Dati personali e intelligenza artificiale

Dalla rivista:
Automazione Oggi

 
Pubblicato il 14 febbraio 2024

L’intelligenza artificiale ogni giorno fa passi avanti, scopre nuove frontiere, e raggiunge nuovi obiettivi innovativi. Essa indubbiamente ha portato molti benefici, tra cui una migliore assistenza sanitaria, una produzione più efficiente e un’energia più conveniente e sostenibile. Questi sono solo alcuni esempi, perché ad oggi l’intelligenza artificiale spazia in ogni campo. Essa però comporta un importante trattamento dei dati personali, pertanto necessita di una regolamentazione. Infatti, nell’Aprile 2021, la Commissione Europea ha proposto un primo quadro normativo dell’Unione Europea sull’intelligenza artificiale. Ad oggi la legge non è ancora stata definitivamente approvata, ma l’obiettivo esposto dal Parlamento Europeo è quello di assicurarsi che i sistemi di intelligenza artificiale utilizzati nell’UE siano sicuri, trasparenti, tracciabili, non discriminatori e rispettosi dell’ambiente. L’obiettivo ambizioso è quello di creare un apparato normativo idoneo a essere applicato anche ai futuri sistemi di intelligenza artificiale. In particolare, in base ai rischi per i dati personali e anche al pericolo per gli utenti utilizzatori delle applicazioni con intelligenza artificiale, si differenzieranno le regolamentazioni: Rischio inaccettabile: tra cui ad esempio, manipolazione comportamentale cognitiva di persone o gruppi vulnerabili specifici come giocattoli attivati vocalmente che incoraggiano comportamenti pericolosi nei bambini; Alto rischio: tra cui ad esempio, i sistemi di intelligenza artificiale riguardanti la gestione e il funzionamento di infrastrutture critiche, o l’istruzione e la formazione professionale; AI generativa: come ChatGPT, che dovrà rispettare requisiti di trasparenza; Rischio limitato: per cui i sistemi di AI a rischio limitato dovrebbero rispettare requisiti minimi di trasparenza che consentano agli utenti di prendere decisioni informate. Queste sono le prime anticipazioni sulla legge sull’intelligenza artificiale, che sarà la prima normativa al mondo. Ad oggi, sono ancora in corso i negoziati con i Paesi dell’UE e con il Consiglio per la stesura finale della legge. Sulla questione è intervenuto anche il nostro Garante per la protezione dei dati personali con memoria del 9 Marzo 2022: il Garante specifica che in ogni caso, anche con questa nuova legge, il Regolamento Europeo n. 679/2016, il c.d. Gdpr, rimarrà la principale normativa di riferimento, che ha rappresentato l’avanguardia nella regolazione del mondo digitale. Nella memoria del 9 Marzo 2022, il Garante presenta anche delle proposte di intervento. Tra questi rilievi troviamo, in relazione agli obblighi di conformità dei sistemi di intelligenza artificiale, la richiesta che tali sistemi osservino i principi già espressi e consolidati dal Gdpr, come il principio minimizzazione del trattamento. Tale principio prevede che i titolari del trattamento devono raccogliere e conservare i dati solo nella misura strettamente necessaria al raggiungimento delle proprie finalità. Secondo il Garante, tale principio, “dovrebbe rappresentare un requisito necessario per la stessa autorizzazione all’immissione sul mercato europeo”. Inoltre, sostiene che dovrebbe essere previsto un divieto assoluto di utilizzo di sistemi di intelligenza artificiale funzionali a categorizzare le persone in insiemi, sulla base di dati biometrici, dell’etnia, del genere, dell’orientamento politico o sessuale, o ad altri motivi discriminanti. Ribadisce la priorità di prevedere un’autorità di vigilanza e controllo a livello europeo nell’attuazione del futuro regolamento, che potrebbe essere individuata nel Comitato europeo per l’intelligenza artificiale, con poteri indipendenti, potendo agire anche d’ufficio qualora riscontri delle violazioni. In tale contesto, sarà fondamentale per l’autorità centrale, interfacciarsi con le autorità di protezione dei dati dei singoli stati europei, la cui competenza potrebbe essere estesa anche all’intelligenza artificiale. Questo sarebbe fondamentale al fine di garantire un’interpretazione coerente alle disposizioni in materia di trattamento di dati personali ed evitare così difficoltà interpretative, nonché garantirebbe una maggiore facilità per l’utente che dovrebbe rivolgersi alla medesima autorità per i sistemi di intelligenza artificiale che operino su dati personali. Questa scelta rappresenterebbe inoltre un risparmio notevole per gli Stati Membri nell’adeguamento al nuovo regolamento, infatti, l’individuazione del Garante nell’autorità di controllo permetterebbe un adeguamento normativo maggiormente tempestivo alla luce della precedente esperienza maturata nel processo decisionale automatizzato tipico dell’intelligenza artificiale, ma già presente nell’ambito della privacy. In conclusione, l’intelligenza artificiale e la privacy hanno dei profili di regolamentazione molto simili, e integrando la regolamentazione della privacy con il nuovo regolamento europeo per l’intelligenza artificiale si avrà un quadro normativo europeo unico al mondo e innovativo. Dunque, non ci resta che aspettare il regolamento.

Scarica il pdf



Contenuti correlati

  • Con Omron verso la digitalizzazione, seguendo un approccio Kaizen

    Kaizen, ovvero ‘cambiare in meglio’, mettersi alla prova per ottenere risultati migliorativi concreti: di questo e di digitalizzazione si è parlato in occasione della giornata di studio promossa da Omron in collaborazione con i partner FasThink e Kaizen Institute,...

  • Monitoraggio e analytics per un cambio di passo nella manifattura

    La digitalizzazione ha rivoluzionato il modo in cui le aziende operano sul mercato, generando crescenti opportunità per identificare, creare e sfruttare nuovi tipi di business model, soluzioni e servizi, anche nel contesto di settori tradizionali e consolidati...

  • green computing Bitrock
    Green computing, emissioni di CO2 ridotte fino al 50%

    L’uso della tecnologia ha un impatto significativo sull’ambiente e le aziende impegnate nel percorso verso la sostenibilità devono tenerne conto. È per questo che Bitrock, consulting company 100% Made in Italy appartenente al Gruppo Fortitude, ha messo...

  • IDC GenAI
    La GenAI primo motore degli investimenti infrastrutturali

    Secondo la più recente Worldwide Future of Digital Infrastructure Sentiment Survey di IDC, quasi otto aziende su dieci hanno dichiarato di ritenere l’infrastruttura digitale “importante” o “mission critical” per il successo delle proprie iniziative di business. La...

  • sicurezza AI Axitea
    AI e sicurezza: come prevenire gli infortuni sul lavoro

    Di Marco Bavazzano, Amministratore Delegato di Axitea Ciclicamente, e con dispiacere, ci troviamo a leggere o ascoltare di storie di infortuni sul lavoro che hanno purtroppo spesso un epilogo tragico, con conseguenti bilanci, commenti e iniziative sulle...

  • AI per le intranet: uno strumento che integra e potenzia le capacità umane, senza sostituirle

    Già da tempo l’intelligenza artificiale fa parte della nostra vita quotidiana ed è usata da moltissime aziende, in Italia e nel mondo. Gli algoritmi intelligenti sono capaci di apprendere ed elaborare le informazioni e suggeriscono alle persone...

  • Osservatorio Internet of Things
    Il mercato dell’Internet of Things cresce e sfiora i 9 miliardi di euro

    Non si arresta la corsa del mercato italiano dell’Internet of Things. Nel 2023 ha raggiunto un valore di 8,9 miliardi di euro, +9% rispetto al 2022. Tra i diversi ambiti, la fetta più grande del mercato è...

  • Gli accertamenti ispettivi di Enasarco nelle società

    Fondazione Enasarco è l’ente previdenziale obbligatorio italiano per tutti i professionisti che esercitano attività di intermediazione commerciale e finanziaria, in virtù di un contratto di agenzia ovvero di rappresentanza. Una delle principali attività svolta dalla Fondazione è...

  • Corretta gestione dei dati

    Come si possono racchiudere tutti i dati in un unico grande contenitore, che renda più agevole l’analisi e, di conseguenza, la capacità di prendere decisioni fondate su elementi oggettivi? Le moderne organizzazioni devono fare i conti con...

  • Industria di processo: motore della crescita

    Cambiamenti geopolitici ed economici, scenario competitivo in evoluzione e difficoltà nella catena di approvvigionamento hanno portato verso nuovi modelli di business, integrazione dei principi ESG e adozione di tecnologie come l’intelligenza artificiale e il digital twin Le...

Scopri le novità scelte per te x