Digitalizzazione: quali sono gli strumenti giusti sui quali investire?

Sebbene il termine Industry 4.0 sia stato coniato nel 2011, sono poche le aziende che hanno effettivamente implementato tali tecnologie. Tuttavia, le circostanze sconvolgenti della pandemia da Covid-19 hanno accelerano la necessità di digitalizzare. In quest’ottica, i produttori dovrebbero affrettarsi a investire in nuovi strumenti di automazione? E in caso di risposta affermativa, quali? 

Pubblicato il 4 maggio 2021

Secondo un recente studio di McKinsey in materia di adozione di tecnologie digitali, le aziende hanno coperto l’equivalente di 5 anni in sole 8 settimane. I costi e i rischi associati a tecnologie allo stadio iniziale hanno tradizionalmente indotto la maggior parte dei produttori ad optare per un approccio alla digitalizzazione simile a una maratona: lento e progressivo. Tuttavia, nel tentativo di mantenere sicurezza ed efficienza durante la pandemia, le aziende hanno compiuto uno scatto improvviso in avanti, aumentando gli investimenti in strumenti di automazione che offrano risultati rapidi e incisivi. Quindi, quali sono state le tecnologie che finora si sono dimostrate più efficienti?

Servizi cloud
La pandemia ha imposto restrizioni in base ai diversi piani di lockdown. Questi hanno fatto emergere l’esigenza di creare condizioni resilienti per il lavoro a distanza e rafforzato la necessità di investire in soluzioni cloud. Anche se non sappiamo per quanto tempo le persone saranno costrette a lavorare da casa, abbiamo la certezza che l’uso del cloud aumenterà.

Le aziende che dispongono già di un’infrastruttura cloud operativa, soprattutto di un’infrastruttura multicloud, sono le più preparate ad affrontare gli effetti della pandemia. Per le aziende che non ne dispongono, i servizi cloud possono essere l’ancora di salvezza che consente loro di servire i propri clienti e proteggere le proprie risorse. Il lavoro a distanza aumenta il rischio di attacchi informatici, di conseguenza i dipendenti devono prestare maggiore attenzione ai loro dati. I servizi cloud possono proteggere i dati crittografati, monitorarli costantemente e creare backup automatici. Per queste ragioni, i servizi cloud saranno fondamentali nella ripresa post-pandemia guidata dal digitale. Prima le aziende aderiscono ai servizi cloud, più preparate saranno per un futuro incerto.

Automazione del magazzino digitale
La pandemia ha anche generato la necessità di rispondere velocemente ai picchi improvvisi della domanda oltre che essere preparati a possibili interruzioni nella catena di approvvigionamento. A tale scopo, i produttori hanno dovuto ottimizzare i magazzini per garantirne la massima efficienza. Oltre a crescere nelle dimensioni per soddisfare la domanda del mercato, i magazzini stanno anche diventando più intelligenti e più sicuri.

Ad esempio, l’uso di veicoli a guida autonoma (AGV) è aumentato in modo significativo. Il mercato degli AGV, che stava già crescendo di un sorprendente 30% prima della pandemia, è ora letteralmente decollato. Gli AGV possono connettersi alla rete 5G e sono imprescindibili ai fini dell’ottimizzazione delle operazioni del magazzino come selezione, trasporto e stoccaggio dei prodotti senza intervento umano. Un settore che trarrà particolari vantaggi dagli AGV è quello degli alimenti e bevande, data la fondamentale necessità delle tecnologie di selezione e presa.

Anche la popolarità dei sistemi di prelievo degli ordini automatizzati è in crescita. Fino a un anno fa, il 90% dei prelievi in magazzino era manuale. I magazzini intelligenti di oggi richiedono sistemi come il pick-to-light, prelievo vocale (voice picking) o robot mobili collaborativi. Per le piccole e medie imprese, la scelta ideale può essere una soluzione come il pick-to-light, che richiede l’installazione di LED e scanner per i codici a barre su rack e scaffali.

La Quarta Rivoluzione Industriale è forse iniziata come una maratona, con i produttori di tutto il mondo che hanno partecipato secondo il loro passo. Tuttavia, per vincere contro un mercato mutevole occorre fare un balzo in avanti e digitalizzare sul serio. EU Automation comprende la pressione che grava su produttori e proprietari di aziende e può aiutarli a mantenere la piena operatività della loro produzione fornendo le parti di automazione di cui hanno bisogno al più presto possibile.

 

Neil Ballinger, direttore EMEA presso il fornitore di parti per l'automazione EU Automation



Contenuti correlati

  • La nuova famiglia di di convertitori analogico/digitali SAR ADC

    Texas Instruments ha ampliato oggi il suo portafoglio di convertitori di dati ad alta velocità con una nuova grande famiglia di convertitori analogico/digitali (ADC) SAR che consentono l’acquisizione di dati ad alta precisione nei progetti industriali. Dotata...

  • Alsiter e Aksilia Group: partnership per un servizio ‘chiavi in mano’

    In un panorama economico-giuridico estremamente mutevole e concorrenziale, le aziende possono appoggiarsi a dei centri di competenza che hanno il compito di svolgere attività di orientamento e formazione, nonché di supporto nell’attuazione di progetti di innovazione, ricerca...

  • 3D Systems e il team Alpine F1 migliorano la produttività della galleria del vento con un materiale sviluppato congiuntamente

    3D Systems annuncia la disponibilità di Accura Composite PIV, un nuovo materiale progettato specificamente per le applicazioni di collaudo PIV utilizzate soprattutto per le prove nella galleria del vento nel settore degli sport motoristici. Sviluppato in collaborazione...

  • Hewlett Packard Enterprise in Italia e HPE Coxa portano le imprese italiane nella data-driven-era

    Hewlett Packard Enterprise in Italia, società globale edge-to-cloud platform-as-a-service che aiuta le aziende ad accrescere i propri risultati liberando il valore dei loro dati, ovunque essi risiedano, e HPE COXA, azienda modenese specializzata nei servizi di ingegneria,...

  • Rilevamento affidabile di multipacks

    Leuze amplia la sua gamma di sensori a tasteggio di riferimento dinamico con il sensore per contenitori DRT 25C.R. Questi sensori si basano sull’innovativa tecnologia CAT (Contrast Adaptive Teach), che consente un nuovo principio di funzionamento per...

  • McService e Bosch Rexroth insieme per innovare i processi produttivi

    McService S.r.l. è un’azienda modenese di progettazione che opera nel settore della meccanica, con sede a Castelnuovo Rangone. È caratterizzata da due macro-divisioni aziendali, la prima consiste nel fornire un servizio di progettazione a terzi (per es....

  • trasformazione digitale
    BI-REX lancia i corsi di formazione per aziende e Pmi

    Dare ad aziende, Pmi e professionisti le competenze necessarie ad avviare i processi di trasformazione digitale in ambito Industria 4.0, sostenendo la ripresa e la competitività delle attività produttive in Italia: è l’obiettivo della prima edizione dei...

  • La nuova frontiera dell’idraulica

    Bosch nel 2020 è diventata carbon neutral e da sempre l’ergonomia e l’efficientamento energetico fanno parte dei suoi obiettivi aziendali. Con la famiglia CytroBox, grazie al sistema integrato di Energy on Demand, l’azienda garantisce un risparmio energetico...

  • Una scelta non sempre facile

    Sistema cartesiano o robot antropomorfo? Bisogna considerare produttività, ingombri sul layout e tempi morti Leggi l’articolo

  • Aprire le reti per la digitalizzazione della produzione

    Tutte le aziende sanno che la digitalizzazione end-to-end dei loro impianti di produzione è essenziale per poter affrontare il mercato in futuro. Per raggiungere l’obiettivo è necessario riconsiderare le strutture esistenti, crearne di nuove e aprire i...

Scopri le novità scelte per te x