Cresce in Europa la propensione verso l’Intelligenza artificiale

Secondo lo studio Ibm la pandemia ha spinto l’accelerazione dell’Intelligenza artificiale tra le aziende europee. Il 72% delle imprese intervistate afferma che è importante potersi fidare dei risultati dell’IA per progredire nel business

Pubblicato il 3 luglio 2021

La ricerca “Global AI Adoption Index 2021” commissionata da IBM e condotta da Morning Consult in Italia, Francia, Germania, Spagna e Regno Unito fotografa lo stato dell’arte nell’adozione dell’intelligenza artificiale da parte delle società europee e l’impatto che la pandemia Covid-19 ha avuto sulla pervasività di questa tecnologia.

Secondo la ricerca, più di un terzo (36%) dei professionisti IT afferma che la propria azienda ha accelerato il roll out (in marketing il lancio di un prodotto) dell’AI come diretta conseguenza della pandemia. Tuttavia, solo il 27% sostiene che la propria organizzazione ha effettivamente impegnato l’AI per il proprio business. Un ulteriore 44% degli intervistati riferisce che la propria azienda sta attivamente esplorando l’uso AI per le proprie attività.

Nel processo di valutazione del fornitore di AI, il 43% delle aziende ritiene che l’elemento cardine della propria scelta è la capacità di questa tecnologia evoluta di automatizzare i processi al fine di favorire e rafforzare il lavoro a valore aggiunto. Inoltre, come conseguenza diretta della pandemia Covid-19, più di un terzo (34%) dei professionisti IT europei ha scelto di utilizzare software o strumenti di automazione a supporto della produttività dei dipendenti. Infine, oltre un terzo dei professionisti IT europei (35%) dichiara che la propria azienda prevede di investire in applicazioni AI off-the-shelf (preconfezionate) nei prossimi 12 mesi.

Tra gli intervistati che hanno già investito in AI, e sono attualmente impegnati nella sua introduzione all’interno dei processi di business o comunque in una fase esplorativa, il principale motivo di interesse e preoccupazione è la necessità di generare fiducia nei risultati aziendali (72%). In questo gruppo di professionisti, il 57% ha evidenziato l’importanza di scegliere un fornitore di tecnologia con un forte ecosistema di software di terze parti e partner tecnologici.

“Le aziende di tutta Europa sono sempre più consapevoli che infondere l’AI e l’automazione nei propri processi aziendali può rendere l’organizzazione più resiliente, un risultato importante in grado di guidare l’accelerazione dell’AI e favorire la sua accettazione da parte di audience più ampie. Tuttavia, permangono alcune riserve che ne limitano la piena fiducia e adozione” afferma Jean-Philippe Desbiolles, Global Vice-President for Data, Cognitive & AI, Global Markets di IBM. “Le resistenze legate alla fiducia e alla mancanza di competenze, vanno superate: qualsiasi esitazione rischia di tramutarsi in un vantaggio commerciale per i competitor che hanno già iniziato il proprio viaggio nell’AI”.

L’indagine ha rilevato che il 38% dei professionisti IT europei sta attualmente utilizzando applicazioni di elaborazione del linguaggio naturale (NLP) e oltre un quarto (26%) ha riferito che la propria azienda progetta di adottarle nei prossimi 12 mesi.

L’AI è sempre più vista come una tecnologia rivoluzionaria, che trasformerà il modo in cui le aziende operano, ma alcuni aspetti ne frenano ancora l’adozione: il 38% ha citato l’apparente complessità dell’integrazione dell’AI nei sistemi aziendali esistenti; per il 33% la ragione principale è la mancanza di esperienza o conoscenze; il 29% ha identificato la crescente complessità dei dati e l’organizzazione in silos.

La proliferazione di dati all’interno di ogni processo aziendale comporta che oltre due terzi dei professionisti IT in Europa attingano da oltre 20 diverse fonti di dati per informare la propria AI. Quasi il 90% degli intervistati afferma che la capacità di eseguire i progetti di AI ovunque i dati risiedano è cruciale per favorire l’adozione della tecnologia.

Nonostante questi fattori, l’AI sta diventando sempre più accessibile: per il 41% degli intervistati la crescente accessibilità delle nuove soluzioni ha rappresentato un elemento determinante e può favorire un aumento dell’adozione della stessa.

 

Fonte foto – Intelligenza Artificiale: immagini, foto stock e grafica vettoriale | Shutterstock

Franco Metta



Contenuti correlati

  • Altair Simulation 2022
    Altair ha acquisito Gen3D

    Altair ha acquisito Gen3D, una startup dell’Università di Bath, nel Regno Unito. Gen3D è un pioniere nell’implementazione del metodo della geometria implicita per la descrizione di geometrie altamente complesse, come le strutture reticolari nella produzione additiva (AM)....

  • Digitalizzazione attraverso il 5G: la tecnologia può salvare il mondo?

    La rete delle meraviglie’, ‘la tecnologia chiave per la società in rete’ o ‘scatenare l’era digitale’: leggendo i titoli dei giornali sul più recente standard di comunicazione mobile si potrebbe pensare che il 5G risolverà tutti i...

  • Industry 4.0: l’89% delle aziende è colpito da attacchi cyber e subisce milioni di perdite

    Nell’ultimo anno l’89% delle organizzazioni nei settori elettrico, oil&gas e manifatturiero ha subito un attacco cyber che ha danneggiato la produzione e la fornitura di energia. Il dato emerge da “The State of Industrial Cybersecurity”, l’ultimo studio...

  • Reply minacce informatiche
    Automation e AI sono la chiave per difendersi dalle minacce del mondo digitale

    La cybersecurity rappresenta oggi una priorità assoluta e contestuale all’implementazione di nuove tecnologie, dato il ruolo cruciale che sono arrivate ad occupare nelle nostre vite private e professionali. Smart Home, Connected Car, Delivery Robot: l’evoluzione non si...

  • Arrow Dani edge
    Edge Computing al servizio delle persone con mobilità limitata con Arrow

    Arrow Electronics ha presentato il nuovo progetto Data Analytics & Network Innovation, noto anche come “Progetto Dani“, che contribuisce a migliorare la vita delle persone che utilizzano la sedia a rotelle e di coloro con mobilità limitata....

  • Tecnoform certificati bianchi Ammagamma
    La trasformazione digitale con Ammagamma fa ottenere a Tecnoform i certificati bianchi

    Ammagamma, società di data science che offre soluzioni di Intelligenza Artificiale alle aziende, e il Gruppo Hera, una delle maggiori multiutility italiane, hanno avviato un nuovo progetto innovativo per Tecnoform, azienda emiliana del settore stampaggi, che ha...

  • Metaverso Metapresence TechStar
    Come gestire il business nel Metaverso con TechStar

    Il Metaverso è realtà: uno spazio virtuale ma concreto, in evoluzione ma già pronto da esplorare, da vedere, sentire e ora abitare grazie a TechStar, realtà tecnologica italiana Metaverse Enabler che accompagna le aziende nella loro Virtual...

  • A SPS Italia 2022, Neurala punta sulla valorizzazione delle risorse umane

    Parliamo di ESG, ovvero di aspetti ambientali, sociali e di governance aziendale. Oggi più che mai, infatti, l’attenzione del pubblico è catalizzata dai temi della sostenibilità, dell’inclusione sociale e dell’etica aziendale. L’automazione in questo scenario può fare molto, sia...

  • Lopigom sceglie l’Intelligenza Artificiale di Vedrai per crescere del 56% entro il 2023

    Per le aziende manifatturiere italiane adottare soluzioni di Intelligenza Artificiale è un’opportunità per orientarsi con lungimiranza nel mercato, prendere decisioni in materia di investimenti e acquisire vantaggi competitivi nei momenti cruciali del proprio sviluppo. A dimostrarlo è...

  • Intelligenza Artificiale a noleggio

    Consentire alle piccole e medie imprese di accedere alle soluzioni di Intelligenza Artificiale anche tramite lo strumento del noleggio operativo: nasce con questo obiettivo la partnership tra Vedrai, società specializzata nello sviluppo di soluzioni basate su AI...

Scopri le novità scelte per te x