FANUC, cresce l’adozione di robot industriali e cobot in Europa

Pubblicato il 21 dicembre 2018

Se da un lato i timori legati alla recessione, i rallentamenti nell’economia e le preoccupazioni per la Brexit stanno mettendo un freno all’economia dell’Europa, dall’altro il mercato dei robot industriali dimostra di stare attraversando un momento di particolare fermento. In alcuni Paesi, la curva dell’adozione di robot è in costante e continua crescita.

“Nella prima parte del nostro corrente anno fiscale [aprile-settembre 2018, ndr] abbiamo registrato una crescita a doppia cifra negli ordini di robot industriali, e ci aspettiamo che questo trend prosegua anche nella seconda parte dell’anno, anche se potrebbe risentire di un certo rallentamento”, afferma Shinichi Tanzawa, Presidente e CEO di FANUC Europe Corporation.

Con oltre 550.000 robot, 4 milioni di sistemi CNC e 19 milioni di servomotori installati in tutto il mondo, FANUC è una delle aziende di riferimento quando si parla di automazione industriale. La multinazionale giapponese fa affidamento sulla sua rete globale capillare di 7.000 dipendenti dislocati in 263 filiali che servono 108 Paesi. Nella sola Europa, FANUC può contare su 1.400 dipendenti e 22 sedi.

Secondo un recente studio pubblicato dalla Federazione Internazionale della Robotica, il numero di robot installati nel territorio europeo è cresciuto del 7% nel corso del 2018. Tra il 2019 e il 2021, la IFR prevede un tasso di crescita annuale del 10%. Nel breve termine, questa crescita risentirà di un leggero rallentamento a causa delle incertezze date dallo scenario economico internazionale, ma nonostante ciò la tendenza è quella di una curva in crescita. A fare da traino in Europa è la penetrazione di molti robot in Europa dell’Est, dove si trovano diversi siti produttivi legati ai settori dell’automotive e dell’elettronica di consumo.

“Negli ultimi anni il mercato dei robot industriali in Europa è cresciuto ad una velocità impressionante”, aggiunge Tanzawa. “Pertanto in alcune regioni assistiamo ad una fase di naturale consolidamento”. I fattori che alimentano la diffusione dell’automazione di fabbrica rimangono immutati: l’aumento del costo del lavoro, la mancanza di personale qualificato e lo sviluppo di robot sempre più performanti.

Uno dei trend emergenti in questi ultimi tempi a livello europeo è quello dell’adozione di robot collaborativi. Già da alcuni anni una realtà in produzione presso alcune grandi aziende internazionali, i cobot sembrano oggi aver destato l’interesse di diverse industrie. “Notiamo infatti un aumento della richiesta di robot collaborativi da parte delle piccole e medie imprese”, fa notare Tanzawa. “Persino da parte di aziende che in passato non hanno mai integrato nel processo produttivo alcun robot industriale”.

Alcuni costruttori si sono specializzati nello sviluppo esclusivo di soluzioni collaborative. FANUC, invece, vanta la gamma più estesa al mondo di robot industriali, cui sta oggi affiancando sempre più modelli collaborativi. Si val dal “piccolo” CR-4iA, che con il suo payload da 4 kg risulta perfetto per la manipolazione e l’assemblaggio di piccoli componenti elettrici, fino al CR-35iA, l’unico al mondo capace di movimentare fino a 35 kg, sgravando così di fatto gli operatori dal dover movimentare pezzi pesanti e dal rischio di incidenti e malattie professionali.

“L’interesse nei confronti dei cobot è forte in tutta Europa”, commenta Tanzawa. La stessa FANUC in Giappone vanta uno degli stabilimenti più automatizzati al mondo, utilizzando i robot per eseguire diversi task. L’automazione ha permesso a FANUC di raggiungere un livello di efficienza inedito e di crescere insieme ai propri clienti a livello globale. “Ci aspettiamo che sarà proprio la robotizzazione a supportare la crescita delle economie europee”.

Se però in passato l’adozione di soluzioni di automazione ha consentito alle aziende di supplire alla mancanza di operatori qualificati capaci di eseguire un lavoro, oggi avviene l’esatto contrario: è la carenza di personale specializzato a costituire un freno alla crescita dell’automazione. Prosegue Tanzawa: “In molti dei Paesi europei dove operiamo notiamo una insufficienza di competenze in ambito di programmazione e sviluppo di robot. Ciò impedisce alle aziende di investire nell’automazione dei propri siti produttivi quanto vorrebbero”.

Per superare questa limitazione e aiutare le economie europee a crescere ottimizzando i processi produttivi, è necessario che la scuola e le università facciano la loro parte. Da parte sua, FANUC sta investendo nella promozione della cultura della robotizzazione grazie alla partnership con WorldSkills, l’associazione internazionale che si occupa da tempo di organizzare delle manifestazioni che mettono alla prova i giovani talenti di tutto il mondo, nelle più diverse discipline. FANUC e WorldSkills organizzeranno infatti insieme i primi Campionati Mondiali della Programmazione dei Robot a Kazan, in Russia, nel 2019.



Contenuti correlati

  • Le novità di Stäubli alla fiera Automatica

    Alla fiera annuale Automatica, Stäubli Robotics presenterà il suo concetto “Easy-to-Use”, progettato per offrire ai clienti un pacchetto completo di vantaggi in tutte le fasi del ciclo di vita di un robot. Il punto chiave che Stäubli Robotics...

  • Ultimo appuntamento con la Carta delle Idee di UR

    Si è concluso oggi il percorso a tappe di comunicazione e valorizzazione della Carta delle Idee della Robotica Collaborativa di Universal Robots. L’appuntamento odierno – il quarto – ha posto al centro del dibattito 2 temi strettamente...

  • Epson amplia la gamma di robot Scara di fascia alta

    Epson ha ampliato la gamma di innovativi robot Scara con l’aggiunta di due nuovi modelli: GX4 e GX8. Estremamente compatti e versatili, questi robot stabiliscono nuovi standard prestazionali: sono progettati per ottimizzare produttività, velocità e precisione in...

  • Soluzioni intelligenti e sistemi di misura Heidenhain a SPS ltalia 2022

    Heidenhain e i marchi AMO, Numerik JENA, RENCO e RSF presentano dal vivo a SPS Italia 2022 (Pad. 3 Stand F039) una selezione di nuove soluzioni per la robotica e i sistemi medicali anticipate durante il proprio Virtual Show...

  • Doppio riconoscimento per il design Motoman GP4 e Motoman SG400 Scara vincono il premio Red Dot

    Compatto e veloce, Motoman GP4 di Yaskawa ha 6 assi e un carico utile di 4 kg. Con velocità fino a 1.000 °/s, il nuovo Motoman GP4 è agile ed estremamente veloce. La sua eccellente ripetibilità di +/-...

  • A SPS Italia 2022 riflettori puntati sulla Total Solution Yaskawa

    In occasione di SPS Italia 2022 (Parma, 24-26 maggio), Yaskawa dà appuntamento ai visitatori al Pad 5 stand E26 con uno stand studiato appositamente per ospitare rappresentanze dell’intero mondo Yaskawa: non solo le divisioni Robotics e Drives, Motion...

  • Elite Robots presenta al mondo la nuova CS Series

    Elite Robots, azienda cinese attiva nel settore della robotica, annuncia il lancio dell’ultimo arrivo nella sua famiglia di robot collaborativi, la nuova CS Series, che sarà presentata in anteprima mondiale in una serie di importanti fiere dell’automazione...

  • Salumificio più produttivo grazie a INDEVA Cobotics

    Produttori di salumi dal 1919, Mec Palmieri si distingue per la produzione delle Mortadelle Favola, prodotto brevettato dalla famiglia Palmieri, che visti i grandi numeri di produzione, necessita di una linea produttiva in continuo movimento e una...

  • Reinventare il modo di lavorare

    Una nuova generazione di cobot sta migliorando il lavoro manuale rendendolo meno pericoloso, faticoso e noioso, ma richiede un’implementazione attenta e una riqualificazione del personale Leggi l’articolo

  • Progettazione ed efficienza sostenibili al centro della proposta di Siemens a Ipack-Ima 2022

    Con il motto “Making the difference in Packaging Industry”, Siemens è stata ancora una volta tra i grandi protagonisti di uno tra gli eventi più importanti nel settore del Packaging e del Processing: partecipa infatti a Ipack-Ima...

Scopri le novità scelte per te x