Encoder HeavyDuty POG10 di Baumer

Pubblicato il 8 aprile 2020

Situato a Goteborg, il parco divertimenti Liseberg è il più grande di tutta la Svezia. Qui, le montagne russe Helix fanno vivere ai visitatori emozioni davvero forti. Con un percorso di 1380 metri, si tratta dell’ottovolante con svariati giri della morte più lungo d’Europa, secondo a livello mondiale. Include sei inversioni e catapulta i passeggeri fino a 90 km/h, sottoponendoli fino a cinque volte il loro peso corporeo. Per la prima volta in assoluto, la metà dei 28 passeggeri è seduta in direzione opposta al senso di marcia, rendendo il viaggio ancor più eccitante. Per la partenza, occorre raggiungere una rampa di lancio situata a 41 metri d’altezza. Il posizionamento delle carrozze presso il punto di partenza avviene per mezzo di motori asincroni da 315 kW, la cui velocità è rilevata dall’encoder Hübner Berlin HeavyDuty POG 10 di Baumer. A complicare il tutto è la collocazione all’aperto dell’impianto, esposto a caldo, sole, umidità, pioggia e vento. Ecco perché la scelta è caduta sugli encoder HeavyDuty di Baumer: brividi sì, ma solo all’insegna del divertimento.

L’encoder incrementale HeavyDuty POG10 e l’analogo HOG10 con albero cavo fanno parte della famiglia degli encoder HeavyDuty creata da Baumer. Entrambi forniscono informazioni affidabili sulla velocità in una varietà di potenziali applicazioni e funzionano anche in condizioni severissime. Concorrono in modo sostanziale a evitare guasti e a mantenere in perfetta efficienza macchinari e impianti. In molti casi, ciò significa risparmiare sui costi di fermo macchina, ma nel caso dell’ottovolante reca anche un contributo essenziale per la sicurezza delle persone: un guasto al motore di un carrello sarebbe nella migliore delle ipotesi una seccatura per i passeggeri, nella peggiore ne metterebbe a rischio la vita.

La tecnologia HeavyDuty del POG10 garantisce elevata affidabilità in condizioni difficili grazie a una serie di caratteristiche specifiche. Dotati di pareti dallo spessore generoso e un design antisvergolamento, gli alloggiamenti in pressofusione sono progettati per resistere a forti vibrazioni e urti. Il supporto bilaterale dell’albero dell’encoder e del disco incrementale in metallo assicura ingenti riserve di potenza e un’impareggiabile durata utile in virtù di una straordinaria robustezza nei confronti di forze assiali e radiali. Di particolare importanza per un impianto destinato a uso esterno è anche, in ottemperanza alla norma EN ISO 12944, l’eccezionale protezione anticorrosione degli encoder HeavyDuty della categoria CX data dall’accurata scelta dei materiali e da un rivestimento ad elevata resistenza, accorgimenti che ne consentirebbe l’utilizzo persino sul mare, all’Artide, ai tropici o nel deserto.

Una combinazione di guarnizioni a labirinto e dispositivi di tenuta protegge inoltre l’interno degli encoder HeavyDuty da sporco solido, umido e pastoso. Il principio di tenuta corrisponde alla classe di protezione IP 66 e IP 67 in un ampio range di temperatura fino a 95 gradi Celsius. L’isolamento elettrico salvaguarda infine i cuscinetti a sfera degli encoder da scariche di corrente, evitando di compromettere l’azione del lubrificante. Nell’insieme, ne risulta un pacchetto completo pressoché indistruttibile in grado di scongiurare potenziali anomalie e guasti anche in condizioni di uso duro prolungato. Un dettaglio di non poco conto, soprattutto se si considerano i notevoli oneri connessi alla sostituzione di un encoder non tanto per via dei costi, quanto piuttosto per il fatto che solitamente l’encoder è installato in punti di difficile accesso, come nel caso delle nostre montagne russe.

Affidabilità e accuratezza sono il risultato di un rilevamento senza interferenze effettuata per mezzo di commutatori ottici (Opto-Asic) particolarmente robusti. Ciò assicura una immunità elettromagnetica ottimale con una resistenza ai transitori veloci con impulsi di alta tensione fino a 4 kV. Il cosiddetto Enhanced Monitoring System (EMS) esegue un monitoraggio continuo su numerose funzioni, riconosce errori di collegamento e dell’encoder stesso comunicandone lo stato al convertitore o all’unità di comando tramite un’apposita uscita. L’eccellente qualità del segnale SinCos è resa possibile dalla tecnologia LowHarmonics, a garanzia di un insuperabile controllo delle performance, un ridotto riscaldamento del motore e un’elevata efficienza energetica. Le uscite dei segnali a onde quadre incrementali dispongono inoltre di potenti transistor driver a prova di cortocircuito per correnti di picco fino a 300 mA, capaci di fornire valori affidabili anche in presenza di cavi lunghi fino a 350 metri.

Tutte queste caratteristiche, dalla robustezza alla precisione, svolgono un ruolo fondamentale ai fini della sicurezza dei passeggeri delle montagne russe di Goteborg e fanno sì che le carrozze arrivino alla rampa di lancio alla giusta velocità.

 

 



Contenuti correlati

  • Sensori di forza o estensimetri?

    Con il suo portafoglio per la misurazione delle forze, Baumer offre una soluzione adatta a tutte le applicazioni – fornendo sia sensori di forza che di deformazione. Quando sono adatti gli estensimetri e quando invece i sensori...

  • Consumo energetico trasparente con i sensori di flusso

    In un impianto alimentare lattiero caseario svedese, si sono utilizzati sensori di portata e temperatura per misurare in modo preciso l’energia termica utilizzata nel processo produttivo. Il sensore FlexFlow di Baumer ha convinto per la facilità di...

  • Estensimetro miniaturizzato misura forze importanti anche in spazi limitati da Baumer

    Gli estensimetri DST20 in formato miniaturizzato completano il portafoglio Baumer con una soluzione compatta ed efficiente in termini di costi, in grado di misurare forze superiori a 10000 N anche dove gli spazi sono limitati. Con i...

  • Baumer presenta gli estensimetri DST20 miniaturizzati
    Baumer presenta gli estensimetri DST20 miniaturizzati

    Gli estensimetri DST20, in formato miniaturizzato, completano il portafoglio Baumer. Si tratta di una soluzione compatta in grado di misurare forze superiori a 10000 N anche dove gli spazi sono limitati. Con i loro 28 x 12 x 10...

  • Arla Foods analizza il consumo energetico con un sensore di flusso Baumer

    Nel sito di Falkenburg Arla Foods produce 20 000 tonnellate di formaggio fresco in fiocchi l’anno, 76,9 tonnellate al giorno. Una quantità impressionante, con la quale tuttavia Arla Foods copre pressoché tutta la domanda del mercato svedese esportando anche...

  • Efficienza energetica nella produzione di formaggio in fiocchi

    Nel sito di Falkenberg la cooperativa di prodotti lattiero-caseari Arla Foods è riuscita per la prima volta a rendere trasparente il consumo energetico nella produzione del formaggio fresco in fiocchi utilizzando il sensore di flusso FlexFlow di...

  • Interruttore di livello PL20 CleverLevel di Baumer

    La famiglia CleverLevel di Baumer offre ancora più possibilità di rilevare il livello minimo e massimo grazie al nuovo interruttore di livello PL20. Indipendentemente dal media, sia esso liquido, pastoso, appiccicoso o solido, CleverLevel lo rileva in...

  • CleverLevel PL20: più semplice, più affidabile e più intelligente

    La famiglia CleverLevel di Baumer offre ora ancora più possibilità di rilevare il livello minimo e massimo grazie al nuovo interruttore di livello PL20. Indipendentemente dal media, sia esso liquido, pastoso, appiccicoso o solido, CleverLevel lo rileva...

  • Quando la precisione conta

    I sensori a ultrasuoni UR18 di Baumer con interfaccia IO-Link per una parametrizzazione flessibile e funzioni avanzate consentono di misurare con sicurezza i livelli all’interno di bottiglie e contenitori con forme irregolari… Leggi l’articolo

  • TWK: nuova serie FOI di encoder incrementali

    TWK ha aggiunto la nuova serie FOI di encoder incrementali alla sua gamma di encoder magnetici. Una caratteristica di rilievo della serie FOI è la rapidità dei tempi di consegna. Gli ordini ricevuti da TWK entro le...

Scopri le novità scelte per te x