della robotica collaborativa’: quali sfide per l’education?

    Le ultime rilevazioni del World Economic Forum parlano di 58 milioni di nuovi posti di lavoro creati dall’automazione nei prossimi anni, posizioni che necessitano di conoscenze specifiche che vanno erogate e acquisite prima dell’ingresso nel mondo del...

  • Progetto Repair: a Pompei robotica e digitalizzazione aiutano l’archeologia

    A Pompei, la prima volta una tecnologia d’avanguardia sarà utilizzata per la ricostruzione fisica di manufatti archeologici, in gran parte frammentati e di difficile ricomposizione. È questo l’obiettivo del progetto europeo “RePAIR”, acronimo di Reconstruction the past:...

  • Piena flessibilità alla massima velocità

    La pallettizzazione è in continua evoluzione e trovare le soluzioni più adatte per rispondere alle esigenze degli utenti è una sfida tutt’altro che semplice. Segbert & Co., specialista di soluzioni logistiche intelligenti nel settore della stampa e...

  • Tracciabilità 4.0 con il cobot

    All’interno degli stabilimenti del Gruppo Romani si utilizzano cobot per effettuare l’etichettatura intelligente su tutti i formati di prodotto in uscita dallo stabilimento Leggi l’articolo

  • Quando la robotica diventa amica

    Da un anno a questa parte, gli ambienti produttivi e intralogistici stanno subendo numerose mutazioni e aggiornamenti di layout, dettati anche dalle esigenze di distanziamento fisico. Ad oggi non è più possibile utilizzare schemi tradizionali per i...

  • Dalla parte dell’operatore

    IoT, intelligenza artificiale, collaborazione uomo-macchina, digitalizzazione, flessibilità e scambio dati. Come lo sviluppo tecnologico sta trasformando le macchine in importanti alleati per la qualità e la salvaguardia degli operatori in ottica ‘smart production’? Leggi l’articolo

Scopri le novità scelte per te x