I benefici del motion planning

Pubblicato il 8 aprile 2014

La sessione plenaria dell’edizione 2014 di MC4 ha visto in primo piano l’intervento di Alessandro Gasparetto, docente di Meccanica Applicata alle Macchine presso la facoltà di Ingegneria dell’Università di Udine. Il professor Gasparetto, uno dei massimi esperti di meccatronica a livello internazionale, ha ripercorso con noi i concetti chiave del motion planning.

D.: In ambito robotico e meccatronico la pianificazione della traiettoria (motion planning) ricopre un ruolo chiave a livello progettuale e applicativo. Può spiegarci in breve quali metodologie ne stanno alla base e da che evoluzioni è interessato?

R.: Le metodologie classiche di pianificazione della traiettoria si basano dapprima sulla generazione off-line di un percorso geometrico (“path”), lungo cui il sistema robotico o meccatronico deve muoversi per compiere un certo task. In seguito, un opportuno algoritmo stabilisce la velocità di percorrenza delle varie parti del percorso. Questi algoritmi sono generalmente eseguiti off-line, tuttavia in certe applicazioni particolari la pianificazione della traiettoria può però essere effettuata on-line, cioè durante l’esecuzione del task.

D.: In quali campi di impiego sono evidenti i principali benefici portati da una corretta impostazione del motion planning?

Soprattutto nell’esecuzione di tutti quei task che richiedono l’esecuzione di traiettorie cosiddette “smooth”, cioè sufficientemente regolari. Traiettorie non regolari possono infatti eccitare modi di vibrare che potrebbero danneggiare la struttura meccanica del robot o del sistema meccatronico. Il motion planning deve quindi portare a un adeguato compromesso tra due esigenze contrapposte: da un lato la necessità di eseguire il task rapidamente, dall’altro quella di non avere velocità e accelerazioni troppo elevate.

D.: In che misura le tecnologie di motion planning si intersecano quelle di advanced manufacturing, simulazione e virtualizzazione diffuse nei moderni sistemi di produzione automatizzati?

R.: La pianificazione della traiettoria è una procedura che si presta ottimamente a essere eseguita e simulata in un ambiente virtuale. L’esecuzione simulata della traiettoria pianificata off-line consente infatti di valutarne le prestazioni, permettendo di definire eventuali modifiche che possono essere effettuate prima di trasmettere la traiettoria stessa al sistema di controllo del robot o del sistema meccatronico.

 

Leggi il blog Dialogando

 

Parliamone su 

linkedin



Contenuti correlati

  • Robotica industriale: ricavi a 29 miliardi di dollari entro il 2030

    La pandemia globale e la mancanza di forza lavoro spingono l’adozione di soluzioni di robotica e l’automazione del lavoro, temi che continuano dunque a essere dominanti nelle agende delle aziende manifatturiere. Nel suo ultimo report (*), la società...

  • Sistema di protezione portacavi e cavi Kabelschlepp

    Il meccanismo di richiamo attivo Pull-back-unit (PBU) di Kabelschlepp consente di guidare e mantenere in sicurezza il Robotrax, il 3D dei portacavi. Si ottiene un’installazione più longeva e una riduzione dei tempi di inattività. Nei movimenti in...

  • OnRobot debutta nel software con WebLytics, la soluzione per applicazioni collaborative

    OnRobot, The One Stop Shop per le applicazioni robotiche collaborative, fa il suo ingresso nel mondo software con WebLytics, una soluzione unica di monitoraggio della produzione, diagnostica dei dispositivi e analisi dei dati, progettata per migliorare la...

  • Comau partecipa alla 30a edizione di Automation Fair presentando le sue innovazioni

    Comau partecipa insieme a Rockwell Automation alla 30a edizione di Automation Fair (10 – 11 novembre, George R. Brown Convention Center di Houston, in Texas USA). Dopo l’avvio di una collaborazione ufficiale lo scorso aprile, Comau ha...

  • Gamma di servomotori cyber kit line small di Wittenstein cyber motor

    Motori standardizzati, progettati per l’integrazione diretta nella macchina, che offrono molteplici opzioni tecniche per soluzioni personalizzate, ad esempio, nella robotica collaborativa e industriale, in linee di imballaggio e macchine tessili o in macchine utensili, assemblatrici e di...

  • bosch rexroth smart mechatronix
    Smart MechatroniX, la piattaforma Bosch Rexroth per la Fabbrica del Futuro

    La fabbrica del futuro sarà più intelligente, flessibile, connessa e software-based rispetto ai plant produttivi attuali. E anche più sostenibile. Con la nuova piattaforma di soluzioni meccatroniche Smart MechatroniX, Bosch Rexroth risponde alle nuove esigenze del mercato...

  • Una salda presa robotica sostiene la produzione

    Con le soluzioni OnRobot, Wefag automatizza il caricamento delle macchine CNC. Diventa possibile gestire piccoli lotti e si accorciano i tempi di consegna. Un’applicazione intuitiva alleggerisce il lavoro dei dipendenti. Leggi l’articolo

  • Motus Operandi

    L’occhio attento della nostra rubrica punta stavolta su Motus Operandi (http://motusoperandi.com), un’azienda innovativa, nata nel 2017, che opera nel settore della robotica industriale impiegando tecnologie di intelligenza artificiale e Cloud Computing… Leggi l’articolo

  • Tech Boys and Girls: Enrico Prosperi

    Sempre di più la sinergia tra competenze e settori apparentemente diversi tra loro danno una sostanziale spinta al progresso e alla scienza. E sempre più spesso assistiamo all’interconnessione tra medicina e ingegneria informatica. L’intervista di questo mese...

  • I Competence Center in primo piano a Mecspe

    Manca poco alla 19ᵃ edizione di Mecspe, l’evento dedicato all’industria manifatturiera italiana, in programma dal 23 al 25 novembre a Bologna Fiere, con 92mila mq di superficie espositiva, 18 padiglioni, 13 saloni, 46 iniziative speciali e convegni, e...

Scopri le novità scelte per te x