Disponibili nella versione 1.5 di Purple Knight gli indicatori di sicurezza di Azure AD

La potenza di Purple Knight sta crescendo. È stato appena rilasciato Purple Knight 1.5, che introduce gli indicatori di sicurezza di Azure AD per risolvere le lacune di sicurezza sia nell'AD on-prem che nell'Azure AD

Pubblicato il 10 agosto 2022

Purple Knight, lo strumento gratuito di Semperis per la valutazione della sicurezza di Active Directory (AD) scaricato da oltre 5.000 utenti, consente ora di identificare e risolvere le lacune di sicurezza nel proprio ambiente di identità ibrido. L’ultima versione di Purple Knight introduce gli indicatori di sicurezza di Azure AD, sia nell’AD on-prem che nell’Azure AD offrendo così un vantaggio nella difesa dalle attuali minacce.

In uno scenario ibrido, la superficie di attacco potenziale per gli avversari si espande. Gli attacchi ora cominciano spesso on-premise e si spostano nel cloud, come è accaduto nel caso dell’attacco di SolarWinds, o viceversa. Questa nuova versione di Purple Knight aiuta le organizzazioni a scoprire le lacune di sicurezza che possono esporre i loro sistemi di identità ibridi agli aggressori.

Purple Knight 1.5, disponibile per il download qui, include anche il supporto per il modello MITRE D3FEND™, nuovi indicatori di sicurezza per l’AD on-prem, miglioramenti dei rapporti e alcune correzioni di bug e miglioramenti dello script.

Le novità di Purple Knight 1.5

Oltre all’introduzione di 10 indicatori di sicurezza di Azure AD fra cui sette per l’AD on-prem e miglioramenti ai rapporti HTML e PDF, Purple Knight 1.5 include nuovi tag del framework di sicurezza per il modello MITRE D3FEND, un framework beta per la difesa delle reti.

MITRE D3FEND è una base di conoscenze sulle tecniche di contromisure di cybersecurity che possono aiutare a progettare, distribuire e difendere meglio i sistemi di rete. Ecco le nuove funzionalità della versione 1.5 di Purple Knight:

  • 10 indicatori di sicurezza di Azure AD per aiutare a comprendere la propria posizione di sicurezza complessiva nell’ambiente di identità ibrido;
  • Tag del framework di sicurezza per il modello MITRE D3FEND, un framework beta per la difesa delle reti;
  • Miglioramenti al report di valutazione della sicurezza HTML, tra cui un riquadro di navigazione che consente di individuare rapidamente informazioni specifiche all’interno del report senza doverlo scorrere e una struttura aggiornata che include sia le valutazioni AD che quelle Azure AD quando vengono eseguite in un ambiente ibrido;
  • Possibilità di generare una versione PDF avanzata del report di valutazione della sicurezza;
  • Varie correzioni di bug e miglioramenti dello script

Utilizzo di Purple Knight per valutare la sicurezza dell’ambiente di identità ibrido

Purple Knight 1.5 analizza l’ambiente Azure AD alla ricerca dei seguenti indicatori di esposizione (IOE), che segnalano configurazioni rischiose che gli aggressori possono sfruttare:

  • Utenti AAD privilegiati in AD che sono anche privilegiati in AD;
  • Le unità amministrative che non vengono utilizzate;
  • Verificare che gli ospiti abbiano i permessi per invitare altri ospiti;
  • Verificare che non vi siano autorizzazioni API rischiose concesse ai principali servizi applicativi;
  • Verificare se è consentita l’autenticazione legacy;
  • MFA non configurata per gli account privilegiati;
  • Gli utenti non amministratori possono registrare applicazioni personalizzate;
  • I gruppi privilegiati contengono account guest;
  • Predefiniti di sicurezza non abilitati;
  • Consenso utente non limitato consentito

Nuovi indicatori di sicurezza di Active Directory

Oltre all’introduzione degli indicatori di sicurezza Azure AD, Purple Knight 1.5 include sette nuovi indicatori di sicurezza on-prem AD:

  • Account con delega vincolata configurati su krbtgt;
  • Modelli di certificato che consentono ai richiedenti di specificare un subjectAltName;
  • Modelli di certificato con tre o più configurazioni non sicure;
  • FGPP non applicato al gruppo;
  • La firma LDAP non è richiesta sui controller di dominio;
  • Gruppi di operatori non vuoti;
  • Il tipo di crittografiaRC4 è supportato dai controller di dominio

Con l’escalation degli attacchi verso l’AD, è di fondamentale importanza essere consapevoli di tutti i punti deboli e le aree esposte della propria rete. Una qualsiasi lacuna non risolta come anche non rilevata può diventare un punto di accesso per gli aggressori. Purple Knight è il tool perfetto per i team IT e di sicurezza che possono così tracciare una situazione ultra-dettagliata del proprio AD per la difesa dagli attacchi che colpiscono gli ambienti di identità ibridi.



Contenuti correlati

  • Cinque miti da sfatare sulla sicurezza dei container

    L’open source è alla base della maggior parte delle tecnologie innovative, come l’intelligenza artificiale e machine learning, l’edge computing, il serverless computing e, non ultima, la containerizzazione. Come in ogni settore dell’IT, la questione della sicurezza non...

  • TrendMicro ransomware Italia
    Italia bersaglio del ransomware: colpito il 58% delle organizzazioni

    Il 58% delle organizzazioni italiane è stato colpito da un attacco ransomware negli ultimi tre anni e il 57% del campione ha visto almeno un’altra azienda all’interno della propria supply chain cadere vittima dei cybercriminali. Il dato...

  • Come colmare il gap tra sicurezza e innovazione

    Il concetto di sicurezza è tradizionalmente visto come un ostacolo all’innovazione. I team DevOps vogliono essere liberi di esplorare la propria creatività e abbracciare tecnologie cloud-native, come Docker, Kubernetes, PaaS e le architetture serverless, ma la sicurezza...

  • Scuola e digitalizzazione: il primo Privacy Debate Championship

    Mostrare immagini molto personali o intime di sé è un diritto che va regolamentato e protetto? Non pagare un servizio online ma cedere i propri dati è uno scambio accettabile? Un’AI può essere meglio di una persona...

  • Security Summit 2022: appuntamento a Verona il 4 ottobre

    Attualità dei rischi cyber e nuovi scenari globali e le implicazioni nel Triveneto: questo il tema che raduna manager, professionisti ed imprenditori per il prossimo appuntamento di Security Summit il 4 ottobre presso l’hotel Crowne Plaza Verona...

  • Trend Micro: l’80% delle aziende italiane si sente esposto ad attacchi ransomware, phishing e in ambito IoT

    Il 31% delle aziende italiane afferma che la valutazione del rischio è la principale attività nella gestione della superficie di attacco ma il 54% ritiene che i propri metodi di valutazione del rischio non siano abbastanza sofisticati....

  • Trend Micro ransomware
    Più sicurezza per l’Industrial IoT

    Trend Micro ha raggiunto un ulteriore traguardo nella messa in sicurezza dei progetti IoT e dell’Industry 4.0, in seguito alla firma di un accordo con Pro-face by Schneider Electric. L’Industry 4.0 rappresenta una convergenza radicale delle tecnologie...

  • Il 5G privato vola grazie alla security

    La prospettiva di una maggiore sicurezza e privacy guida lo sviluppo dei progetti di reti wireless 5G private. Lo rivela “Security Expectations in Private 5G Networks: A journey with partners”, l’ultimo studio Trend Micro, tra  i leader...

  • Rockwell Automation sarà presente all’Automation Instrumentation Summit 2022

    Nel corso dell’edizione 2022 dell’Automation Instrumentation Summit, l’imperdibile appuntamento internazionale che si terrà a Milano nell’ultima settimana di settembre, Rockwell Automation illustrerà come le aziende, adottando una serie di best practice e implementando strategie che tengano conto...

  • Clusit premia le migliori tesi del 2021

    “Innovare la sicurezza delle informazioni” è il leit motiv che accompagna dalla prima edizione, 17 anni fa, il Premio Tesi di Clusit, Associazione Italiana per la Sicurezza Informatica. Istituito proprio con l’obiettivo della ricerca e dell’aggiornamento continuo...

Scopri le novità scelte per te x