Federmeccanica, 50 anni e tanta voglia di competere

Il progetto per il lavoro e l’impresa nella Quarta Rivoluzione Industriale e nel post Covid-19 è stato presentato insieme ai risultati della 159° indagine congiunturale

Pubblicato il 21 settembre 2021

Il 15 settembre 1971 nasceva Federmeccanica e da quel momento il settore, spina dorsale dell’economia italiana, ha avuto una sua rappresentanza, e una sola “voce”. Oggi rappresenta più di 12 mila imprese dalle più piccole alle più grandi, all’interno di 7 divisioni, 40 gruppi, 83 classi e 105 categorie secondo le classificazioni Istat.

L’anniversario è stato occasione per fare il punto sulla situazione attuale dell’economia grazie ai dati dell’ultima indagine congiunturale e per parlare del futuro della metalmeccanica/meccatronica che rappresenta l’8% del Pil nazionale, il 50% delle esportazioni e contribuisce per più del 40% alla creazione del valore aggiunto dell’Industria italiana. Ed è stato presentato il Progetto Competere.

«La crescita di qualsiasi sistema – ha dichiarato il presidente Federico Visentin – dipende dalla sua competitività. Questa è l’unica strada possibile, una strada che Federmeccanica vuole tracciare “progettando” il Nuovo Lavoro e la Nuova Impresa. Significa, da un lato, intervenire in maniera decisa su problemi che da troppo tempo ci portiamo dietro come il cuneo fiscale, che va abbattuto, mentre dall’altro vuol dire mettere le basi per gestire il cambiamento, ad esempio creando le competenze che serviranno alle imprese nel futuro. Progettare la Nuova Impresa significa sostenere il tessuto metalmeccanico/meccatronico sia con interventi in grado di produrre effetti nell’immediato, come gli incentivi per il 4.0 e le azioni da mettere in campo per la carenza (e l’eccessivo costo) delle materie prime, sia con misure che abbiano un lungo respiro, come le politiche industriali utili per gestire la transizione tecnologica ed ecologica. Siamo in una congiuntura favorevole all’interno comunque di una fase di ricostruzione che necessità di progettualità. Serve quello stesso spirito Riformatore che ha accompagnato il Rinnovamento contrattuale e culturale di Federmeccanica. Un percorso di Riforma che intendiamo portare avanti».

I dati che emergono dall’ultima rilevazione congiunturale, la 159°, realizzata dal nostro Centro Studi ci offrono un quadro chiaro della situazione attuale. Complessivamente, nel primo semestre la crescita dei volumi su base annua è del 29,9%, sostanzialmente in linea con i primi sei mesi del 2019 (-0,8%): un miglioramento diffuso a tutte le attività dell’industria metalmeccanica, seppur con tassi fortemente differenziati.

L’aspetto che pone maggiori preoccupazioni è legato all’impatto della dinamica dei prezzi delle materie prime sull’attività aziendale e alla loro disponibilità sul mercato: il 93% delle imprese intervistate ha risentito del rincaro dei prezzi di metalli e semilavorati in metallo rispetto al precedente 84%. Il 72% dichiara difficoltà di approvvigionamento, dovute principalmente alla loro scarsità e al significativo allungamento dei tempi di consegna. Da ciò potrebbe derivare un’interruzione dell’attività produttiva nel 21% delle imprese rispetto al precedente 14%. Due imprenditori su tre (64%) ritengono che la tendenza rialzista dei prezzi potrebbe durare anche nei prossimi mesi.

«In una fase così critica non dobbiamo concentrare l’attenzione solo sull’attualità, occorre anche guardare avanti – ha commentato Diego Andreis, Vicepresidente Federmeccanica alla Cultura d’Impresa e Comunicazione -. Per questo parliamo di “Progetto”. Si progetta qualcosa che può prendere forma domani. Il nostro vuole essere un contributo con stimoli per tutti i soggetti che devono essere coinvolti in questo Progetto: il sistema delle Imprese, i Sindacati e le Istituzioni. Un Progetto a tutto tondo per essere più competitivi. La competitività delle nostre imprese è il fine, il progetto che oggi presentiamo è lo strumento con spunti, idee ma per realizzarlo sono necessari impegno e risorse. Grazie al PNRR vengono messe a disposizione quantità importanti, che richiedono interventi di qualità. La crescita dimensionale delle imprese ad esempio è una sfida per tutti, da ogni punto di vista. Occorrono finanziamenti mirati e un grande cambiamento culturale, serve quindi pragmatismo e visione».

Franco Metta



Contenuti correlati

Scopri le novità scelte per te x