Cresce in Europa la propensione verso l’Intelligenza artificiale

Secondo lo studio Ibm la pandemia ha spinto l’accelerazione dell’Intelligenza artificiale tra le aziende europee. Il 72% delle imprese intervistate afferma che è importante potersi fidare dei risultati dell’IA per progredire nel business

Pubblicato il 3 luglio 2021

La ricerca “Global AI Adoption Index 2021” commissionata da IBM e condotta da Morning Consult in Italia, Francia, Germania, Spagna e Regno Unito fotografa lo stato dell’arte nell’adozione dell’intelligenza artificiale da parte delle società europee e l’impatto che la pandemia Covid-19 ha avuto sulla pervasività di questa tecnologia.

Secondo la ricerca, più di un terzo (36%) dei professionisti IT afferma che la propria azienda ha accelerato il roll out (in marketing il lancio di un prodotto) dell’AI come diretta conseguenza della pandemia. Tuttavia, solo il 27% sostiene che la propria organizzazione ha effettivamente impegnato l’AI per il proprio business. Un ulteriore 44% degli intervistati riferisce che la propria azienda sta attivamente esplorando l’uso AI per le proprie attività.

Nel processo di valutazione del fornitore di AI, il 43% delle aziende ritiene che l’elemento cardine della propria scelta è la capacità di questa tecnologia evoluta di automatizzare i processi al fine di favorire e rafforzare il lavoro a valore aggiunto. Inoltre, come conseguenza diretta della pandemia Covid-19, più di un terzo (34%) dei professionisti IT europei ha scelto di utilizzare software o strumenti di automazione a supporto della produttività dei dipendenti. Infine, oltre un terzo dei professionisti IT europei (35%) dichiara che la propria azienda prevede di investire in applicazioni AI off-the-shelf (preconfezionate) nei prossimi 12 mesi.

Tra gli intervistati che hanno già investito in AI, e sono attualmente impegnati nella sua introduzione all’interno dei processi di business o comunque in una fase esplorativa, il principale motivo di interesse e preoccupazione è la necessità di generare fiducia nei risultati aziendali (72%). In questo gruppo di professionisti, il 57% ha evidenziato l’importanza di scegliere un fornitore di tecnologia con un forte ecosistema di software di terze parti e partner tecnologici.

“Le aziende di tutta Europa sono sempre più consapevoli che infondere l’AI e l’automazione nei propri processi aziendali può rendere l’organizzazione più resiliente, un risultato importante in grado di guidare l’accelerazione dell’AI e favorire la sua accettazione da parte di audience più ampie. Tuttavia, permangono alcune riserve che ne limitano la piena fiducia e adozione” afferma Jean-Philippe Desbiolles, Global Vice-President for Data, Cognitive & AI, Global Markets di IBM. “Le resistenze legate alla fiducia e alla mancanza di competenze, vanno superate: qualsiasi esitazione rischia di tramutarsi in un vantaggio commerciale per i competitor che hanno già iniziato il proprio viaggio nell’AI”.

L’indagine ha rilevato che il 38% dei professionisti IT europei sta attualmente utilizzando applicazioni di elaborazione del linguaggio naturale (NLP) e oltre un quarto (26%) ha riferito che la propria azienda progetta di adottarle nei prossimi 12 mesi.

L’AI è sempre più vista come una tecnologia rivoluzionaria, che trasformerà il modo in cui le aziende operano, ma alcuni aspetti ne frenano ancora l’adozione: il 38% ha citato l’apparente complessità dell’integrazione dell’AI nei sistemi aziendali esistenti; per il 33% la ragione principale è la mancanza di esperienza o conoscenze; il 29% ha identificato la crescente complessità dei dati e l’organizzazione in silos.

La proliferazione di dati all’interno di ogni processo aziendale comporta che oltre due terzi dei professionisti IT in Europa attingano da oltre 20 diverse fonti di dati per informare la propria AI. Quasi il 90% degli intervistati afferma che la capacità di eseguire i progetti di AI ovunque i dati risiedano è cruciale per favorire l’adozione della tecnologia.

Nonostante questi fattori, l’AI sta diventando sempre più accessibile: per il 41% degli intervistati la crescente accessibilità delle nuove soluzioni ha rappresentato un elemento determinante e può favorire un aumento dell’adozione della stessa.

 

Fonte foto – Intelligenza Artificiale: immagini, foto stock e grafica vettoriale | Shutterstock

Franco Metta



Contenuti correlati

  • I tre maggiori trend tecnologici del futuro nel report ‘Tech in 2021’

    Forrester prevede fino al 20% delle aziende Fortune 500 non arriverà ‘sana’ alla fine del 2021... Il rapporto Tech in 2021 approfondisce le tendenze tecnologiche e lavorative che il Covid-19 ha accelerato e fornisce indicazioni su come i leader...

  • Sistem Evo

    Le giovani aziende che si affacciano al mondo del mercato sono sempre più mosse da senso pratico, e dalle nuove sfide che offre la tecnologia moderna. Questo mese approfondiamo la conoscenza di ‘Sistem Evo’, la start-up che...

  • Intervista a Max Mauri, CEO di Seco

    Seco è un’azienda italiana che opera nel mercato dell’alta tecnologia, progettando, sviluppando e producendo soluzioni per il medicale, l’automazione, l’aerospace e la difesa, il vending, il wellness fino ad arrivare all’Intelligenza Artificiale, e alla creazione di soluzioni...

  • Sbagliando si impara

    Il reinforcement learning è il paradigma di ML che più si avvicina al processo naturale di apprendimento autonomo per tentativi ed errori Leggi l’articolo

  • Come sfruttare al meglio i dati di produzione

    Estrarre informazioni dai dati può rivelarsi una sfida complessa. Proficy Operations Hub permette di monitorare, controllare, inserire e analizzare dati provenienti da fonti eterogenee in maniera semplice, rapida e intuitiva. Proficy CSense, utilizzando AI e ML, consente...

  • Spyware e script dannosi minacciano i sistemi ICS

    Secondo Kaspersky ICS Cert (Industrial Control Systems Cyber Emergency Response Team), nel primo semestre del 2021 quasi un computer aziendale su tre è stato soggetto ad attività dannose. Durante il primo semestre del 2021, i criminali informatici hanno...

  • Dalla parte dell’operatore

    IoT, intelligenza artificiale, collaborazione uomo-macchina, digitalizzazione, flessibilità e scambio dati. Come lo sviluppo tecnologico sta trasformando le macchine in importanti alleati per la qualità e la salvaguardia degli operatori in ottica ‘smart production’? Leggi l’articolo

  • Big Data e automazione dei processi, Acea si affida a Minsait

    Minsait, società del gruppo Indra, è stata scelta da Acea come partner tecnologico per la gestione digitale dei dati e per l’automazione dei processi. La multi-utility romana ha affidato a Minsait due nuovi contratti relativi alla fornitura...

  • Esperienze psichedeliche e coscienza

    Il risultato di un esperimento condotto sul racconto di stati di coscienza alterati potrebbe ribaltare i rapporti tra la macchina e l’essere umano Leggi l’articolo

  • o9 Solutions a supporto di Pirelli per il digital Integrated Business Planning

    Pirelli e o9 Solutions saranno partner per la trasformazione digitale dell’Integrated Business Planning aziendale. o9, piattaforma basata sull’intelligenza artificiale e machine learning, viene già utilizzata oggi dalla società di pneumatici per la pianificazione strategica di lungo periodo...

Scopri le novità scelte per te x